Alla sorgente del gange

Tre aspiranti trekker alla conquista dell’Himalaya senza scala mobile Chi ha detto che per raggiungere la sorgente del Gange bisogna essere degli esperti in arrampicata, non conosce noi e la nostra avventura. Ci presentiamo siamo Nico, Eli e Dona, tre ...

  • di nicki
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Tre aspiranti trekker alla conquista dell’Himalaya senza scala mobile Chi ha detto che per raggiungere la sorgente del Gange bisogna essere degli esperti in arrampicata, non conosce noi e la nostra avventura.

Ci presentiamo siamo Nico, Eli e Dona, tre “giovani” donne quarantenni che, nella nostra vita di Milano e dintorni, lo sport più estremo che pratichiamo è quello di fare rifornimento di benzina da sole al distributore selfservice. Dopo un anno di “duro allenamento” sfruttando ogni pieno di carburante come preparazione ginnica al tour, al massimo del nostro rendimento fisico, in un vortice di entusiasmo e dopo 10 ore di volo, ci siamo catapultate alla conquista dell’Himalaya.

Armate di coraggio e tanto spirito di adattamento, abbiamo lasciato i nostri tacchi a spillo per dei comodi scarponcini, sostituito i nostri trolley colorati con dei semplici zaini e, con l’aiuto della nostra guida, giorno dopo giorno ci siamo avviate verso la scoperta di questo mondo fatto di bellezze naturali ma anche di intensa spiritualità.

Le cime dei ghiacciai al sole del primo mattino, il verde smeraldo della vegetazione, nonostante l’altitudine, l’intensità dell’azzurro del cielo, sono uno spettacolo che pur intensa e fervida sia l’immaginazione, ti coglie impreparato e ti porta all’infinitamente piccolo che è l’uomo dinnanzi alla maestosità e alla purezza di queste montagne.

Siamo nella regione dell’Uttaranchal, famosa per ospitare numerose cime tra le quali la più imponente è il Nanda Devi (7.816 mt.) e per le città sacre agli induisti, mète di pellegrinaggi per migliaia di credenti. La nostra avventura comincia dal villaggio di Gangotri a più di 3000 metri di altitudine. Partite all’alba con gli zaini e i nostri sacchi a pelo in spalla, abbiamo incominciato il nostro trekking che ci avrebbe portate a Gaumukh a toccare con le nostre mani il Gange appena nato. Il percorso ha fatto la sua prima tappa presso un piccolo villaggio di asceti dove la pace e la tranquillità era scandita dal ritmo e dal fervore di bellissime cascate incorniciate da arcobaleni e pietre levigate rese cangianti dal sole del primo mattino. La spiritualità è densa e palpabile ad ogni respiro. Il tempio che abbiamo incontrato lungo i primi chilometri del nostro percorso, ci ha regalato l’emozione della nostra prima “benedizione” impartitaci da un “guru rasta” vestito di arancione. I nostri compagni di viaggio sono stati incontri fugaci con pellegrini quasi sempre scalzi, con occhi scuri colmi di luce e sorrisi che scaldavano più del sole. Non sappiamo dirvi quanto ha influito la fatica o quanto la visione di questo mondo quasi surreale ma passo dopo passo mentre le nostre gambe diventavano sempre più pesanti, i nostri cuori si alleggerivano sempre più. Ai primi segni di cedimento (dopo i primi tre chilometri) avremmo barattato volentieri i nostri scarponcini con un passaggio sulla groppa di uno dei tanti muli carichi di merci che ci superavano ragliando, quasi volessero farci sentire ancora più lumache. Dopo aver guadato più di un fiume, mangiato tavolette energizzanti, bevuto un rifocillante thè indiano presso uno dei numerosi “punti di ristoro”, abbiamo percorso i 14 kilometri che ci dividevano dalla nostra prima mèta, Bhojbasa a 3.780 metri, dove in un grande altipiano, ci attendeva nell’ashram (dove si incontrano gli induisti per pregare), la piccola camera che ci avrebbe ospitato per la notte. L’accoglienza è stata calorosa, eravamo le prime tre donne italiane che pernottavano lì. Il capo dell’ashram ci ha invitate a cenare con lui e i pellegrini induisti. E’ stato emozionante condividere riso e verdure mentre i commensali recitavano i mantra con i loro cori penetranti e avvolgenti. Stanchissime, provate più dall’emozione che dalla fatica, ci siamo immerse nella magia di quella notte tra stelle iridescenti e la luna che definiva appena i contorni dei picchi che ci circondavano. Ci siamo scambiate pochissime parole quasi temessimo di risvegliarci da un sogno. Non so se ogni trekker prova queste emozioni quando è sulla cima di una montagna, ma quello che abbiamo sentito noi è qualcosa che ancora ci portiamo nel cuore. Tutto questo misticismo ci ha aiutato ad ovattare la completa assenza di comodità. Niente letti ma delle semplici coperte di lana sulle quali poggiare i nostri ben amati sacchi a pelo; nessuna luce elettrica, a parte le nostre fedeli torce ma nessuna suite di un grande albergo ci ha regalato il silenzio e la pace che ci ha trasmesso quella piccola, spoglia e semplice camera. Al risveglio, praticamente all’alba, la nostra guida ci ha riservato un bellissimo regalo, una brocca di acqua fumante per lavarci il viso, e credeteci non c’è nessun trattamento di bellezza che avremmo gradito di più. Rigenerate dal meritato riposo e dalla sontuosa colazione, ci siamo avviate per l’ultimo tratto di sentiero: quello che ci avrebbe portate alla sorgente del Gange. Quattro kilometri ci distanziavano dalla mèta. L’aria del primo mattino, immersi nella bruma, tra i picchi baciati dalle nuvole, il tempo era un non tempo e l’ora che abbiamo impiegato a raggiungere la sorgente è sembrata tanto dilatata da pensare che ne fossero trascorse almeno il doppio. Qualche attimo di apnea per l’emozione e poi un urlo liberatorio: Gaumukh “la bocca della mucca”, il ghiacciaio dal quale la Grande Madre partorisce il ”Ganga” (o Gange) il Fiume Sacro agli induisti, era dinnanzi a noi con tutta la sua Forza e la sua Imponenza. Tutte le paure, le perplessità sulla nostra possibilità di riuscita si sono disperse nel fluttuare dei gorghi di questa massa d’acqua. Ognuna di noi ha vissuto questo momento in sé stessa godendo della sensazione di pienezza che permea questo luogo. Non è la religione che fa la differenza tra gli uomini ma lo spirito con il quale si vivono le azioni. In quel momento noi, tre cattoliche, abbiamo reso omaggio alla Terra e all’Essere superiore che l’ha creata. Dopo aver prelevato una borraccia di acqua come segno della nostra vittoria, ci siamo rincamminate verso il sentiero di ritorno verso Gangotri. Per i nostri piedi ben ventidue kilometri di marcia e siamo certe che a loro nulla importava dello spirito del Gange e sicuramente rimpiangevano i tacchi a spillo tra le vie di Milano

  • 2920 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social