Da Chennai a Varkala con tutti i mezzi. Tamil Nadu e Kerala da vivere.

Immergetevi da soli nell' India del Sud e vivete tra la gente. Ricorderete un' esperienza impagabile.

  • di blacknero
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

14/01/2011

Partenza da Roma ore 14,30, volo Emirates con scalo a Dubai.

Aereo in ritardo da Roma , speriamo di non perdere la coincidenza.

15/01/2011

Arrivo a Chennay il 15/01 alle 8.00.

Più di un’ ora per sbrigare tutte le formalità. Fuori c’è un gran caldo e una gran calca vociante.

Concordiamo il prezzo per un taxi prepagato che ci porti alla stazione dei bus di Adyar per partire per Mamallapuram. Durante il tragitto ci mettiamo d’accordo con il tassista che per 1100 rupie ci porterà fino a Mamallapuram. Alla fine le Rupie diventeranno 1500.

L’ Hotel è il Sea Breeze , di fronte al mare . Camere spartane ma decenti. Ci lasciamo andare e cadiamo in un sonno profondo fino alle 15,00. Poi usciamo , mangiamo qualcosa nel ristorante dell’ Hotel e andiamo a conoscere Mamallapuram.

Mamallapuram è una piccola città a misura di turista , molto visitata per le sue numerose testimonianze artistiche ed è patrimonio dell’ Unesco. Compriamo per strada alcune cose da bagno , cambiamo un po’ di soldi e andiamo a visitare il complesso monolitico rappresentato dal Descent of the Ganga and Arjuna's Penance , con bassorilievi e templi scolpiti nel granito . Nel sito conosciamo Raja che ci accompagna facendoci una panoramica del sito e delle sue rappresentazioni. Quando si fa sera ci fermiamo sul promontorio che domina i templi (in mezzo ad alcune capre) ad assistere ad una rappresentazione di danze indiane che si svolge sulla strada , a dir la verità non molto entusiasmante.

Verso le sette , Raja ci porta in una piccola bottega per acquistare qualche oggetto in granito fatto dai locali artigiani di Mamallapuram , tra l’altro famosa per l’ abilità degli scultori di questa zona.

Compriamo un elefante decorato per 1100 Rp.

La sera siamo al primo piano del Seagulls a mangiare un ottimo piatto di pesce per 990 Rp.

16/01/2011

Sveglia ore 9.00 al gracchiare insistente di uno stormo di corvi.

Dopo una colazione minimale e non buona andiamo ai Five Rathas , un gruppo di 5 piccoli templi raccolti in un piccolo cortile , scoperti in epoca recente dagli inglesi e che rappresentano 5 divinità abbinate alle grosse sculture di 5 animali venerati in India. E’ Domenica , la giornata è caldissima , e intorno all’ area dei Five Rathas ci sono folle di turisti indiani venuti da ogni parte. La zona è molto frequentata e ci sono tantissime bancarelle. Al termine della visita andiamo a piedi alla stazione dei bus per capire quando parte il bus per Chengalpattu che è una tappa intermedia per Tiruvannamalai , ma non riusciamo a capire nulla. Andiamo a mangiare qualcosa in un piccolo locale , Barbara mangia un paio di pesci misteriosi mentre io mi bevo un bicchiere di acqua e limone e studio la Lonely.

Andiamo in Hotel , a due passi da dove siamo , per darci una rinfrescata e nel pomeriggio andiamo verso quella che dovrebbe essere l‘attrazione principale di Mamallapuram , ovvero lo Short Temple. All’ ingresso (250 Rp) ci sono due file zeppe di gente. Una fila porta dentro al piccolo tempio , l’ altra segue un piccolo sentiero pieno di botteghe e bancarelle e porta in spiaggia.

Il tempio in realtà è caratteristico proprio perché è in riva al mare , e si pensa che non fosse l’unico esistente in passato , prima che il mare avanzasse il suo fronte. Barbara comincia le prove generali di come ci si comporta nelle visite , togliendosi le scarpe ed entrando scalza nel piccolo vestibolo ad omaggiare la divinità di turno. La cosa che ci stupisce , e che presto diventerà una normale abitudine , è il fatto che molti indiani , giovani , anziani , famiglie , coppie , ci fermano chiedendoci di fare una foto con loro. Solo per il gusto di avere un ricordo con persone occidentali

  • 23526 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social