Ricordi indiani

Spiritualità, amore e ospitalità..

  • di karenka
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: due
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Destinazione: India del Nord

Tempo a disposizione: 24 gg

Posti visitati: Delhi - Bikaner - Jodhpu - Udaipur - Ajmer - Pushkar - Jaipur - Ranthambhore N.P. - Agra - Orcha - Khajuraho - Varanasi ed altri luoghi di strada come Ranakpur etc.

Periodo: da fine Novembre a metà Dicembre

Costo del viaggio: 550 euro Volo Turkish Airlines da Roma FCO a Delhi (scalo Istanbul) + 500 euro pp tour organizzato di 16 gg con autista, hotel media categoria con colazione, biglietti dei treni in classe 1AC + Altre spese personali e di sopravvivenza.

Breve Resoconto:

Disorganizzati e con un budget molto limitato, io e Tomè abbiamo deciso di partire per l'India totalmente all'avventura, provvisti solo di quanche vestito e macchinette fotografiche. Non è stato facile, soprattutto agli inizi, ma l'India è un paese disarmante che regala emozioni forti anche ai viaggiatori più esperti. Inoltre l'India, come scritto giustamente nella Lonely Planet, ricompensa chi sa adattarsi e questa è la cosa più importante da ricordare e tenere presente durante il viaggio.

Consigli Utili? Armarsi di pazienza. Poi il resto verrà da sè! A Delhi in particolare ci sono moltissimi negozi e mercati che vendono di tutto, dai tipici souvernir ai prodotti per l'igiene personale, accessori fotografici e da tracking. Anche farmacie dove troverete ottimi medicinali. Quindi partite leggeri perchè se vi sposterete, sia con un autista privato,con un treno o un pullman, risulta comodo non avere valigie ingombranti e pesanti.

Per chi non ha molto tempo a disposizione consiglio di ricercare i tour operator locali, ce ne sono a centinaia, i quali, oltre ad essere molto economici, ascolteranno le vostre richieste e vi faranno viaggiare in sicurezza. Sicurezza non è comodità. Le strade e specialmente le autostrade sono in costruzione, o passano per i villaggi, o non ci sono proprio... ed è difficile trovare dei tratti percorribili senza problemi. Nei treni bisogna arrangiarsi, anche nelle categorie più alte e ricordate PRENOTATE I BIGLIETTI DEL TRENO APPENA ARRIVATE, sempre che non vogliate viaggiare con la maggiorparte delle persone del posto, potrebbe essere più faticoso ma saprà stupirvi come solo l'India sa fare ;).

Noi a Delhi allggiavamo a Main Baazar, una zona centralissima ma molto confusionaria poichè c'è il mercato principale ed è un continuo via vai di persone, risciò, moto, mucche.. Per le strade di Old Delhi ci siamo persi più e più volte finchè abbiamo capito che prendere i risciò è una cosa molto utile per spostarsi, perchè economica e veloce e vi permette di passare per le strade della città e vedere e capire come si svolge la vita quotidiana. Vi ritroverete catapultati in un calderone bollente di odori e colori, rumori e melodie, persone ed animali e sarà un vero e proprio delirio dei sensi, un'esperienza indimenticabile e se siete coraggiosi e pensate di avere i nervi saldi vi consiglio di perdervi, sempre stando attenti, nel quartiere di Chandni Chowk.. Può sembrare strano che qualcuno vi consigli di perdervi in una città caotica e popolosa come New Delhi, ma vi assicuro che le immagini più forti e vere, belle e meno belle, non si trovano tra gli archi di Connaught Place o sotto i monumenti.

Il Rajasthan è una regione incredibile, forse quella che rappresenta maggiormente il subcontinente, sia per i colori, per le spezie, per i tessuti e le opere architettoniche, ma anche per questo è la più turistica e nella quale non abbiamo trovato il modo di rilassarci e goderci lo spirito dell'India. Orcha e Khajuraho invece, nonostante le piccole dimensioni ed un limitato sito archeologico, sono luoghi rilassanti, e come direbbero in hindi "shaaaaanti shaaaanti", dove c'è un turismo contenuto, ci sono spazi verdi e le persone sono curiose, gentili e poco invadenti. Qui abbiamo fatto amicizia, conosciuto famiglie e bevuto del buon rum con la gente del posto..ma soprattutto abbiamo trovato quello che volevamo vedere: la spiritualità, l'amore e l'ospitalità ovvero i tre elementi che gli indiani ritengono fondamentali nella vita

  • 4287 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social