In Corsica da Bastia ai Calanchi di Piana

Base a Calvi con sosta nelle migliori spiagge e gita in barca nelle riserve naturali di Scandola, Girolata e Capo Rosso

  • di f.silvia81
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

1° GIORNO

Siamo partiti domenica 28 agosto 2016 da Livorno con la Corsica Ferries alle ore 8.00. Alle 12.05 puntuali come un orologio svizzero siamo arrivati al porto di Bastia. Subito abbiamo preso la D81 con direzione Calvì, lì a pochi km dal centro città avevamo prenotato il residence dove avremmo alloggiato per l’intero soggiorno (Residence Padro che consiglio vivamente – avevamo un bilocale a piano terra con cortiletto privato con accesso alla piscina e parcheggio auto davanti all’ingresso). C’erano altre strade più veloci che conducevano a Calvì ma noi appositamente scegliemmo questa strada parecchio tortuosa ma con dei panorami mozzafiato. Abbiamo attraversato tutto il desert des Agriates, per poi riprendere la strada che costeggia il mare fino ad arrivare alla Plage de Bodri, poco più a sud della Ile-Rousse dove abbiamo passato l’intero pomeriggio. E’ una spiaggia di sabbia chiara con un mare meraviglioso, facilmente accessibile. C’è un parcheggio a poche centinaia di metri a 2,50 al giorno, ma non c’era posto e abbiamo pertanto lasciato la macchina sulla strada principale (500mt in più a piedi). La sera l’abbiamo passata nella marina di Calvì, piena di ristoranti, localini, negozietti di souvenirs, una vera chicca.

2° GIORNO

Siamo partiti alla volta dei calanchi, direzione porto-piana. La strada è bruttissima ma ripagata dai panorami che si intravedono. Ci abbiamo messo due ore abbondanti, strada tutte curve molto stette, prestavamo la massima attenzione quando incontrare altre macchine o ancor peggio camper, e non sono mancate mucche e capre che attraversavano o giacevano in mezzo alla strada. Loro sono le padrone della strada! Quindi prudenza e massima attenzione soprattutto nelle curve cieche. Ci sono piazzole dove è possibile fermarmi per fotografare i bellissimi panorami sulla Scandola, Golf di Girolata e Porto. Appena passato Porto proseguite in direzione Piana e da lì a poco inizieranno i Calanchi. C’è un parcheggio sulla destra dove proprio sopra di voi c’è rappresentato la testa di una cane (tete du chien) e li sono indicati tutti i sentieri. Noi abbiamo parcheggiato la macchina lì e imboccato il sentiero più breve che parte proprio da sotto la testa del cane. 30 minuti ma forse ce ne abbiamo messi anche 40. Assolutamente consigliate scarpe da ginnastica e macchina fotografica. Arriverete in un “piazzale” a precipizio sul mare che vi lascerà senza parole. Al ritorno dal sentiero abbiamo ripreso la macchina e proseguito per i calanchi. Potete anche lasciare la macchina lì e andare a piedi, sono giusto un paio di km. Noi ci siamo permessi di salire e fermarci con la macchina nelle piazzole più avanti perché c’era poca gente ma non sempre è così. Gustateveli in santa pace e in tutta calma, sono magnifici. Poco prima di arrivare a piana sulla destra si intravede il famoso “cuore”. Abbiamo proseguito fino a piana per poi scendere alla spiaggia di Ficajola. Anche questa una meraviglia. Ci sono calanchi in mezzo alla spiaggia e si ha una veduta dal basso verso l’alto sui calanchi. Mare azzurro trasparente con i ciottoli. Proseguendo una 10ina di km più avanti c’era la spiaggia di Arone, di sabbia, ma non siamo mai andati. Siamo risaliti a metà pomeriggio, abbiamo gustato una crepe in piazzetta a Piana e poi abbiamo ripreso la strada verso Porto, qui abbiamo ammirato nuovamente in calanchi, una prospettiva diversa. Arrivati a Porto, abbiamo fatto un giro nella città, nella marina, saliti sulla torre genovese al prezzo di € 2,50 e ci siamo prenotati una gita in barca per il sabato nella riserva naturale della Scandola, Golf di Girolata, Calanchi e Capo Rosso. Lì c’è stato davvero l’imbarazzo della scelta. Sono tutte abbastanza costose ma regalano visite in riserve protette dove si può andare unicamente in barca

  • 17571 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social