Scimmiette alcolizzate e pini caraibici

Sabato 22 luglio 2006 ore 12.45: all’aeroporto di Malpensa inizia finalmente la nostra avventura alla volta di Roatan!! Il volo è Blue Panorama e presto scopriamo con piacere che i posti a sedere non sono esageratamente scomodi e che l’aereo ...

  • di hammerhead
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Sabato 22 luglio 2006 ore 12.45: all’aeroporto di Malpensa inizia finalmente la nostra avventura alla volta di Roatan!! Il volo è Blue Panorama e presto scopriamo con piacere che i posti a sedere non sono esageratamente scomodi e che l’aereo è puntualissimo!! Dopo circa 11 ore di volo passate tra un paio di film, spuntini, pranzetto con lasagna di plastica e gelatino sciolto (da quando il Calippo si fa col gelato???!!), atterriamo all’aeroporto “internazionale” di Roatan addirittura in anticipo!! L’aeroporto e’ davvero minuscolo, un’unica pista corta corta che va a finire dritta in mare, niente pullmann che ti accompagna all’ingresso, niente aerei in attesa di partire o appena atterrati: c’eravamo solo noi, quindi il recupero dei bagagli e la partenza per il FANTASY ISLAND sono stati davvero rapidissimi! Ci aspettavano 2 settimane di sole splendente (solo qualche acquazzone di notte) e mare cristallino!!! FANTASY ISLAND: Appena arrivati al Fantasy ci colpisce subito la natura che ci circonda: non c’è un centimetro quadrato dove non ci siano alberi di ogni tipo (anche pini...Ma cosa ci fanno dei pini alti 20 metri su un’isoletta dei Caraibi?! Mah...). Strani animaletti cominciano subito a fare capolino...Per prime le watuse (un’incrocio fra una marmottona e un topone), che subito rubano esclamazioni di stupore a tutti i neo-arrivati...Dopo un paio di giorni ne avremo viste talmente tante che non ci faremo piu’ nemmeno caso! Poi io e Massimo (marito e compagno di avventure) incontriamo per caso un “mico de noche”, un orsetto bellissimo che sembra un peluche e che si mette in posa per farsi fotografare e poi scompare nel buio! Ma non è finita: il villaggio è la casa di alcune scimmiette che rubano qualsiasi bicchiere che contenga un liquido dolciastro, compresa pina colada e alcolici vari...Visto il quantitativo di rum che circola al Fantasy credo che le scimmiette siano ormai perse sulla strada dell’alcolismo, anche se per ora sembrano vispe e dispettosissime (forse sono solo ubriache)! Nel parcheggio del resort invece stazionano quasi sempre un paio di iguane, di cui una veramente enorme, e si possono trovare liberi alcuni pavoni, oche e papere varie, mentre in una specie di piccolo zoo retrostante il villaggio troverete cerbiatti, pappagalli, coniglietti, tapiri, tucani ecc. Ecc.

Gli unici animali che bisogna pero’ temere – e soprattutto tenere alla larga – sono le famigerate SAND FLIES: dati i racconti di altra gente che era stata a Roatan mi aspettavo di ricoprirmi di bolle e diventare irriconoscibile e tumefatta nel giro di 2 giorni (c’è addirittura la leggenda metropolitana di gente rimpatriata anzitempo a causa delle punture...), invece non è stato cosi: le sand flies ci sono e pungono, pero’ nella maggior parte dei casi le punture non prudono e scompaiono il giorno successivo. A me sono comparse parecchie punture dopo 10 giorni di vacanza (periodo di incubazione???? Mah...Un altro mistero dopo i pini caraibici), ma il prurito è stato piu’ che sopportabile. Alcuni sono meno fortunati e si riempiono di puntoni, quindi bisogna cercare di usare qualche precauzione: 1) olio johnson a go-go sopra la crema solare: le sand flies annaspano e affogano e non fanno in tempo a pungervi (ovviamente se lasciate scoperto un centimetro quadrato di pelle arriveranno in 50 a pungervi proprio li’...). I vari repellenti per insetti funzionano, piu’ o meno, ma vi irritano la pelle e sono comunque meno efficaci dell’olio 2) evitare di stare troppo tempo all’ombra sulla spiaggia, dove i mosquitos pullulano 3) evitare di stare senza olio all’alba e al tramonto 4) evitare come la peste le amache tra le palme...Li’ il pericolo volante incombe (infatti sono sempre vuote...). 5) stare in acqua il piu’ possibile...Siete ai Caraibi, il mare è bianco-azzurro e l’acqua è caaaalda caldissima, se volevate stare sotto l’ombrellone a dormire potevate anche andare a Rimini...O no?? Ma che ve lo dico a fare..

  • 948 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social