Dalmazia, Montenegro e Bosnia

Un tour itinerante tra le meravigliose coste dalmate, un Montenegro ancora poco conosciuto, ma con grandi potenzialità, e una Bosnia che vuole cancellare i ricordi della guerra civile

  • di Attimofuggente
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Di solito in primavera cerco di fare un viaggio che sia una sorta di trampolino di lancio verso l'estate, e quindi un mix di cultura, sapori, profumi e, se possibile, anche mare. D'altronde io in una mia precedente vita devo essere stato un pesce.

Quest'anno, scorrendo la cartina d'Europa, mi si pone l'attenzione sul Montenegro, o perlomeno quella parte dei Balcani, per me fino ad ora inesplorata. Ne parlo con qualcuno che mi dice che è una meta interessante, ma bisogna andarci presto, prima che il turismo di massa la possa snaturare. Le mete insolite mi attirano sempre, e così, con la mia compagna di viaggio, si inizia a preparare il programma, cercando di conciliare un bel viaggio con finanze un po' ristrette.

Ne viene fuori un programmino piuttosto interessante, e quindi non ci resta che provarlo sul campo.

Facciamo alcune premesse di ordine pratico.

Il viaggio è stato effettuato da 2 persone in automobile (C4 diesel) ed è durato 10 giorni, percorrendo in tutto circa 3.000 chilometri. Il costo del viaggio è stato di Eur 770 a testa, così distribuiti: Eur 180 di viaggio (carburante + autostrada + parcheggi), Eur 300 per i pasti, Eur 190 per i pernottamenti, Eur 43 per l'assicurazione sanitaria (per Bosnia e Montenegro), e il resto in altre piccole spese.

Come documento è sufficiente la carta di identità valida per l'estero.

Per guidare è sufficiente la patente italiana. Non dimenticate la carta verde, in quanto alla frontiera viene controllata. Le autostrade in Croazia si pagano ai caselli, come in Italia. In Slovenia occorrerebbe la vignetta, ma per il tratto che dobbiamo attraversare per andare in Croazia non occorre.

Per l'assistenza sanitaria in Croazia è sufficiente il tesserino sanitario, per il Montenegro e la Bosnia occorre farsi fare un'estensione specifica dall'ASL, però pare che in alcuni casi non riconoscano gli accordi bilaterali, pertanto è consigliabile stipulare un'assicurazione prima di partire. Io ho pagato Eur 43 a testa per i giorni strettamente necessari, ma credo si possa trovare anche di importo inferiore.

Per le monete in Croazia vige la Kuna: conviene cambiare gli euro non subito oltre la frontiera dove il cambio è ovviamente meno conveniente. In Montenegro la moneta è l'Euro, e in Bosnia il marco bosniaco, ma potete risparmiarvi di cambiare, in quanto l'Euro è ben accetto ovunque, così come le kune.

Ma veniamo al viaggio vero e proprio.

Venerdì 25 Aprile (km. 706 - 8 ore e mezza)

Partiamo da Ravenna verso le 5,00 con direzione Sibenik/Trogir/Spalato, giusti giusti per arrivare a Sibenik all'ora di pranzo. Cerchiamo il Buffet Nostalgija che avevamo da qualche parte sentito decantare, ma stava già chiudendo... peccato.

Ci inoltriamo allora per le viuzze del paese, fino ad arrivare ad una piazzetta, e lì decidiamo che era ora di fermarsi a mangiare.

Facciamo subito la conoscenza con le porzioni abbondanti della cucina croata.

Niente di eccezionale, però almeno riusciamo a sfamarci.

Dopo pranzo vediamo la scenografica Piazza principale, dove si trovano il Palazzo Vescovile, la Loggia, il Municipio e soprattutto la Cattedrale di San Giacomo (patrimonio dell'Unesco), e le viuzze del centro. Ci imbattiamo anche in un matrimonio, dove vediamo giovani invitate magrissime girare su improbabili tacchi altissimi, assolutamente non abituate a indossare, con conseguente instabile camminata.

Proseguiamo la nostra giornata andando fino a Primosten, un borgo medievale che sorge su una penisola, dominato dalla chiesa di San Giorgio

  • 54634 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Luca Massimi
    , 30/8/2015 23:38
    Sono stato in vacanza ad herceg novi albergo ottimo costo della vita al 60 %rispetto all Italia natura bellissima mare pulito e popolazione molto ospitale consiglio la strada dirett per la bosnia a 25 km sopra la città per poi dirigersi a mostar che ho visitato in un giorno andata e ritorno

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social