Hawaii, un posto unico e speciale

Immersi nella natura selvaggia delle isole principali tra snorkeling, trekking e 4x4

  • di Rudy72
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Hawaii, una destinazione decisamente speciale e non solo perché è il sogno di una vita per molte persone, ma perché qualche anno fa avevamo detto che quando avremmo festeggiato il nostro 20 esimo anniversario saremmo andati alle Hawaii... ed ecco che i 20 anni assieme sono arrivati e con loro questo incredibile viaggio.

Per la prima volta voliamo con Korean Air. La nostra scelta è ricaduta su questa compagnia aerea per un paio di motivi: facciamo un solo scalo, a Seoul, anziché 2 se avessimo optato di viaggiare verso ovest, e il costo è anche più vantaggioso. Inoltre le compagnie asiatiche hanno standard migliori rispetto a quelle europee o americane. Il volo della Korean Air non è previsto tutti i giorni ed è per questo che partiamo da Malpensa venerdì sera alle 22, non vogliamo sprecare un solo istante di questi tanto desiderati giorni di ferie.

Arriviamo a Seoul dopo un volo di poco più di 11 h e tutto sommato non è stato neppure troppo tragico. L'aereo era confortevole e il servizio impeccabile e siamo riusciti a riposare per buona parte del volo. Una nota per il cibo offerto dalla Korean Air: si può scegliere anticipatamente sul loro sito il pasto desiderato tra una vasta scelta di cucine, niente male! A Seoul sono le 17 del pomeriggio e dobbiamo attendere fino alle 21.20 per il volo con destinazione Honolulu, ma sgranchirci un po' le gambe è cosa gradita. E l'Incheon Airport è il posto ideale per passeggiare tra tantissimi negozi. Prendiamo un caffè per svegliarci un po' e verso le 19 ci fermiamo a mangiare in un ristorante coreano nella food court ... davvero buono. Il tempo passa veloce e per fortuna è ora di imbarcarsi perché la stanchezza inizia a pesare. Partiamo con una mezzora di ritardo per qualche passeggero che non si è presentato. Questa volta il volo ha una durata di poco più di 8h . Alle 11:30 del mattino di sabato 5 arriviamo a Honolulu. Si può davvero dire che abbiamo viaggiato indietro nel tempo! Appena usciamo dall'aeroporto siamo assaliti dal caldo ... non saranno giorni facili! Abbiamo noleggiato un’auto con Alamo e quindi attendiamo lo Shuffle che ci porta all'agenzia per il ritiro. Abbiamo optato per una economy, una Hundai... e già così ci costa poco più di 300 dollari per 3 gg. È comunque un’auto più che dignitosa e spaziosa per noi due. Con l'aiuto dell'app gratuita Navigator (che è utilizzabile senza connessione dati) ci avventuriamo nel traffico e raggiungiamo in poco meno di 30 minuti il nostro alloggio per le prime 3 notti: Ohana East Waikiki. Facciamo il check in, ma dobbiamo attendere un'oretta per la camera che non è ancora pronta. Ci facciamo indicare il parcheggio convenzionato per lasciare l'auto e dopo una breve passeggiata torniamo in albergo dove fortunatamente la camera è disponibile. Finalmente alle 14.30 possiamo fare una doccia! L'albergo è pulito e in ottima posizione, anche se non siamo molto fortunati con la camera che è proprio a ridosso degli ascensori che sono abbastanza rumorosi. Si tratta di una struttura old style, ma a parte il discorso ascensori non è niente male. La camera è spaziosa e c'è anche un terrazzino dove poter fare colazione.

Dopo esserci resi nuovamente presentabili, usciamo per andare a cercare qualche maglietta della Hawaii University, il college team di football di Honolulu. Facciamo un po' di shopping al centro commerciale di Ala Moana e poi ci spostiamo a Chinatown ... sembra abbastanza deserta e davvero niente di che ... evitate pure. Verso le 19 riportiamo l'auto al parking e facciamo una passeggiata alla ricerca di un posto dove cenare ..

  • 8582 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social