Viaggio di nozze in Guatemala

Piramidi immerse nella foresta tropicale, scene di vita quotidiana fra i più antichi mercati maya e bellissime città

  • di s4forever
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Un breve estratto del nostro viaggio tra Guatemala e Messico.

L’organizzazione di un matrimonio passa anche per moment intensi e ricchi di frenesia come la scelta del viaggio di nozze. Avendo a disposizione tre settimane sono molte le mete da scegliere, analizzare, sognare.. una cosa era certa... voleva viaggiare almeno in un paese più desueto della classiche accoppiate America-Caraibi o Asia e Polinesia. La scelta è stata semplice, volevamo vedere una metropoli unica, sentire il riecheggiare di una civiltà mistica e affascinante e goderci un mare da sogno che qui a Lido di Camaiore si può solo sognare… mettendo insieme questi fattori ne è uscita la triade New York, Guatemala, Messico. Il mio diario vi racconterà solo la parte guatemalteca, degli altri paesi, in rete, si può trovare di tutto di più.

Abbiamo raggiunto il Guatemala partendo da New York con volo United in un freddo giorno novembrino.. Il calore lo abbiamo trovato subito sull’aereo parlando con viaggiatori guatemaltechi che tornavano in patria per far visita ai parenti.. Tenete presente che una delle risorse del PIL del piccolo paese mesoamericano è dato dai lavoratori emigrati nel paese dello zio Tom. Il viaggio dura circa 5 ore che scorrono lentamente, dal finestrino dell’aereo si alternato paesaggi brulli e grandi città, poi il mare, poi Cuba e, infine, Guatemala City. Arrivati al ritiro bagagli si nota subito la differenza con l’aeroporto JFK. Qui le guardie salutano con il sorriso, la vita è lenta ma tranquilla. Insomma, bienvenidos in Guatemala. Prima tappa, uscire dall’inferno di Guatemala City. Preciso che non ci siamo soffermati nella capitale, le guide la indicano come città pericolosa con solo pochi quartieri tranquilli dove possono stare i turisti; noi, nel dubbio,abbiamo prelevato i quetzales al bancomat dell’aeroporto e noleggiato un taxi per Antigua (circa 10€).

ANTIGUA

Antigua è l'antica capitale del Guatemala, sconvolta più volte da forti terremoti che ne hanno scosso le fondamenta e gli edifici con ingenti perdite in termine di persone, ha perso il titolo di capitale (spostata a Guatemala city), dal 1979 le è stata riconosciuto il titolo patrimonio dell’Unesco.

Diciamo subito che Antigua è bellissima così come è rimasta; case fatiscenti, chiese diroccate, il meraviglioso duomo con parti crollate, perdersi per le calle antiguegne è fantastico, le persone salutano e si fermano a parlare con noi, non hanno problemi a farsi fotografare anzi sono proprio loro a chiedere una foto. Ogni scorcio offre la possibilità di scattare una foto cartolina e visitare i resti del monastero o il convento dei cappuccini è tornare indietro nel tempo. Ecco la sensazione che dà Antigua:. uno stop del flusso temporale. A parte i rombanti chicken bus o i motorini smarmittati tutto sembra rimasto fermo, immobile, preservato, e anche se la modernità è arrivata in modo dirompente, qui sembra che tutto si stia lentamente amalgamando senza distorcere la natura che la identifica.

Non mi dilungo nei dettagli, vi dico solo che a livello di sicurezza noi non ci siamo mai sentiti in pericolo, nemmeno in tarda serata. Abbiamo soggiornato in una posada (posada Don Rodrigo) contorniati dai vulcani e dalla natura esotica e rigogliosa.

Cibo: ottimo.. i piatti guatemaltechi sono a base di pollo, platano e salsa avocado. L’avocado lo usano su tutto, infatti gli abitanti sono chiamati anche pancia verde.

CHICHICASTENANGO

È annoverato fra i più antichi mercati Maya tuttora esistenti. Lo abbiamo raggiunto in autobus salendo su una ripida collina. Siamo quasi a 2000 mt e l’aria fresca e più rarefatta si sente. La prima cosa che ci ha colpito è la vasta fusione di più colori dei vari tessuti esposti sui banchi del mercato (si tiene il martedì e la domenica). Dopo un buon vagabondare ci siamo accorti che il mercato ha perso il retaggio storico ed è diventato più uno spettacolo per turisti, dico spettacolo per non dire trappola. I prezzi della merce è molto cara. La cosa più bella però sono le scene di vita quotidiana, le persone del luogo che comprano le cibarie, i santoni a margini della strada, imbonitori, fiorai, agricoltori e pastori alimentano questo crogiuolo di persone che popola la cittadina. La cosa più stupefacente è il sincretismo tra la cultura Maya e la cultura cattolica. Due religioni di per sé ben diverse convivono nelle chiese. Santi e personaggi mitici fanno parte di un sistema mistico culturale ben delineato che non fa percepire l’obsolescenza né di uno né dell’altro. Dopo il mercato ci siamo diretti sempre in autobus verso Santiago Atitlan dove pernotteremo. Da vedere quindi sia il mercato che le chiese intorno. Sottolineo l’importanza di vivere l’atmosfera del mercato perché ne vale davvero la pena

  • 1297 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social