Guadalupa, bella perché varia

Non mi starò a dilungare troppo sulle esperienze negli aereoporti, l'unico consiglio è quello di prendersi un bel intervallo di tempo per il cambio aereoporto a Parigi (i voli per Guadalupe partono solo da Paris Orly mentre i voli dall'Italia ...

  • di Marco Palchetti
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Non mi starò a dilungare troppo sulle esperienze negli aereoporti, l'unico consiglio è quello di prendersi un bel intervallo di tempo per il cambio aereoporto a Parigi (i voli per Guadalupe partono solo da Paris Orly mentre i voli dall'Italia - io sono partito da Bologna - arrivano solo a JDG !) altrimenti rischiate di perdere l'aereo ! piuttosto che raccontarvi cosa abbiamo fatto giorno per giorno cercherò solo di sottolineare quello che non ho trovato scritto su altri racconti prima di partire.

1. Molte guide su Internet iniziano dicendo che a Guadalupe ci sono molte spiaggie alcune delle quali anche per nudisti ed alcune planimetrie dettagliate dell'isola indicano espressamente "plage naturiste": non è vero niente! esiste solo una spiaggia naturista riconosciuta (plage Tarare - vicino alla punta est dell'isola) ma è una delle poche in cui fa un caldo terribile, c'è poco posto all'ombra e soprattutto è frequentata da guardoni peggio che in Italia (solo che sono molto più dotati!). Per cui non andate a Guadalupe con l'intenzione di prendere il sole integrale, al massimo le femminuccie possono mettersi in topless che invece è molto diffuso.

2. Cercate un alloggio in una zona centrale dell'isola perchè per apprezzarla occorre girare parecchio in macchina (io ero a S.Francois e ho fatto circa 1000 km in 10 gg); credo che sarebbe stato meglio far tappa a Gosier il quale è vicino alle spiagge più belle e più caraibiche che sono fra S.Anne (dove c'è la spiaggia più bella in assoluto, plage de la Charavelle, quella del Club Med) e S. Francois e vicino anche a Basse Terre. Ah dimenticavo: gaudalupe sono 2 isole! Basse Terre e Grande Terre collegate da un ponte presso Point a Pitre. Le due isole sono molto diverse tra loro: Basse Terre per me è la parte più bella, più ricca di cosa da fare e da vedere (spiagge bianche, rosse e nere, foresta tropicale con cascate, coltivazioni di banane e canne da zucchero, distillerie di rhum, la casa del cacao e del caffè, paesini caratteristici, scuola di immersioni nella riserva naturale di J. Cousteau dove ho visto le tartarughe matine, ecc. - ci sarebbe da scrivere un libro con tutte le cose che abbiamo visto!) mentre Grande Terre è più desolata, ci sono le stesse piantagioni di canna da zucchero con la distilleria da visitare, le spiagge da cartolina con le palme e l'acqua verde cristallino e soprattutto le partenze per le visite alle isolette vicino. Per andare da l'una all'altra isola occorre passare tutti da un' unica strada presso Point a Pitre dove c'è un fiorente attività commerciale e quindi un traffico non indifferente. Se potete cercate di transitare da qui i giorni festivi o in orari non di punta.

3. Mangiate molta frutta. Nei mercati di paese troverete interi banchi di banane (almeno 4 o 5 tipi, da quelle grandi quanto un dito a quelle buone solo da cucinare), ananas (altri 2 o 3 tipi comunque buonissimi), meloni, cocomeri, mango, frutto della passione, cocco, ecc.

4. Luoghi da visitare che non meritano non ne ho visti ad esclusione della spiaggia per naturisti. Però li vicino abbiamo visitato Pointe de Chateaux (la punta est) dove onde alte 10m si infrangono su una serie di magnifici faraglioni ed abbiamo mangiato in un locale con i tavolini a mollo nell'acqua bassa! In particolare meritano sicuramente il Parc de la Guadalupe, posto dentro la foresta di Basse Terre (se avete l'occasione fermatevi lungo la strada che attraversa la foresta dopo il tramonto...), la Maison de Cacao (in francese si dice cacaò, con la "o" chiusa altrimenti sembra un'altra cosa...), il faro di Vieux Fort, la punta più a sud, dove afre dei bei tuffi dagli scogli, la plage Perla, con un bagnasciuga di almeno 30m! il paesino di Port Luis con una bella spiaggia in cui i mabini della scuola locale fanno lezioni di nuoto e le mamme aspettano sotto le palme..

  • 13425 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social