GUADALUPA: spiagge, natura e rhum

Siamo arrivati in Guadalupa da Roma il 15 agosto volando Air France fino a Parigi e poi Corsair da Parigi (Orly) a Point à Pitre, nota: il prezzo la navetta che collega i due aeroporti (Charles de Gaulle-Orly) è di ...

  • di GMan
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Siamo arrivati in Guadalupa da Roma il 15 agosto volando Air France fino a Parigi e poi Corsair da Parigi (Orly) a Point à Pitre, nota: il prezzo la navetta che collega i due aeroporti (Charles de Gaulle-Orly) è di 16 euro! i primi tre giorni siamo stati nell'hotel 'la maison creole' a Gosier , stanze su due piani che si affacciano su una piscina centrale, sinceramente le stanze non erano un granché , odore di muffa e condizionatori un pò vecchiotti.. Anche la colazione non era delle migliori; dopo aver affittato una macchina ci siamo messi alla ricerca di una sistemazione dove trascorrere i restanti 11 giorni, prendendo direzione Saint Anne seguendo la N1 dopo vari perlustramenti e diverse ore di vana ricerca abbiamo trovato in maniera casuale un posto molto accogliente e confortevole a SAINT FRANCOIS, una cittadina vicino alla punta orientale dell'isola (Pointe de château) gestito da una coppia di signori francesi; Michel e Brigitte, il loro sito è www.Aloes-vacances.Com. Ci siamo resi conto diversamente da quanto ci avevano detto che Gosier sta perdendo la sua caratteristica di centro turistico dell'isola mentre le cittadine di Saint Anne e Saint Francois stanno assumendo tale ruolo, in effetti le abbiamo trovate molto più carine; Saint Anne ha un simpatico mercatino dove comprare oggetti, souvenir, frutta e il mitico ti-punch, la bevanda nazionale composta di rhum e zucchero di canna e aromatizzata con molteplici frutti tropicali e a volte anche spezie; Saint Francois è stata parecchio valorizzata dalla costruzione di un campo da golf, che l’ha resa leggermente più chic rispetto alle altre cittadine, anche se molto più europea.

SPIAGGE (GRANDE TERRE): LA CARAVELLE (SAINT ANNE) è la spiaggia del club med, molto bella, lunga , piena di palme, ci si può rilassare e fare il bagno nella splendida ansa , quando c'eravamo il club med era in ristrutturazione in vista dell'alta stagione; c’è un chiosco per mangiare sandwich e un simpatico omino che attraversa tutta la spiaggia vendendo i tipici “beignets”, una specie di brioche semplice o farcita.

SPIAGGIA DI SAINT ANNE - acqua bassa e cristallina, caratteristica, molto affollata il fine settimana; BOIS JOLAN - veramente estesa , si può arrivare praticamente in spiaggia con la macchina cosa che rovina sicuramente l'impatto ambientale, il mare è molto basso e quindi impedisce chi vuole fare delle nuotate, però i colori sono veramente eccezionali; spesso è battuta dagli alisei; PETIT HAVRE - suggestiva situata al termine di una discesa che porta ad un piccolo porticciolo di pescatori, merita una visita per qualche foto; ANSE DES ROCHERS - la spiaggia è utilizzata da un resort, noi siamo riusciti ad arrivarci perché ad agosto il villaggio era semi-deserto e ci hanno permesso di entrare, la spiaggia è un’ ansa incantevole attrezzata con lettini e ombrelloni di legno; SALINES (POINTE DE CHATEAU) - molto bella, notevole la vista sull’isola de La Desirade e la pointe de château , attenti perché non c’è ombra, bel mare anche per fare un pò di snorkeling; LA CHAPELLE (ANSE BERTRAND) - spiaggia molto bella , su di una estremità vi sono un paio di ristorantini dove si mangiano cose creole a buon prezzo; PORT LOUIS – PLAGE DU SOUFFLEUR spiaggia della cittadina con un caratteristico cimitero sulla spiaggia.

ANSE TARARE : caletta bellissima ma frequentata da nudisti, quindi...Decidete voi! BASSE TERRE: DESHAIES - GRAND ANSE - lunga spiaggia dorata contornata di palme, suggestiva al tramonto, venendo da sud (dalla route de la traversé per capirci, la strada che percorre trasversalmente Basse Terre) non girate subito a sinistra alla prima indicazione (questa è una lunga strada sterrata che porta all'inizio della spiaggia) proseguite per qualche centinaio di metri lungo la strada principale e c'e' un altro ingresso dove ci sono svariati ristorantini e locali dove mangiare o prendere qualcosa da bere; LE ESCURSIONI: CASCADE AUX ECREVISSES : si raggiungono lungo la route de la traversé , facilmente accessibili tramite un viottolo di un centinaio di metri sono molto pittoresche , non molto alte si gettano in una piscina naturale dove è possibile fare anche il bagno; ILET DE PIGEON - RISERVA COUSTEAU : premessa : per chi ha visto il mar rosso non si aspetti la stessa varietà e molteplicità di pesci - vicino alla piccola spiaggia nera vulcanica di fronte all'isolotto ci sono diversi chioschi dove si prenota una gita per la riserva con il battello con il fondo di vetro , 19/20 euro, noi abbiamo preferito fare l'escursione in cayak (31 euro a persona) che dura 3 ore circa e c'e' una partenza la mattina e una nel pomeriggio alle 14,30; il tragitto per l'isolotto sono circa 800 metri ma si percorre abbastanza agevolmente con il kayak da 2 , ci si ferma ad una prima spiaggetta e si fa cira una 50na di minuti di snorkeling , successivamente dalla spiaggetta ci si incammina per una passeggiata di 10 min per raggiungere l'altra parte dell'isola per fare un'altra mezz'ora di snorkeling; il tutto con una guida di nome Patrice

  • 5879 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social