Salonicco e Penisola Calcidica: tra i Balcani e l’Egeo per una Grecia alternativa

Città, mare, monasteri e boschi di montagna, un piccolo microcosmo greco lontano dalle rotte più battute dagli italiani

  • di fedina
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Salonicco e Penisola Calcidica: tra i Balcani e l’Egeo per una Grecia alternativa

Una passione per la Grecia ci ha spinto quest’anno in un territorio ancora poco noto agli Italiani, una Grecia continentale che come le sue isole garantisce sempre un mare spettacolare ed anche qualche excursus culturale: la penisola Calcidica. Ultimamente il nord della Grecia è più facilmente raggiungibile grazie ai voli Ryanair che collegano Salonicco ad alcuni aeroporti italiani, compreso quello di Bologna: questo per noi è stato un elemento decisivo.

La Calcidica è una penisola larga circa novanta chilometri che si estende sul mar Egeo a sud-est di Salonicco. A sua volta da essa fuoriescono tre propaggini lunghe circa cinquanta chilometri che ricordano le dita di una mano. Esse sono da ovest a est: Kassandra, Sithonia e Agios Oros comunemente detta Athos. Il “palmo della mano” e le dita formano la prefettura della Calcidica (Halkidiki), il cui capoluogo è Poligiros.

Per i visitatori stranieri (in gran parte Bulgari) la parte più frequentata, è rappresentata dalle due penisole occidentali (Kassanda e Sithonia) dove si trovano innumerevoli spiagge, alberghi e camere. La penisola di Athos è liberamente visitabile solo nel suo estremo nord. Superata Ournopoli inizia infatti la repubblica monastica di Athos che gode di uno statuto autonomo, accessibile solo agli uomini in possesso di un permesso speciale.

Chi visita queste zone ha un doppio vantaggio. Le penisole sono lingue di terra così strette che si ha spesso l’impressione di trovarsi su un’isola e non si vede mai soltanto il mare perché dalle onde, emerge quella che sembra un’altra isola ma che in realtà è solo un’altra bizzarra propaggine continentale. Inoltre, chi visita questa regione ha vantaggi di una vacanza continentale: la vivace città di Salonicco, i monasteri del Monte Athos, i monasteri delle Metheore e tanti paesini dell’interno sono raggiungibili in auto indipendentemente dalle condizioni meteo e del mare.

La penisola Calcidica, con le sue tre propaggini offre quasi cinquecento chilometri di costa con litorali a tratti rocciosi e in parte sabbiosi, pareti montuose a picco sul mare, fitti boschi e capre, tantissime capre che alle volte si spingono tranquillamente fino alle spiagge. Insomma un mare che accontenta davvero tutti. L’interno è verde e rigoglioso, con cementificazione ridotta al minimo e campagne insolitamente grandi, soprattutto nel secondo e terzo dito (Sithonia e Athos). Le architetture sono invece abbastanza anonime (fatta eccezione per alcuni villaggi come Afytos o Agios Nikolaos) ma non aspettatevi le chiesette bianche o le case con gli scuri azzurri tipiche delle cartoline greche.

Protagonista indiscusso di questo paesaggio è il monte Athos (oltre 2000 m. di altezza), visibile da tutta la costa orientale di Sithonia, la cui sommità ci appariva costantemente avvolta dalle nubi.

Salonicco, pur essendo la seconda città della Grecia rimane di dimensioni raccolte e merita certamente uno sguardo per le sue chiese, le moschee e i bagni turchi. Tutto è raccolto all’interno delle sue mura bizantine, bisogna, infatti, ricordare che la città è rimasta sotto il controllo ottomano fino al 1922. Un’altra nota di merito va ai mercati e alle taverne, dove gustare la tipica cucina del nord.

Per praticità ho suddiviso la descrizione del viaggio in quattro zone: Salonicco, Kassandra, Sithonia e Athos.

Salonicco

Atterriamo a Salonicco in un caldo pomeriggio di metà Giugno. Dall’aeroporto il centro città si può raggiungere con il bus n°78, il biglietto costa 2€, le corse partono circa ogni mezzora ed impiegano circa 45 minuti

  • 3739 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social