Santorini, l'isola dei venti

Giugno 2009 E sì è un’isola piuttosto ventosa, Santorini, ma ciò vi permetterà di sopportare il caldo torrido e vi aiuterà un po' a scacciare pensieri negativi e tristi accumulati nel corso dell’anno! Io e mio marito partiamo da Malpensa ...

  • di Batik
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Giugno 2009 E sì è un’isola piuttosto ventosa, Santorini, ma ciò vi permetterà di sopportare il caldo torrido e vi aiuterà un po' a scacciare pensieri negativi e tristi accumulati nel corso dell’anno! Io e mio marito partiamo da Malpensa con volo Aegean, compagnia con la quale ci troviamo molto bene, viaggio confortevole, servizio discreto e personale gentile, pranzo a bordo piacevole (soprattutto le polpettine al sugo di pomodoro e aglio), peccato per lo scalo ad Atene (consiglio volo diretto!).

Arriviamo a Santorini in serata (verso le 19,00), l’aeroporto è molto piccolo, ma c’è una gentile signora al banco informazioni che purtroppo ci dice che per Kamari si può prendere solo un taxi. Così conosciamo un anziano taxista, che noi chiamiamo Spiro (come il personaggio di un romanzo ambientato in Grecia), che con una vettura monovolume ci porta al bed&breakfast con guida spericolatissima ed ad altissimo rischio pedoni! Il nostro Spiro parla, chiacchera e ci fa sorridere, lo troviamo davvero caratteristico del posto... purtroppo però per fare pochi km ci chiede alla fine 15 euro, una bella cifra calcolando che avremmo fatto sì e no 5 Km! Il nostro B&B si chiama “Astro”: è piuttosto carino e tipico, bianco e blu, ha una piccola piscina, è situato in posizione tranquilla, ma vicino al lungomare, di media qualità, la camera è piccola, ma decorosa, ma per quanto riguarda il bagno bè lì bisogna un po’ adeguarsi: la doccia è senza tenda, conseguente facile allagamento, il cambio asciugamani anche se sporchi non è previsto, così a volte la pulizia in camera lascia a desiderare, ma il ragazzo della reception che ci accoglie è davvero un ragazzo carino, gentile e disponibile, chiacchera volentieri e ci fa sentire “a casa”, quindi insomma l’hotel si salva in corner! La colazione è base di buonissimo yogurt greco, miele, marmellata, pane, plum cake, bevande, pomodori, cetrioli, feta, prosciutto e formaggio, olive, uova, pane.

KAMARI Kamari è una cittadina di mare, le sue spiagge sono di sabbia nera ciottolosa, cuore della movida dell’isola, la sera si accende di mille luci e canzoni ed è un pullulare di gente che va a cena nei 60 ristoranti in riva al mare.

Il mare è limpido e freddo e subito profondo in spiaggia, l’ombrellone più due lettini costa 6 euro, per chi volesse farsi solo mezza giornata o qualche ora ci sono degli alberelli al termine della spiaggia, si può munire di stuoie e stare lì gratis, portatevi anche delle scarpine di gomma chiuse per camminare.

Posti in cui mangiare: la prima sera abbiamo provato il ristorante “To kati allo”, cena a base di moussaka e feta al tegamino, le porzioni sono piuttosto ridotte, la moussaka non eccellente, ma sono stati molto gentili ad offrirci il dessert gratis quando ci hanno portato il conto. Poi abbiamo provato il ristorante “Almira” (non l’abbiamo più cambiato) è un buon locale con prezzi medi, ottime le mezedes (sono antipastini, qui nel senso della parola, i quali non hanno niente a che vedere con le abbondanti mezedes cipriote che costituiscono un vero e proprio pasto!), la moussaka è fatta con molta patata, ma è buona e abbondante, gli involtini di vite e riso sono eccezionali, ottimi i calamari fritti, la zuppa di pesce, le verdure ripiene di riso e la feta “Saganaki”.

I gyros pita sono buoni in qualsiasi take away del lungomare, sono da provare quelli vegetariani di Koulys (dedicato però esclusivamente ai non schizzinosi, la “cucina” e i proprietari non sono un esempio di pulizia!), altrimenti di pollo o maiale

  • 4420 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social