700 km in sella a un 80cc

Abbiamo trascorso una settimana a Rodi, l'isola delle rose. Credo che 7 giorni siano sufficienti per girare l'isola e vedere le spiagge più belle o siti più importanti. Non fermatevi in un solo posto, Rodi merita di essere girata in ...

  • di lasimo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Abbiamo trascorso una settimana a Rodi, l'isola delle rose. Credo che 7 giorni siano sufficienti per girare l'isola e vedere le spiagge più belle o siti più importanti. Non fermatevi in un solo posto, Rodi merita di essere girata in lungo e largo. Noi avevamo prenotato, tramite InViaggi, al Diagoras Hotel, vicino Faliraki, hotel carino e pulito, aria condizionata (assolutamente necessaria anche a settembre), cucina modesta ma l'obiettivo della vacanza non era certo mangiare cibi italiani in albergo. Comunque, per chi resta fuori a pranzo ci sono i cestini (2 panini, 1 frutto, acqua). L'hotel è a ridosso della superstrada, a pochi km da Faliraki e dalla spiaggia, quindi è necessario noleggiare un mezzo di trasporto, a meno che non si voglia sfruttare la navetta gratuita o il servizio pubblico. Noi abbiamo optato per un motorino 80cc, economico e divertente, ma ovviamente poco comodo per le lunghe distanze. Comunque noi l'abbiamo sfruttato x 6 giorni, percorrendo circa 700 km, e ridendo come pazzi quando non riuscivamo a superare i 25 km/ora in salita! Eh si, perchè l'isola all'interno è montuosa e anche alcuni tratti di costa hanno belle salite. Faliraki, paese finto e adatto a gruppi di ventenni in cerca di sballo, è una scelta comoda per girare l'isola, vicinissimo a Rodi città che merita più di una visita e non lontano da spiagge da non perdere come la Anthony Quinn e Kallithea (visitate le terme, ristrutturate nel 2007 offrono una bella caletta, una vista magnifica e un bar molto carino dove andare a bere qualcosa anche la sera). La nostra spiaggia preferita era la Golden Bay, vicino Charaki, molto tranquilla, acqua limpida, scogli adatti per lo snorkeling (una maschera è d'obbligo per tutte le spiagge rocciose, lo spettacolo dei pesci non si può perdere!). Lindos è da visitare ma possibilmente evitando le ore centrali della giornata, con troppi turisti perde totalmente il fascino. E poi Prassonissi, la punta a sud dove si incontrano l'Egeo e il Mediterraneo. Un consiglio: se la marea lo permette, salite su, sull'isolotto collegato dalla striscia di sabbia. Il panorama è strepitoso e poi con una macchina o un motorino in grado di percorrere le stradine sterrate si può arrivare alle calette isolate.. Molto molto romantico.. Ma attenzione alla marea!

  • 324 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social