Grecia in tre tappe: Atene, Naxos e Santorini

Partiamo con l’Adria Airlines, da Ljubiana, Slovenia, perché è l’aeroporto più vicino che per Atene ha un volo diretto. Tutto perfettamente preciso, arriviamo ad Atene nel primo pomeriggio e ci mettiamo poco a capire che c'è un bus che dall’aeroporto ...

  • di michy737
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Partiamo con l’Adria Airlines, da Ljubiana, Slovenia, perché è l’aeroporto più vicino che per Atene ha un volo diretto. Tutto perfettamente preciso, arriviamo ad Atene nel primo pomeriggio e ci mettiamo poco a capire che c'è un bus che dall’aeroporto porta direttamente in città, lX96, con capolinea Pireo.

Al porto recuperiamo i biglietti delle navi che avevamo prenotato dall'Italia attraverso il sito di Filippis Tour (vi consiglio quest'agenzia se partite dal Pireo alla volta delle isole). Meglio prenotarli perché si rischia di non trovare posto quando c’è alta stagione.

Prendiamo il taxi per l'hotel e scopriamo che il taxista non sa nemmeno dov'è, sono un pochino disonesti e molto approssimativi, i greci in generale, a nostro parere... Infatti questo carica a noi il tempo delle strade sbagliate che ha fatto... Ad Atene bbiamo alloggiato al Saronico Hotel, prenotato tramite il sito booking.Com, prezzo abbordabile e hotel piccolo ma pulito, personale un po' scorbutico! Si trova in una zona tranquilla, Kallithea, ma abbastanza ben servita da tram, bus e treno. I greci sono così vaghi nelle loro indicazioni che solo il terzo giorno, con le nostre sole forze, siamo riusciti a capire bene come funzionavano i mezzi pubblici della città (non esiste una mappa dei mezzi pubblici!!) Devo dire che l'impressione di Atene non è stata eccezionale, belli i resti storici, ovvio, ma strade sporche e tanti mendicanti non danno un bel contorno.

La prima sera abbiamo fatto un giro intorno all'Acropoli di notte, poi il secondo giorno ce la siamo girata tutta... Tutti i siti storici, corsa contro il tempo.

Alla fine della giornata il mio piede sinistro aveva 5 vesciche, il destro ne era uscito indenne. Se decidete di andarci e fate come noi il biglietto per tutte le cosucce da vedere oltre all'Acropoli (12 euro per 7 siti) in bocca al lupo!! Non esiste mappa o indicazione alcuna per trovarle e sapere quali sono e dove sono! Sono lì intorno... buona caccia! Il terzo giorno eravamo sfiniti e per non trovare sorprese l'indomani abbiamo deciso di capire come raggiungere il Pireo nel modo più semplice dall'hotel. Considerando che la receptionist ci ha fatto prendere un bus che portava dalla parte opposta degli imbarchi fortuna che ci abbiamo pensato. Ci siamo convinti che treno e metro erano la cosa più veloce e ci siamo diretti al museo Nazionale. Carino sì, ma si può anche farne a meno... Specie con i piedini malati. Tanti resti e restucci, vasi e vasucci, due scheletri del cimitero dei keramaikos, e tanti addetti alla sorveglianza rompi scatole!! Non si può mettersi in posa come le statue! Ma che cavolo di senso ha!! Cosiderazioni su Atene: calda, troppo calda, necessario cappello in paglia, il biglietto del bus nessuno lo dice ma vale per metro e anche treno e per un'ora e mezza, zero indicazioni, sporchina, belli i siti archeologici ma consiglio di non farli tutti lo stesso giorno, và vista almeno una volta nella vita, panorama dall'alto spettacolare.

20 agosto: sveglia all'alba per essere in tempo al Pireo e prendere la nave per Naxos. Viaggio di 4 orette, passato in fretta con la nave veloce.

Qui alloggiavamo agli Oniro Studios (appartamentini praticamente) sempre trovato tramite booking.Com. La signora Georgia, ci aveva chiamati il giorno prima e lei e Peter ci hanno atteso al porto e ci han portato con l'auto, sebbene fosse davvero vicino. Sono stati gentilissimi, l'appartamento era in posizione ideale e vicino a spiaggia e centro città, pulito e nuovissimo. Il miglior alloggio della vacanza, senza dubbio. Consigliamo a tutti di fermarsi presso di loro! A Naxos abbiamo trascorso 5 giorni piacevolissimi, il paesino, la Chora, è davvero carino e ci sono molti greci in vacanza su quest'isola... Percui l'atmosfera è diversa. Abbiamo noleggiato lo scooter, ci siamo trovati le spiagge più belle e solitarie, abbiamo bevuto birra Amstel e pure Ouzo al tramonto (da provare se si ama il gusto di anice). Il mare è splendido e le spiagge bianche fanno un piacevole contorno, a meno che non ci sia troppo vento, che non sempre è Meltemi. Il signor Oniro ci ha spiegato che quello la sera non soffia... L'isola è tranquilla ma offre tante piacevoli scoperte, dai resti archeologici, da scoprire i templi di Dionisio, Demetra e Apollo (simbolo dell'isola), ai paesaggi di montagna, ai vecchi mulini, alle cave di smeriglio, al paese in cui fanno il Kitron (liquore ricavato dal cedro)

  • 1999 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social