Karpathos: Istruzioni per l'uso

Siamo appena tornati da una settimana di vacanza a Karpathos (5-12 agosto 2008); eravamo particolarmente preoccupati di trovare affollamento e caos nelle piccole spiaggette dell’isola, invece è andata veramente bene, al di là di ogni previsione ci è capitato a ...

  • di DelbixLamb
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Siamo appena tornati da una settimana di vacanza a Karpathos (5-12 agosto 2008); eravamo particolarmente preoccupati di trovare affollamento e caos nelle piccole spiaggette dell’isola, invece è andata veramente bene, al di là di ogni previsione ci è capitato a volte di ritrovarci in spiaggia (soprattutto il mattino prima delle 10) in compagnia di poche coppiette o di qualche famigliola.

Cominciamo dagli aspetti critici: l’unica cosa che davvero non ci è piaciuta era la nostra sistemazione alberghiera ... l’Helios hotel nella baia di Amoopi ... da evitare assolutamente: le camere poco decorose, il servizio piuttosto scadente, la colazione per niente alla greca (con pane e marmellatine confezionate, o addirittura con formaggini confezionati Alpine!!) collocato in posizione apparentemente invidiabile, perché vicinissimo al mare, ma n realtà molto caldo ... senza aria condizionata, solo col ventilatore a soffitto che muove aria a 40 gradi, la stanza talora sembrava un vero e proprio forno ... In più ti costringe alla mezza pensione nella omonima taverna sulla spiaggia (senza infamia né lode) ... mezza pensione che noi abbiamo praticato assai poco ... Anche le spiagge di Amoopi, pur belle sul piano paesaggistico, sono poco fruibili perché sempre superaffollate, per cui i vantaggi che l’albergo poteva offrirci sono risultati pari a zero!!! Meglio quindi orientarsi verso un albergo a Pigadia. Ci siamo pentiti di non aver prenotato all’Atlantis (eravamo infatti indecisi tra i due) perché è veramente in posizione centrale e strategica, vicino alla passeggiata serale e alle taverne del porto, e contemporaneamente tranquillo.

Per quanto riguarda le spiagge, concordiamo con altri turisti per caso nell’assegnare la palma d’oro ad Apella che è veramente un gioiellino di spiaggia incastonata tra i monti e con un mare limpidissimo. Unico problema: andateci presto al mattino (cioè prima delle 9.30-10) altrimenti il parcheggio diventa un problema. C’è il rischio che vi ritroviate in fondo alla strada con tutti gli spazi occupati e impossibilitati anche a fare inversione di marcia ... e ve lo raccomando di dover ritornare su in retromarcia a picco sul mare!! A proposito, con nostra grande sorpresa abbiamo anche trovato tutte le strade d’accesso alle spiagge principali perfettamente asfaltate. Ora quindi le baie sono quasi tutte ben raggiungibili in auto o in moto senza necessità di fuoristrada a meno che non ci si voglia avventurare ad esplorare nuove zone “dove la mano dell’uomo non ha mai messo piede”!! Al secondo posto mettiamo una spiaggia non segnalata tra Amoopi e l’Aeroporto: seguendo la costiera verso l’Aeroporto si trova una deviazione a sinistra, per la taverna Poseidon, in fondo alla strada: è una stupenda spiaggia “caraibica”, ci siamo capitati casualmente un giorno in cui il meltemi era un po’ fiacco e siamo dovuti fuggire da Ahata perché il caldo stava diventando insopportabile: qui invece soffiava una brezza piacevolissima, il mare era calmo e trasparente come in una piscina naturale ... È possibilie che si chiami Damataria, ma non ne siamo certi ... Ci siamo ritornati col meltemi più allegro e in questo caso era meno piacevole ... quando “melty” soffia forte meglio optare per le baie più riparate nella costa orientale (Apella, Kira Panagia e Ahata).

Kira Panagia, appunto, potrebbe collocarsi al terzo posto, molto affascinante con i monti di nuovo che fanno da contorno, ciotolini e sabbia, e la famosa chiesetta con la cupola rossa che la sovrasta dall’alto. Bello il panorama dalla chiesetta. Mettiamo poi Lefkos, piccolo porticciolo di pescatori sulla costa nord ovest (peraltro particolarmente impervia e poco accessibile), dove si possono trovare tre spiagge: consigliamo di evitare quella centrale più attrezzata del porticciolo, perché troppo affollata e riparata (quindi calda): meglio spostarsi invece sulle spiaggette adiacenti più a nord: più wild, meno affollate, dove abbiamo trovato un clima fantastico, con un venticello che consente di stare al sole anche nelle ore più calde; molto bello il promontorio e la punta con alcune rovine di non so chè tra le due baie. Ad ora di pranzo invece conviene tornare sul porticciolo per infilarsi in qualche taverna: noi ne abbiamo beccata una veramente buona (Dramointana): la prima di una fila di tre taverne a destra su una terrazza sul mare: ottimi calamari appena pescati alla griglia e insalata greca molto abbondante con aggiunta di peperoni gialli

  • 2282 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social