KARPATHOS, i caraibi sono qui

Ho scelto quest’isola, lo ammetto, leggendo i racconti dei “Turisti per caso”, attratta dall’idea di spiagge paradisiache e poco affollate e ancor di più dalla quasi convinzione di trovare pochissimi italiani, non essendo di certo Kàrpathos una delle isole greche ...

  • di icspi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Ho scelto quest’isola, lo ammetto, leggendo i racconti dei “Turisti per caso”, attratta dall’idea di spiagge paradisiache e poco affollate e ancor di più dalla quasi convinzione di trovare pochissimi italiani, non essendo di certo Kàrpathos una delle isole greche più conosciute e pubblicizzate in Italia.

...E mai questa convinzione era più sbagliata! Non che la compagnia dei miei connazionali mi disturbi...Solo che, soprattutto la prima settimana, ci sembrava davvero di essere a casa! C’è da dire, però, che parlando tra italiani ci si scambia sempre dritte preziose sui posti migliori dove andare a mangiare...E quasi mai ci sbagliamo!!! Non volendo rendere questo racconto un diario di viaggio troppo particolareggiato, mi limiterò soltanto a dare alcune opinioni/valutazioni personali sulle spiagge più belle dell’isola e sulle taverne in cui abbiamo mangiato.

Consigli vari: Consiglio a tutti di alloggiare ad Ammopi: la baia era bellissima, un po’ isolata ma piena di taverne e comunque a soli 8 km dalla “capitale” dell’isola, Pigadia, dov’è possibile farsi una bella passeggiata dopo cena, bere qualcosa nei numerosi localini all’aperto e comprare qualche souvenir.

Noi pernottavamo all’Hotel Albatros, una struttura decisamente carina e curata, a gestione famigliare. Gli unici punti a “sfavore” erano (e confermo l’opinione di altri Turisti per caso!) la doccia di dimensioni ridottissime (60x60) e l’aria condizionata/frigo a pagamento (€ 5 al giorno). Bisogna però precisare che se soffia il vento il condizionatore è davvero inutile...Ma se, come è successo a noi i primi giorni, non c’è vento...Allora preparatevi a notti insonni!!! Per tutta la durata della vacanza abbiamo noleggiato uno scooter 50 (noi abbiamo tranquillamente raggiunto tutte le spiagge senza difficoltà) dal rent a car “Two Brothers” ad Ammopi, contrattando una tariffa giornaliera davvero irrisoria (13 €) rispetto alle isole che abbiamo visitato gli anni precedenti.

Consiglio inoltre la gita in barca ad Olympos, l’unico paesino arroccato tra le montagne nel nord dell’isola, raggiungibile solo via mare o tramite uno sterrato di circa 20 km, un museo vivente di tradizioni ed usanze antiche. Qui è davvero possibile immergersi in un’atmosfera d’altri tempi e lasciarsi perdere tra i mille vicoletti nell’attesa di fare curiosi incontri con le donne del posto, impegnate nei loro costumi tradizionali a preparare gustose pagnotte nei forni all’aperto o intente a ricamare preziosi merletti sedute all’esterno delle loro case. Le spiagge che abbiamo visitato: - Ammopi: 1 baia più grande di sabbia e altre più piccole di ghiaia, tutte attrezzate con lettini e ombrelloni (6 €/giorno).

Mare meraviglioso ma forse è una delle spiagge più turistiche e meno tranquille. Possibilità di mangiare in numerose taverne.

- Apella: baia piuttosto grande di ciotoli, acqua cristallina e piena di pesci. Lettini e ombrelloni a 6 € non molto numerosi. Un’unica taverna. Strada asfaltata.

- Kira Panaghia: più piccola di Apella, sempre di ciotoli ma forse un po’ meno bella. Splendide le foto fatte salendo nella piazzetta dove sorge la caratteristica chiesetta dalla cupola rossa. Sdraio e lettini a 6 € e alcune taverne. Strada asfaltata.

- Ahata: spiaggia di ciotoli molto curata (presenza di cestini per la spazzatura, altrove quasi inesistenti, di una doccia e dei servizi igienici). Per gli amanti dello snorkellig ci sono delle grotte naturali in cui addentrarsi. Lettini e ombrellone sempre a 6 €. Una taverna. Strada asfaltata

  • 41640 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social