Cefalonia con Antonio

Partenza 10 agosto 2007, primo viaggio con il mio piccolo Antonio di 12 mesi, che al contrario delle mie aspettative si è comportato da vero ometto. Partenza porto di Bari ore 18.30 arrivo Cefalonia 10.30. Siamo arrivati al ns. Albergo ...

  • di margia76
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Partenza 10 agosto 2007, primo viaggio con il mio piccolo Antonio di 12 mesi, che al contrario delle mie aspettative si è comportato da vero ometto. Partenza porto di Bari ore 18.30 arrivo Cefalonia 10.30. Siamo arrivati al ns. Albergo Irinna, cucina buona ma struttura anni 60... niente di speciale gli esterni però ristrutturati da poco erano davvero belli piscine, bar, aria giochi. Appena arrivati andiamo al mare vicino l’albergo e già qui rimaniamo allibiti per la trasparenza dell’acqua.

Il 12 agosto decidiamo di andare a Mirthos, quella che viene considerata la più bella spiaggia dell’isola. Indubbiamente meravigliosa, dai colori stupendi, fatta di ciotoli biachi e un’acqua dai colori e dalle tonalità indescrivibili. Io sono rimasta affascinata e conservo nella mia mente la fotografia di questo meraviglioso posto visto dall’alto. L’acuqa non è trasparente ma...Ecco pastosa è il termine esatto, in quanto i ciotoli con il movimento del mare si frantumano dando questo effetto unico...Solo che essendo una meta obbligatoria per chiunque si rechi a Cefalonia e quindi meta anche di barche, panfili etc. Sul tardi l’acqua si sporca ed è stata l’unica spiaggia in cui abbiamo trovato catrame... Antonio si è macchiato il costumino e non essendomi accorta in tempo mi ha macchiato anche gli asciugamani. Nelle vicinanze c’è il paesino di Asos molto turistico e dove si trova anche una fortezza costruita dai veneziani che non abbiamo visto in quanto la strada piena di curve avrebbe innervosito il mio piccolo e così ci siamo recati a Fiscardo, altra meta obbligatoria, un paesino a mio parere meraviglioso, risparmiato al terremoto del ’53, e quindi la sua architettura è tipica del luogo. Abbiamo girato per le sue viuzze piene di negozietti e ristoranti, con molta tranquillità anche perché Antonio dormiva e non c’era pericolo che rivoluzionava i vari negozietti con le sue manine tanto curiose.

Il 13 agosto ci rechiamo a Sami alla spiaggia di Antisamos, famosa in quanto si sono svolte delle scene del film “Il mandolino del capitano Corelli”... qui c’è un parcheggio gratuito e uno a pagamento 3 euro ( che ci è risultato comodo l’ultimo giorno, la mattina prima della partenza, inquinato abbiamo potuto tranquillamente fare l’ultimo bagno pur avendo la macchina carica di valige). Secondo me è una delle migliori spiagge di tutta l’isola e dove Antonio si è divertito molto a giocare con i ciotoli, inoltre se buttate delle briciole di pane (noi avevamo dei tarallini) intorno a voi si avvicineranno tanti pesciolini anche pescioloni. Nel pomeriggio ritorniamo a Sami dove ci siamo informati per andare ad Itaca e poi decidiamo di visitare, ssendo nelle vicinanze, il lago di Melissani (6 euro a testa), una delusione...Un semplice giro in barca durata 5 minuti. Le foto sui vari depliant ingannano molto.

Il giorno dopo colazione h. 7.30 e via per questa splendida gita ad Itaca (partenza h. 9,00 rientro 17.10). Vi consiglio di andare con le gite organizzate costo euro 25,00 a persona. Qui Antonio si è sbizzarrito alla grande su questa piccola imbarcazione davvero carina. Prima tappa VATHI che è il capoluogo dell’isola, dove abbiamo comprato ad Antonio la tipica camicia greca e poi KIONI, piccolo porticciolo ed inoltre abbiamo fatto due bagni a largo presso due baie raggiungibile solo via mare. Il 15 agosto 9,30 in spiaggia ad Avithos Beach bella spiaggia sabbiosa, a quell’ora non c’era nessuno ma, davvero nessuno solo noi e il barman che apriva il bar, pensate invece da noi il 15 agosto cosa succede sulle spiagge!!! mare stupendo. Nel pomeriggio decidiamo di andare a visitare il Monastero di Agios Gearasimou, patrono dell’isola. In questi giorni ricorre la festa. Quando siamo arrivati c’era un accampamento di zingari, da far paura...Così abbiamo visitato velocemente la chiesa e via in albergo. All’interno della chiesa, non è cosa molto gradita fare le foto. 16 agosto visitiamo la spiaggia di Makrìs Gialos affollata ma, da non perdere con ombrelloni e sdraio molto caratteristici, DJ sulla spiaggia, qui passiamo tutta la giornata e poi rientro in Hotel con sosta in piscina dove Antonio si diverte tantissimo

  • 668 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social