Creta informazioni utilissime

CRETA luglio 2007 Questo nostro breve racconto di 15 giorni di vacanza a Creta ha come obiettivo quello di cercare di colmare alcune delle lacune della rete in materia di racconti dei viaggi a Creta. Ho letto diversi racconti presenti ...

  • di diegogiri
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

CRETA luglio 2007 Questo nostro breve racconto di 15 giorni di vacanza a Creta ha come obiettivo quello di cercare di colmare alcune delle lacune della rete in materia di racconti dei viaggi a Creta. Ho letto diversi racconti presenti nella rete, alcuni molto validi, ma c’era sempre quel particolare, quella descrizione, quella nota mancante. Ecco quindi quello che avrei voluto leggere prima di partire per le località da noi visitate.

Destinazione Creta; giorni di vacanza 15; la metà dei quali spesi nel versante occidentale e l’altra sul versante orientale.

1^ settimana: destinazione ELOUNDA village. Ottimo albergo, ottimo servizio, ottima pulizia e disponibilità dei servizi. A confronto con gli altri alberghi della zona di Elounda è uno dei meno cari ma secondo me il più bello come location. Sorgendo su di un promontorio roccioso non ha una spiaggia naturale. E’ stato costruito un delizioso molo in pietra che ha permesso: in primo luogo di circoscrivere una porzione di mare nella quale è stata portata della sabbia di modo da far si che il fondale sia degradante e in secondo luogo di creare una piccola spiaggetta. Lettini, ombrelloni e teli da mare sono a disposizione della clientela.

I paesi della zona orientale non sono affatto carini, sono tutti carichi di negozi di souvenir, cianfrusaglie e taverne; come negli altri paesi delle isole greche, ma al contrario di questi ultimi non sono curati, infatti sono abbastanza trasandati, caotici e non danno affatto l’impressione di essere in Grecia. Eviterei di visitare quindi i paesi come Aghios Nicolaos o la stessa Elounda se non per cercare appunto la classica taverna dove mangiare. Abbiamo affittato una macchina (Jimmy-Suzuki) e siamo andati a fare escursioni a Vai (la spiaggia con le palme). E’ una bella spiaggia ma non tanto quanto viene pubblicizzata. Le palme arrivano ad una 20 di metri dalla spiaggia attrezzata con ombrelloni e lettini. Guardando i mare c’è un promontorio sul quale c’è un bel panorama della baietta. Proseguendo sul sentiero che porta al punto panoramico si può scendere in una spiaggia che non è attrezzata ma è molto più tranquilla dell’altra. La passeggiata per arrivarci è di 10 minuti e non richiede affatto alcuno sforzo fisico. Il parcheggio è a pagamento ma si tratta sempre di importo poco rilevante. ISOLA DI CRISSI – L’escursione l’abbiamo fatta con un tour organizzato in quanto ci avevano detto che sarebbe stato più comodo perché ci fornivano già di biglietti per la nave (unico mezzo per raggiungere l’isola disabitata). In realtà arrivando presto al porto i biglietti si sarebbero potuti acquistare tranquillamente, l’unica accortezza è appunto quella di arrivare presto. Infatti ci sono due o tre traghetti che partono (il viaggio dura circa un’ora), uno parte mi sembra alle 10,30 ed il secondo mi sembra a 12.00. Chrissi è da visitare, la spiaggia a nord dell’isola, dalla parte opposta a dove si attracca (il tragitto a piedi è di cinque minuti), è attrezzata ma c’è anche la possibilità di non usufruire dei lettini. Quando ci siamo andati noi la temperatura era altissima, quasi insopportabile, anche perché il vento libico era parecchio caldo. Si consigliano delle scarpette in quanto il fondale del mare, all’inizio, è fatto di roccia. La spiaggia è di sabbia. Sull’isola c’è un bar che offre anche panini a prezzi sempre modici. Altre escursioni non ne abbiamo fatte ma la guida consigliava anche di vedere l’entroterra, soprattutto l’altopiano di LASSITI.

Ci avevano consigliato di visitare il MUSEO DI HERAKLION, ma a fine luglio era chiuso in quanto stavano traslocando i reperti nel nuovo museo. KNOSSO abbiamo scelto di non visitarlo per diversi motivi. Molti ci avevano detto che comunque si trattava di una ricostruzione del vecchio sito, è una meta molto, molto frequentata, la visita, per questo motivo non è affatto piacevole, la fila per i bigliettim se non si arriva presto, è molto lunga e con il caldo non è la cosa più bella da fare. Inoltre due stanze, quelle principali, erano chiuse anch’esse

  • 34983 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social