NAXOS, Arcipelago delle Cicladi

Abbiamo preferito, con la mia sposa, presentare un resoconto delle nostre impressioni e raccogliere un bel po’ di informazioni, speriamo utili, anziché descrivere un itinerario giorno per giorno. Luoghi più interessanti Naxos città, ovvero il capoluogo dell’isola con il suo ...

  • di iamada
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Abbiamo preferito, con la mia sposa, presentare un resoconto delle nostre impressioni e raccogliere un bel po’ di informazioni, speriamo utili, anziché descrivere un itinerario giorno per giorno.

Luoghi più interessanti Naxos città, ovvero il capoluogo dell’isola con il suo Kastro (antico castello) pieno di viuzze e la porta del Tempio di Apollo. Tutta la zona est, a sud di Naxos città, dove ci sono per km le belle spiagge di sabbia fine di Agia Prokopis, Agia Anna e Plaka quelle attrezzate con hotel, camping, taverne, negozi, ombrelloni (resistenti al vento) e lettini oppure le più “selvagge” Mikri Vigla, Kastraki e giù fino a Pirgaki. Il paesino di Apollonas a nord e la relativa strada da Naxos città, 35 km circa piena di curve e strapiombi sul mare. Altra strada da non perdere è quella, nell’interno, da Filoti (che vale una sosta) fino a Moutsouna (simile ma più piccolo di Apollonas), tipico paesino con pescatori, spiaggetta e un paio di taverne sul mare per gustare il pesce fresco.

Come muoversi L’isola non è piccola e ci vuole un po’ per raggiungere le località più distanti (Es. Naxos città – Apollonas) perché le strade, anche se gran parte asfaltate decentemente, sono strette e piene di curve e ti costringono a basse velocità (max 50-60 Kmh). Le indicazioni stradali non sono un granché. Evitate di passare in mezzo ai piccoli centri abitati dell’interno, tipo Tripodes, Kato Sagri, Ano Sagri ecc, (veri labirinti senza segnali) se non avete la pazienza di perdevi e tornare indietro. Il noleggio dei mezzi è facilitato dai tanti negozi locali che alla metà dei vari Europcar, Avis ecc vi affidano scooter e quad nuovi (50-150 cc) sui 10 euro al dì, moto da enduro e vari tipi di auto (es. Fiat 600 a 20 euro al dì) e piccole jeep molto richieste da chi vuol esplorare la parte sud. Anche i locali, sicuramente per le auto, chiedono una carta di credito con numeri a rilievo come garanzia. C’è poi un altro mezzo che va per la maggiore, se non ti disturba la polvere: il buggie o atv (ruote e motore come un grosso quad, ma con due posti affiancati e telaio in tubi tutto intorno). Lo scooter è bello ed economico, quasi tutti girano senza casco anche se c’è l’obbligo e una multa da 360 euro, però se arrivi con la pelle chiara il rischio di prendere una razzata di sole senza accorgersene è alto. La zona più turistica ovvero quella costiera a sud di Naxos-città fino a Plaka è collegata al capoluogo con un buon servizio di autobus GT con a/c (costo biglietto euro 1,20 da comprare a terra) e frequenza da 30 a 60 min in base alla fascia oraria. Ad esempio dalle 18 passa ogni mezz’ora fino a mezzanotte. I capolinea sono: alla fine del molo dove arrivano i traghetti a Naxos-città e al Plaza Beach, ultimo hotel a Plaka dove la strada in terra battuta diventa un sentiero di sabbia percorribile con quad o jeep che arriva fino al promontorio di Mikri Vigla. Le fermate non sono quasi mai segnalate; riconoscete l’autobus, spesso verde, e sbracciate un po’. La stessa tratta può essere fatta anche in taxi al costo di 12-13 euro.

Da fare Come già detto trovate almeno un giorno per fare un giro nella parte interna, troverete: una terra un po’ fuori dal tempo ancora molto legata all’agricoltura e all’allevamento, mulini a vento in disuso, chiesette (ortodosse) tutte bianche disseminate ovunque anche in cima a dei cocuzzoli impensabili da raggiungere (ma come hanno fatto a costruirle lassù ?!). L’itinerario principale è il giro: Naxos-città (chora o hora) – Filoti – Apollonas – Naxos-città. Possibile da fare anche in un solo giorno, se non riuscite a staccarvi dalle bellissime spiagge e dal mare cristallino ma soprattutto se avete l’auto perché saranno quasi 100 km. Se avete pratica di scooter fuori città, consiglio di dedicare un giorno alla strada Naxos città – Apollonas, piena di curve e poco trafficata con sosta prolungata per un paio di bagni e pranzo a Apollonas. Può essere interessante anche con il fuoristrada perché dalla via principale si diramano spesso polverosi sentieri (a una corsia) che fiancheggiano i promontori e scendono fino al mare in posti poco frequentati, tipo Amitis e Abrami Bay. Sempre con la jeep si può esplorare la parte sud proseguendo oltre le spiagge di Aliko e Pirgaki, le ultime raggiungibili con mezzi normali; ma oltre basta dare un’occhiata alla mappa per accorgersi (anche dal nr di strade) che è una zona completamente disabitata. La punta più a sud (Cape Moni, Cape Katomeri e Kalados Bay) può essere raggiunta più comodamente con escursioni giornaliere in barca; chiedete ai locali, anche a chi noleggia scooter, per risparmiare. Per gli amanti del windsurf e del kitesurf c’è senza dubbio la spiaggia a nord del promontorio di Mikri Vigla, con affitto di attrezzature e club Mistral. Ci vuole un po’ per raggiungerla, si deve percorrere la strada interna da Tripodes verso sud in direzione Aliko, girare a destra verso il mare e proseguire a intuito per stradelle interne abbastanza strette fino alla spiaggia. Irrinunciabile, o nel tardo pomeriggio o dopo cena (meglio in entrambi i momenti, tanto c’è l’autobus per chi non vuol noleggiare un mezzo) un giro nelle viuzze del mercato vecchio di Naxos-città. Dal lungo mare, tra i vari ristoranti o locali per il dopocena, prendete una stradina a caso e cominciate ad arrampicarvi sù sù fino ad arrivare al Kastro. La parte migliore è però quella nel mezzo, parallela al mare, se ti ricordi dov’è, piena di negozi e posti dove mangiare e bere, magari in un tavolo 40x40 sul fianco di una viuzza larga poco più di un metro, con un paio di polpi appesi a sgocciolare. Nella parte più alta ci sono anche più ampi ristoranti, panoramici, vista mare. Se andate a giro nell’interno ogni tanto troverete qualche indicazione puntata verso attrazioni archeologiche, a parer nostro, più turistiche che storiche

  • 8860 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social