Creta, sole, vento e quad

Tanro per cominciare, devo dire che Creta non era il viaggio che ci eravamo prefissati: è stato un ripiego visto che all'ultimo minuto erano sfumati i nostri nove giorni a Cuba. Cambiamo programmi, quindi, col cuoricino che batte per l'Avana. ...

  • di 20miles
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Tanro per cominciare, devo dire che Creta non era il viaggio che ci eravamo prefissati: è stato un ripiego visto che all'ultimo minuto erano sfumati i nostri nove giorni a Cuba. Cambiamo programmi, quindi, col cuoricino che batte per l'Avana. Optiamo per una meta vicina (che col volo diretto Windjet da Catania dista solo poco più di un'ora (con scalo a Rodi)) e una formula all'insegna della comodità più assoluta: all inclusive della Francorosso nel nuovo villaggio Ikaros di Malia. Atterriamo a Heraklion e fuori ci aspetta un taxi: evidentemente siamo gli unici ad aver scelto questa sistemazione. Il villaggio è molto accogliente, con una bella reception e impiegati cordiali e simpatici: tra l'altro è tempo di Mondiali e tutti i cretesi fanno il tifo per l'Italia (Del Piero è il loro idolo). La struttura si suddivide in un corpo centrale e tante piccole casette in stile cretese, immerse in un vere rigoglioso punteggiato da fiori dagli splendidi colori (ma la cura per i fiori - e le ortensie in particolare - è una caratteristica di tutta l'isola). In stanza non c'è la televisione (ma è una filosofia dell'albergo), ma c'è il maxischermo dove la sera stessa possiamo assistere alla seminfinale con la Germania (gomito a gomito coi tedeschi, ihihih!). Vicino all'anfiteatro la spiaggia di sabbia attrezzata con ombrelloni e sdraio: peccato che il vento a Creta (almeno sulla costa settentrionale) soffi senza alcun freno e il mare (almeno per la nostra esperienza) è sempre agitato. Insomma, fare una nuotata è davvero difficile. Ci programmiamo delle escursioni. Innanzittuo affittiamo il quad: Enzo aveva il grande desiderio di fare l'avventuriero con questa moto a quattro ruote. Lo noleggiamo sulla strada per Mallia dove troviamo il miglior rapporto qualità/prezzo: un centinaio di euro per una settimana.

3° giorno. Dopo aver perlustrato la costa (Hersonissos e dintorni) e aver notato un pullulare di militari Usa, scegliamo di allontanarci dal mare e partiamo alla scoperta dell'altopiano di Lasithi, 900 metri sul livello del mare. E conosciamo così la vera Creta, un po' come la Sicilia di tanti anni fa, con le anziane vestite di nero con lo scialle sulla testa. Bellissimo. Attraversiamo paesini (o villaggi) che conservano ancora la loro genuinità, coi vecchietti seduti ai bordi delle strade che salutano i visitatori. Da non perdere il paesino di Krissi, coi suoi fiori variopinti e l'accoglienza dei suoi abitanti. La salita sembra non finire mai: sulla strada (ma siamo ancora all'inizio) incontriamo il museo dell'homo sapiens, annunciato da bianchi mulini a vento che un tempo punteggiavano tutta l'isola (chissà come mai!!?!): oggi sull'altopiano se ne contano 5mila. Qui ci sono 'monoliti' che rappresentano il cane dell'homo sapiens, il suo trono, etc Carino per qualche foto: si sale ancora. E quando è il momento di fare il pieno, il benzinaio ci regala arance e ciliege. Siamo a caccia della grotta di Zeus e invece ne troviamo un'altra, convinti che fosse quella indicata dalla Lonely Planet. Ci inerpichiamo su una ripida scala e troviamo un signore che per un euro ci consegna una torcia e ci accompagna dentro una minuscola caverna senza un filo di luce, dicendo che lì furono trovati i resti di una famiglia di epoca preistorica. Sorvolo sulla paura che a un certo punto mi assalito, facendomi credere che si trattasse di una rapina: in realtà, il tipo è ok, ma nella grotta non c'è nulla da vedere. Dopo un bel po' arriviamo al vero Dikteon andro, la grotta dove la leggenda narra che fu nascosto Zeus per evitare che il padre lo divorasse. Per arrivare c'è una scalinata bella ripida che si può scalare anche a dorso di mulo al prezzo di 10 euro (andata e ritorno). Noi andiamo a piedi. Arriviamo alla grotta: niente di eccezionale, ma graziosa. Di fronte al sito ci sono un paio di ristorantini gestiti da gente simpatica. Approfittatene. Torniamo in albergo quasi congelati

  • 4260 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social