Karpathos: la nostra Grecia

Deciso: quest’anno si va in Grecia! … sì, ma dove?? La Grecia classica merita una visita a parte, la rimandiamo perché disponiamo di un budget limitato. Cerchiamo un’isola che offra (oltre ad un mare cristallino) paesaggi caratteristici e che sia ...

  • di ricciecapricci
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Deciso: quest’anno si va in Grecia! ... sì, ma dove?? La Grecia classica merita una visita a parte, la rimandiamo perché disponiamo di un budget limitato. Cerchiamo un’isola che offra (oltre ad un mare cristallino) paesaggi caratteristici e che sia ancora “vera”, che non sia ancora troppo devastata dal turismo, un angolo ancora intatto (o quasi) di Grecia.

Dopo aver letto i racconti di viaggio su TPC e cercato conferme sui numerosi siti che trattano la Grecia, ci è apparsa presto la soluzione: Karpathos! Periodo: 10-24 settembre 2006.

Volo della Olimpic Airway Milano-Atene (dove abbiamo trascorso la notte), Atene-Karpathos e ritorno (questa volta coincidenza diretta) € 326,00 a persona (acquistato c/o Meltemi Travel di Firenze, agente generale della Olimpic in Italia). Si trovano pacchetti volo-soggiorno più convenienti (ad es. Intelekta- www.Intelekta.Si/it - prorpone ottime offerte, con partenza, però, da Lubjana) ma un po’ per inesperienza, un po’ perché volevamo sentirci liberi di scegliere dove alloggiare, cambiando eventualmente lo studio nell’arco della vacanza, abbiamo optato per quest’offerta che comunque non sembrava malaccio. Tramite e-mail abbiamo prenotato per una sola settimana (senza versare nessun acconto) uno studio c/o Maria Apartaments and Studios ad Amoopi (www.Mariaapartments.Gr), per € 25,00 al giorno. Appena arrivati siamo stati investiti da un forte vento che ci ha accompagnati per qualche giorno, ululando anche di notte. Il primissimo impatto con l’isola devo ammettere mi ha lasciata un po’ perplessa...La terra arida, le strade deserte... Anche l’appartamento di Maria non mi ha subito entusiasmata, ma una volta sistemate le nostre cose ci siamo sentiti quasi a casa! Lo studio aveva un letto matrimoniale ed un letto singolo più un divano, la cucinetta disponeva di fornello elettrico, il bagno con doccia (senza box per cui si allagava il pavimento), una terrazzina vista mare - contornata da splendide buganville - con tavolino e sedie. Maria, la padrona di casa, allegra e disponibile, è stata gentilissima ed ha telefonato ad un suo amico di “Euromoto” di Pigadia (8 km a nord di Amoopi) procurandoci una moto yamaha enduro 125 per € 14 al gg. (€ 17 con assicurazione completa facoltativa). Sono venuti a prenderci e ci hanno portato a Pigadia per farci vedere, senza impegno, la moto in questione. Noi abbiamo accettato senza pensarci troppo, la tariffa sembrava conveniente. Così siamo tornati ad Amoopi con la nostra moto, siamo scesi in spiaggia per curiosare un po’, e che ti vedo lungo la strada, vicinissimo al ns. Studio? La taverna Esperida! ... quanto ne ho sentito parlare! ok stasera si cena qui. LA CUCINA: In realtà vi abbiamo cenato più o meno a giorni alterni, sia per la buona cucina e per la gentilezza dei proprietari, che per la comodità e la vicinanza. Per inciso: la figlia del cuoco nonché cameriera, davvero una simpaticissima ragazza, vedendo sul nostro tavolo dei fogli stampati da internet (l’ABC della cucina greca con relative traduzioni) ci ha chiesto:”Turisti per caso?” :) Qui la spesa media di una cena (noi ci siamo trattati bene) più o meno a base di 2 antipasti, 2 piatti unici (servono quasi tutto accompagnato da riso e patate), acqua, vino, dolce o metaxa (simile al brandy) era tra i 20 ed i 25 euro.

Altre volte invece abbiamo optato per il risparmio cenando a Pigadia con due giros pita che, accompagnati da una porzione di patate fritte ed una bottiglia di birra, costavano intorno agli 8 euro! Per concludere il capitolo “taverne” devo segnalare : -la taverna di Kira Panagia che, benché un po’ più cara, offriva piatti squisiti ed abbondanti (in particolare il pastizio) -più che discreta la taverna di Apella -discreta la taverna Life of Angels a Pigadia, che però merita in quanto è davvero carina, dipinta di bianco e azzurro, con il complessino di anziani che suonano la loro musica tipica

  • 8720 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social