Grecia zaino in spalla: le isole del sole

Ci sono momenti in cui decidi di privarti di ogni certezza di finire allo sbaraglio senza sapere di preciso che fare o dove andare, senza limiti e senza tempo; capita di trovarti davanti all’ignoto e sentirti comunque sereno senza preoccupazione ...

  • di La Redazione
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Ci sono momenti in cui decidi di privarti di ogni certezza di finire allo sbaraglio senza sapere di preciso che fare o dove andare, senza limiti e senza tempo; capita di trovarti davanti all’ignoto e sentirti comunque sereno senza preoccupazione alcuna, capita a volte che tutto questo ti possa portare a nuove esperienze mai vissute; può essere la semplice vita di tutti i giorni o può essere più semplicemente una parentesi della tua vita...Potrebbe essere un viaggio, un viaggio nuovamente ricco di nuove esperienze... potrebbe essere che ti ritrovi a girare senza averci mai pensato per le Isole della Grecia.

Ed è proprio questo che è accaduto inaspettatamente a me e mia zia Federica: nuovo lavoro, nuovi ritmi forse nuova vita ma di sicuro un nuovo viaggio inaspettato e mai programmato prima: un giro delle isole greche con lo zaino in spalla e nulla di prenotato, tranne l’aereo per motivi di lavoro, ovviamente.

Come sapete compagni di Turisti per Caso, un volo si raccatta facilmente sulla rete e si può spendere una cifra andata/ritorno abbastanza irrisoria dai sessanta euro in poi fino ad una quota di seicento euro in alta stagione con una compagnia in code-share con le più note e di bandiera; oppure esclusivamente voli charter ma voi sapete come giocare con internet meglio di me.

Siamo partiti all’insegna dell’avventura dall’aeroporto di Verona Villafranca con l’unica destinazione rimasta in pieno Agosto: la tanto decantata isola della perdizione, Mikonos!! Due ore di volo circa e poi diritti in mezzo ad una strada, nel vero senso della parola. Dopo aver recuperato i nostri zaini Ferrino da settanta e settantacinque litri carichi ma non troppo. Una volta usciti dagli aeroporti sarete circondati da affittacamere privati e non che vi assalgono per offrirvi la stanza migliore al prezzo migliore, quindi non avrete mai problemi a trovare una sistemazione. D’altra parte se girate in pieno Agosto i prezzi non saranno alle stelle ma di più e ovviamente non ci saranno posti per sole due persone ma dalle quattro in su, sempre che non decidiate per il campeggio. Un po’ affranti ma non disperati ci prendiamo un taxi per il centro città destinazione Porto vecchio dove tenteremo di nuovo la sorte delle camere: i viaggi in taxi sono economici rispetto all’Italia e le tariffe sono spesso prefissate dai 3.50 euro ai 10 in base alla corsa.

Arriviamo al porto di Mikonos piccolino ma ben organizzato come in tutte le altre isole e anche qui gli affittacamere ci assalgono con i loro prezzi un po’ “over the top”; un po’ rammaricati optiamo per il Tourist Informations a due passi dall’uscita del porto e annesso al rent a car e al botteghino che prenota escursioni e biglietti per i traghetti: la situazione non cambia anche perché sono rimasti più che altro appartamenti o studios per più persone.

Facciamo mente locale, ce ne ritorniamo tra la folla del porto e rischiamo il tutto per tutto chiedendo ad una coppia di giovani anche loro carichi del proprio zaino se vogliono condividere uno di questi studios con noi: fortunatamente consapevoli dei prezzi e del poco spazio rimasto accettano!!!Conosciamo così Fabiana e Gianluca due giovani reatini anche loro a spasso sotto il Sole della Grecia. Prenotata la stanza non rimaniamo delusi dall’hotel Les Moulins una modesta casa sulla collina tipicamente bianca ad uso hotel dalla quale si gode una splendida vista su tutta Mikonos, il porto e i famosi mulini; il trattamento è di pernottamento e prima colazione con bagno privato, non c’è andata male tranne che per gli 85 euro di due giorni quando nel resto delle isole si trova anche a meno di venti euro per lo steso trattamento e in stanze buone. Ebbene inizia l’avventura, siamo in compagnia di due simpatici ragazzi che ci raccontano la loro esperienza in giro per le isole e ci rinfrancano lo spirito raccontandoci delle bellezze e delle diversità che si possono trovare girovagando per l’Egeo e la cosa non può che rendere felici noi due vagabondi che siamo all’inizio della nostra avventura

  • 15153 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social