Venezuela, conocerla es tu destino

Lo slogan scelto dal Ministero del Turismo venezuelano è l’incipit perfetto per un diario di viaggio nella “tierra de gracia” sudamericana, dalla Gran Sabana al Delta dell'Orinoco, proseguendo per Mochima fino a Los Roques

  • di llanera
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Partenza da Malpensa giovedì 8 agosto 2013, non senza ansie e preoccupazioni per l’allerta sicurezza. Più o meno tutti, informati e non, vi sconsiglieranno di scegliere il Venezuela come destinazione; i dati statistici sui tassi di criminalità e omicidi non vi aiuteranno a cambiare idea ma forse questo racconto si. Non sapremmo dire se solo per “buena suerte” ma il nostro soggiorno nel paese è stato sempre tranquillo, anche quando ci siamo spostati in autonomia (senza tour operator). Qualcuno sostiene che l’allarme sicurezza sia volutamente esagerato per indebolire il governo, altri che sia un modo per tenere la popolazione impaurita fuori dalle strade. Ad ogni modo, con le dovute precauzioni e attenzioni, un viaggio in Venezuela può davvero rivelarsi un destino. In questo momento poi, con il cambio parallelo particolarmente vantaggioso, i costi possono essere più bassi delle aspettative (cambio parallelo agosto 2013: 1 $ = 30 bolivares) . Se non avete problemi di budget, affidarsi ai tour operator è la scelta migliore, per facilità e sicurezza. Per visitare la Gran Sabana, Canaima e il Delta dell’Orinoco è inevitabile (non c’è modo di effettuare le escursioni da soli, il territorio è molto esteso e non affrontabile se non lo si conosce). Noi abbiamo contattato Energy Tour di Cosimo Amico, origini italiane ma cuore venezuelano. Da quasi vent’anni, con sua moglie Beatriz e base a Ciudad Bolivar, organizza tour in tutto il Venezuela. Vi consigliamo, per un maggiore risparmio, di acquistare i biglietti aerei del vostro viaggio tramite la loro agenzia, noi li abbiamo contattati dopo averli già acquistati a 950 € con Air Europa e scalo a Madrid. In generale, qualsiasi operazione (dal cambio alle prenotazioni di voli e posade, compresi imprevisti) tramite Energy Tour è più semplice ed economica.

GIOVEDI’ 8 AGOSTO – ARRIVO A CARACAS

Arrivo all’aeroporto Maiquetía di Caracas alle ore 18. Avevamo letto fosse l’inferno, per il caldo all’esterno senz’altro ma per il resto niente di spaventoso. Ci sono diversi loschi figuri che si avvicinano per chiedervi di cambiare i soldi o di accompagnarvi a Caracas ma basta dirgli: “no, gracias” e se ne vanno. Noi abbiamo prenotato la notte all’hotel Catimar Puerto Viejo a Catia La Mar con trasporto aeroporto/hotel compreso nel prezzo. L’hotel si trova a 5 minuti dall’aeroporto, è spartano ma accettabile e soprattutto sicuro. Le camere hanno l’aria condizionata (in Venezuela è ovunque, a temperature glaciali) e la tv (sintonizzatevi su TLnovelas, non ve ne pentirete). L’hotel ha un ristorante all’interno (la colazione non è inclusa nel prezzo) e nella hall tre computer (connessi) utilizzabili gratuitamente. Una soluzione economica (700 bolivares) se il giorno dopo avete un altro volo.

Nota: Caracas e dintorni è più cara del resto del paese.

VENERDI’ 9 AGOSTO – ARRIVO A CIUDAD BOLIVAR

Volo Caracas – Ciudad Bolivar (unico volo giornaliero alle ore 19.30) con Rutaca.

All’aeroporto ci attende Cosimo Amico per il trasferimento nella sua posada in una zona molto tranquilla della città con ristoranti, pizzerie e un centro commerciale (con negozio per telefonare all’estero a tariffe molto convenienti) a pochi passi. La posada è molto accogliente, arredata con gusto e con pezzi di artigianato indigeno venezuelano. Le camere sono ampie e pulite, c’è un giardino e un “angolo bar” fai da te a disposizione degli ospiti.

DA SABATO 10 AGOSTO A MARTEDI’ 13 AGOSTO – GRAN SABANA

Partenza da Ciudad Bolivar per il TOUR GRAN SABANA di 4 giorni e 3 notti con Energy Tours

  • 7081 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Luna Lecci
    , 2/1/2014 16:13
    Ciao, ho letto con attenzione il tuo diario di viaggio e mi complimento per la vacanza ed il racconto.
    Se non ti disturbo troppo, volevo chiederti se vale la pena prenotare la posada in trattamento B&B e non mezza pensione o addirittura pensione compleata.
    Ho letto oltre al tuo anche altri contributi ed ho visto che in loco si riescono ad organizzare le escursioni per tutte le isole, lontane e vicine, e i cui costi sono comprensivi di box lunch, ombrellone e sdraio.
    Volevo pure sapere se è preferibile e conveniente, alla luce della tua esperienza, cenare ogni sera in un posto differente o pagare direttamente i proprietari della posada non passando per i tour operator che consigliano sempre, ovviamente, il trattamento pensione completa e a volte con escursioni incluse.
    Ti ringrazio per le risposte che vorrai darmi.
    Buona giornata,
    Luna
  2. Luna Lecci
    , 2/1/2014 16:03
    Ciao, ho letto con attenzione il tuo diario di viaggio e mi complimento per la vacanza ed il racconto.
    Se non ti disturbo troppo, volevo chiederti se vale la pena prenotare la posada in trattamento B&B e non mezza pensione o addirittura pensione compleata.
    Ho letto oltre al tuo anche altri contributi ed ho visto che in loco si riescono ad organizzare le escursioni per tutte le isole, lontane e vicine, e i cui costi sono comprensivi di box lunch, ombrellone e sdraio.
    Volevo pure sapere se è preferibile e conveniente, alla luce della tua esperienza, cenare ogni sera in un posto differente o pagare direttamente i proprietari della posada non passando per i tour operator che consigliano sempre, ovviamente, il trattamento pensione completa e a volte con escursioni incluse.
    Ti ringrazio per le risposte che vorrai darmi.
    Buona giornata,
    Luna

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social