Speciale Gran Bretagna da scoprire

di alfa centauri - pubblicato il

A cura di AlfaCentauri, esperta di Gran Bretagna

Da quando si parla di Brexit ho potuto rendermi conto in varie occasioni che pochi sanno cos'è la Gran Bretagna. Quindi cominciamo con un piccolo chiarimento: si tratta della maggiore delle isole britanniche, si divide in Inghilterra, Galles e Scozia ed è cosa diversa dal Regno Unito che include anche l’Irlanda del Nord. Un'altra cosa che si nota spesso è che molti tendono a considerare Londra come unica attrattiva della Gran Bretagna, includendo al massimo la Cornovaglia o qualche castello scozzese.

Pur non togliendo nulla a Londra, città meravigliosa e ricchissima da tutti i punti di vista, non c’è invece angolo dell’isola che non valga la pena di essere visitato. Il suo punto di forza sta proprio nella grandissima varietà e diversità delle sue attrattive e posso dire con ragionevole certezza che un solo viaggio non è sufficiente per conoscerla. Chi ama le città d’arte, i musei e le gallerie o la vita notturna non resterà certo deluso da Londra o Edimburgo ed anche altri centri offrono tanto, pur se personalmente oltre alle due capitali non ritengo le grandi città della Gran Bretagna la sua parte migliore. Meglio andare alla scoperta dei piccoli centri o addirittura dei villaggi come quelli più caratteristici dei Cotswolds, le celebri campagne inglesi, che sembrano fermi ad altre epoche. Gli appassionati di storia e archeologia non possono perdere siti noti come quello preistorico di Stonehenge, le terme romane di Bath o i tanti forti lungo il Vallo di Adriano al confine con la Scozia. E per tutta l’isola è sparsa una quantità impressionante di castelli e antiche abbazie, dalle semplici ma affascinanti rovine a quelli più conosciuti, imponenti e ben conservati o addirittura abitati come Windsor o Dover. In Gran Bretagna si trovano alcune delle più belle cattedrali gotiche europee, su tutte la londinese Westminster o Canterbury e Salisbury, e dei più pittoreschi scorci di strade medievali, ad esempio a Shrewsbury, Worcester e York. Tante e alcune davvero imperdibili sono le dimore nobiliari inglesi con i loro lussureggianti parchi spesso utilizzate come set di film e serie tv. Conoscete la serie tv "Downton Abbey"? E’ stata girata a Highclere Castle. Oppure "Orgoglio e Pregiudizio" a Chatsworth House, e varie versioni di "Jane Eyre" a Haddon Hall.

Ma l’aspetto forse più ingiustamente trascurato e meno conosciuto è quello paesaggistico. I paesaggi costieri in particolare sono tra i più vari e spettacolari. Da non perdere le Seven Sisters, scogliere bianchissime e dall’altezza vertiginosa affacciate sulla Manica, e le sconfinate e deserte spiagge gallesi. La costa della Cornovaglia alterna scogliere e spiagge affacciate su un mare con insospettabili sfumature tropicali, anche se la temperatura purtroppo non è incoraggiante. A nord della Scozia, i colori di terra e mare lungo i fiordi regalano paesaggi indimenticabili per i pochi che vi si avventurano. Ma anche l’interno ha molto da offrire. A chi ama le passeggiate o agli escursionisti veri e propri consiglio in particolare le brughiere del Peak District o la zona del Lake District inglese, una vasta area collinare e montuosa punteggiata di piccoli laghi, e agli appassionati di fotografia i paesaggi “lunari” della Scozia settentrionale.

Ormai molti scali della Gran Bretagna sono raggiunti da voli low cost in tutte le stagioni. Sicuramente il modo migliore di visitarla è approfittare di uno di questi e proseguire con un’automobile a noleggio: fuori dai grandi centri guidare “dalla parte sbagliata” non è difficile come sembra e si ha la libertà necessaria per esplorare anche le zone meno battute. Cercate le strade definite “panoramiche”, dietro ogni curva c’è un nuovo scorcio da scoprire. Fermatevi per il rito del tè con il latte e gli scones in una delle salette che troverete ovunque. Provate anche i pub locali per i pranzi e le cene, spesso nascondono gustose sorprese nonostante la pessima fama della cucina britannica. Fermatevi a raccogliere le fragole che mangerete o a prendere una fetta di torta da un tavolino lasciato incustodito, che potrete pagare lasciando i soldi nell’apposita cassetta senza che nessuno pensi neanche lontanamente a rubarli. Provate il famoso “fish and chips” in un locale non frequentato da turisti. Per la notte fermatevi nei bed & breakfast (in fondo sono nati qui) e provate la vera colazione inglese o scozzese, oppure vincete la diffidenza e provate un Inn, un pub con camere, alcuni sono davvero particolari e suggestivi; ma in alta stagione ricordate che è preferibile prenotarli in anticipo dall’Italia perché il tutto esaurito si raggiunge con facilità. Qui la vita ha ritmi e orari molto diversi dai nostri, dovrete essere mattinieri perché alle 18 chiude tutto. Procedete senza fretta e probabilmente vorrete tornare a scoprire altro. La buona notizia è che la Gran Bretagna è poco lontano, è a solo un paio d’ore di volo.

di alfa centauri - pubblicato il