Giordania, un paese tutto da scoprire

Quando si pensa alla Giordania viene immediato l'accostamento a Petra. Chiunque sogna di attraversare il Siq e trovarsi davanti al tesoro Al Khazneh. Ma io ero certa che ci fosse di più e volevo vederlo con i miei occhi...

  • di mfia84
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Premessa importante per chi intraprende un viaggio in Giordania: ogni sito visitato (ad eccezione del canyoning nel Wadi Mujib) è incluso nel Jordan pass, un pass turistico che si fa on line e che da la possibilità di ottenere velocemente il visto entrando in Giordania e visitare i siti principali senza fare alcun tipo di fila.

14.09.2018 volo Turkish Airlines Roma - Amman con scalo ad Instanbul

Raggiungiamo Amman nel primo pomeriggio di venerdì. il venerdì è il giorno di festa in Giordania, c'è poco traffico, poco movimento, ma tanto da vedere. abbiamo scelto un albergo economico nel Downtown di Amman "Gallery Guest House" ottima posizione per partire alla scoperta della capitale giordana. Amman è una città di contrasti, dalle scale colorate, alle profumate pasticcerie che sfornano knapeh ad ogni ora del giorno diffondendo il loro profumo in strada, alle caotiche strade interne ricche di mercati e clacson, ai megafoni che diffondono la messa ad intervalli regolari. facciamo un lungo giro a piedi e raggiungiamo un mercatino coloratissimo nella più benestante "Rainbow Street" prima di cenare nel ristorante consigliato da tutte le guide turistiche."Hashem" è un'esperienza unica nel suo genere, ma soprattutto è una garanzia: sforna Falafel e Hummus come una catena di montaggio e ho avuto come l'impressione che tutta la città quella sera fosse li a cena. Se volete immergervi nella vera vita di Amman dovete cenare qui almeno una volta.

15.09.2018 Jerash e Umm Qais

Il nostro driver arriva di buon mattino a prelevarci dall'albergo. E' sabato e il traffico è intenso. quel venerdì pomeriggio di festa quasi lo rimpiangiamo! cambiamo parte dei nostri soldi in JD alla banca in centro e arriviamo a Jerash (o Gerasa) intorno alle 11 del mattino. attraversato l'arco di Adriano che separa la città dai resti romani, veniamo catapultati in uno dei siti romani meglio conservati che io abbia mai visto (e io abito a Roma! Lo dico con cognizione di causa!!) L'Ippodromo, il meraviglioso foro, il Tempio di Zeus, Teatri e templi si susseguono in un'area vasta, e lascia di stucco l'ottimo stato di conservazione dell'intero sito. Alle note e bellissime rovine di Gerasa si contrappongono le meno conosciute e meno ben conservate rovine di Umm Qais (o Gedara). si, perché nell'angolo nord occidentale del paese giacciono altre rovine che, sebbene possano sembrare di qualità inferiore, sono incastonate in un paesaggio talmente surreale, che vale la pena perdersi fra di esse fino al tramonto. attraversando il decumano avrete alla vostra destra la visuale completa su tre paesi, Siria Israele e Palestina. prima di entrare fermatevi a bere del the nello stupendo cafè di fronte al parcheggio. i tavoli all'aperto danno direttamente sulle alture del Golan. il viaggio di ritorno è lungo, ma il nostro driver ci racconta la sua storia e quella della sua famiglia e il tempo passa velocemente. come dico sempre, parte della magia di un viaggio è data dalle persone che avete la fortuna di incontrare lungo il cammino, e incontrare Murad per noi è stata una benedizione dal cielo.

16.09.2018 Amman. Citadel and Roman theatre

Ultima tappa con base Amman. Non si può dire di aver visto Amman se non si cammina all'interno della cittadella. La vista che si ha da qui su Amman è qualcosa che non si puo descrivere a parole. Le case color sabbia a finestroni quadrati ti circondano, come una distesa infinita che ti accompagna da ogni angolo della Cittadella. L'elemento principale è sicuramente il tempio di Ercole, ma è la vista del teatro romano la vera attrazione, perfettamente incastonato fra le case, sembra una composizione geometrica a tutti gli effetti. il teatro è stato perfettamente restaurato e sicuramente di grande impatto visivo. Dopo pranzo raggiungiamo Madaba, una cittadina colorata e caotica che ha una peculiarità: convivono in questo piccolo angolo di mondo una comunità cristiana e una comunità musulmana perfettamente integrate fra loro. Vi capiterà di ascoltare la preghiera proveniente dalla moschea mentre vi trovate davanti al santuario della decapitazione di Giovanni Battista ad assistere alla messa cristiana delle 19. salite sul campanile per avere la vista più bella di madaba. Dopo aver cenato in un tipico ristorante giordano con pita hummous e the alla menta "Jaw Zaman" raggiungiamo il nostro albergo. La Pilgrim's guest house ha stanze molto semplici ma sorge all'interno della chiesa di san Giorgio e offre al mattino delle marmellatine fatte in casa che non avete idea!!

17.09.2018 King's Highway - castello di Karak e castello di Shobak

Il nostro driver di buon mattino ci accompagna in questo tour dei castelli di Karak e Shobak percorrendo la panoramica strada dei re. La strada è ricca di tornanti e punti panoramici di grande effetto visivo. i tornanti in alcuni punti sono cosi spettacolari che sono già di per sé un motivo sufficiente per visitare questa zona. Sebbene del castello crociato di Karak rimangano resti ben più imponenti, rimaniamo letteralmente incantati da quello più remoto e selvatico di Shobak. Il castello in questione, infatti, sembra un tutt'uno con le colline circostanti, mettendo in risalto il colore azzurro intenso del cielo. Nel primo pomeriggio ci dirigiamo finalmente a Wadi Musa, il villaggio che sorge ai piedi di Petra e, dopo aver salutato il nostro driver che rivedremo solo di li a qualche giorno e dopo aver posato le valige in albergo (per i successivi 2 giorni alloggeremo nell'economico e bellissimo Peace way Hostel), Perlustriamo la zona: quello che salta immediatamente all'occhio è che si abbandona totalmente la veridicità della Giordania: qui tutto è turistico e tutto ruota intorno a Petra. Negozi ristoranti e alberghi si susseguono senza sosta fino all'ingresso del sito. Scegliamo il ristorante Al-Wadi per la cena, dove gustiamo il gallaya più buono della Giordania (carne o uovo cotto in una salsa di pomodoro e cipolle. davvero notevole)

  • 2617 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social