Dall'Egitto alla Giordania via terra attraverso i confini

Da Dahab a Petra in fai da te

  • di giobest
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

All’uscita della frontiera israeliana c’è Asraf che ci aspetta…Gli avevo dato appuntamento alle 17, ma non avevo considerato che la Giordania e Israele sono 1 ora di fuso avanti rispetto all’Egitto….così lui ci sta aspettando da più di1 ora per portarci a Petra. La strada corre veloce seppur molto più trafficata di quella egiziana e in 2 ore siamo all’hotel La Maison per il veloce check in. Compresa nella cifra ci sono anche le due cene a buffet, ma in verità lascia molto a desiderare come anche la colazione. Comunque l'ho scelto perla vicinanza all'ingresso del sito e tutto sommato si è rivelato una buona scelta anche per quanto riguarda la camera e la disponibilità del personale.

28-4

Usciamo presto e prima delle 8 siamo già nel Siq. Ci sono pochissimi turisti e riusciamo ad apprezzare il luogo da soli... non avrei mai pensato. Non mi soffermo sull'unicità di Petra, ma consiglio vivamente di pernottare qui in modo da poterla godere in pieno. Noi abbiamo comperato l’ingresso per 2 giorni ma col senno di poi avremmo sicuramente potuto fare tutto in giornata. Consiglio una volta ammirato il Tesoro di continuare sulla via sacra e poi di prendere il sentiero del WADi farasa. Percorrendolo tutto si arriva a scollinare dietro il museo dove ci si può rilassare bevendo il the di Bdoul Mofleth. Questo beduino, citato anche dalla Lonelyplacet vive qui da sempre e ha fatto di una delle tombe la sua casa. E' incredibile come comunichi senso di rilassatezza e di serenità.

Dopo il pranzo consumato al ristorante a buffet sotto il museo nabateo la visita continua su, su vero il monastero...fa un po' caldo, ma si può fare. La discesa è più facile e percorriamo l'antica strada colonnata fino alle tombe reali, ma pensando di poter percorrere il giorno dopo il wadi coe indicato nella guida, guadagniamo l'uscita stanchi ma soddisfatti. Purtroppo scopriamo uscendo che non sarà possibile avventurarsi da soli per il WadiMutlim come indicato dalla Lonely e così il giorno dopo, rientrati nuovamente nel siq ci concentriamo sulle tombe reali per uscire intorno alle 11 e a mangiarci una buon kebab in uno dei negozi vicini. L'ottimo staff dell' hotel ci ha permesso un check out ritardato e così riusciamo a farci una doccia prima che Asraf venga a prenderci per portarci al Wadi Rum.

Da Petra impieghiamo un paio d'ore a raggiungere l'ingresso del deserto dove ho prenotato 1 notte nel campo tendato. Il nostro autista lo conosce e non senza qualche battibecco all'ingresso del visitor riesce a portarci a casa di Attallah. L'esperienza con il beduino non è delle migliori almeno inizialmente, ma poi mi guadagno la sua fiducia e mi fa vedere anche la moglie che ha appena partorito il suo primo figlio maschio. Qualche consiglio alla puerpera su come allattarlo non posso trattenermelo e si instaura così una strana complicità tra donne... bello! Visto il poco tempo a disposizione abbiamo optato per 3 ore di tour nel deserto, ma in tutta sincerità non è molto entusiasmante. E' proprio cosa costruita per i turisti o forse perchè dune di sabbiane abbiamo viste altrove, o forse perchè dopo il siq nessuna gola potrà essere più affascinante o forse perchè abbiamo già visto le montagne dell'arizona... bella invece la notte nel deserto passata sotto le stelle, dopo una bellissima cena beduina, davvero la più buona della vacanza.

28-5

Ore 8 colazione e poi partenza per Aquaba. Ripercorriamo a ritroso la trafila per il passaggio delle frontiere, ma nemmeno sta volta alcunché di tragico. Diamo una mano ad una coppia di anziani coniugi lasciati in balia di se stessi dall’organizzazione viaggi del turchese e cerchiamo di contrattare insieme a loro il passaggio attraverso il territorio di Israele. Questa è l’unica parte del viaggio che può creare qualche problema, perché la maggior parte dei taxisti ha una cifra pattuita e non contratta facilmente. Noi siamo stati fortunati perchè dopo un po’ che aspettavamo è arrivato Vito che gentilissimo si è prestato e ci ha detto che è disponibile anche per viaggi più lunghi su tutto il territorio. Ne terremo sicuramente conto per un prossimo viaggio

  • 2844 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social