Giordania on the road

Attraversata la frontiera con la Siria, la Giordania è un ritorno alla civiltà: la convivenza tra a cultura inglese e la tradizione beduina salta subito agli occhi e rende meno traumatico l'impatto con la cultura araba, al contrario della Siria ...

  • di lil_clo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Attraversata la frontiera con la Siria, la Giordania è un ritorno alla civiltà: la convivenza tra a cultura inglese e la tradizione beduina salta subito agli occhi e rende meno traumatico l'impatto con la cultura araba, al contrario della Siria che ti travolge come un tir in corsa.

Amman è una bella capitale moderna. É il posto più fresco di tutta la Giordania ed è il primo Mc Donald da 6000 km! Da lì puntiamo direttamente a Petra - millenaria signora del deserto - e al suo tesoro.

Il silenzio viene naturale attraversando il canyon e la vista improvvisa del tesoro (così è chiamata la più celebre tomba del sito) toglie il fiato! Inutile dire che la visita va concentrata nelle primissime ore della mattina, intanto per evitare il caldo soffocante del giorno e poi per godere di questo paradiso con la luce migliore e con meno gente possibile. L'hotel Al Alambat - dove abbiamo soggiornato - offre un servizio di navetta verso i principali siti della zona e guide preparate che possono accompagnarvi (anche se la visita si può fare benissimo con qualunque guida cartacea) All'interno del sito si trovano chioschi che danno da bere quindi è inutile caricarsi d'acqua come somari. L'unica raccomandazione contro il caldo è: COPRITEVI! Se i beduini - che nel deserto ci vivono - sono coperti dalla testa ai piedi, un motivo ci sarà.

E dopo Petra via verso il Mar Rosso. Davanti alla spiaggia libera di Aqaba (al fondo della città a 7 km dall'Arabia), Mohamed cucina il miglior pesce del mondo e può farvi dormire in meravigliose casette con l'aria condizionata. Inoltre è una meravigliosa guida per la barriera corallina e può portarvi a fare immersione. (Ha studiato da istruttore in Inghilterra è l'attrezzatura è Italiana, la migliore sul mercato).

Il vento caldo dal deserto è impressionante e non da tregua e un bel bagno oltre ad essere un'esperienza turistica e anche un'esigenza del corpo. Indispensabile la maschera anche se per i meno esperti si consiglia un giro su una delle barchette con il fondo trasparente che vi porta a vedere la barriera corallina e i relitti di una nave e di un carro armato che ci sono sul fondo.

Il rispetto della gente per la barriera è notevole: a nessuno verrebbe mai in mente di danneggiarla o di farne un souvenir della vacanza. E' lì per tutti e così deve rimanere.

Sarebbe meglio evitare - per le donne - il bikini. Un bagno in pantaloncini e maglietta fa sentire meno a disagio noi e chi ci guarda, visto che le donne del luogo fanno il bagno vestite dalla testa ai piedi.

Il Wadi Rum, il deserto giordano reso leggendario dal mito di Lawrence d'Arabia. Non c'è posto al mondo dove le stelle siano più vicine e dove il silenzio riempia di più gli spazi.

Il ritorno verso nord procede poi sulla strada dei re, al confine con Israele.

Non spaventatevi dei numerosi check-point, non fermatevi mai e non fotografate nulla! I militari sono molto gentili ma ricordatevi sempre che quella strada è una zona molto calda.

Un bagno al mar Morto (che è il punto più basso della terra) è un'esperienza da provare se riuscite a resistere al caldo insopportabile. Arrivando da sud, dopo gli stabilimenti di estrazione dei vari minerali iniziano i bagni. Dovete far attenzione alle stradine sulla vostra sinistra.

Poco dopo il mar morto un cartello vi segnala il biblico monte Nebo, dove Mosè morì e da dove vedette la Terra Promessa (anche se da lì non c'è bisogno di salire su un monte per vedere Israele!) Ancora un po' più avanti un altro piccolo cartello segnala il punto del Giordano dove fu battezzato Gesù

  • 759 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social