Rimanere incantati dalla bellezza

Non mi era mai capitato di provare un groppo in gola e un'emozione crescente davanti alla bellezza di un posto. Quest'estate è successo. A Petra. Da sempre dicevo che ci sarei voluta andare. E davanti ai miei propositi, ricevevo gli ...

  • di HocusPocus
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Non mi era mai capitato di provare un groppo in gola e un'emozione crescente davanti alla bellezza di un posto. Quest'estate è successo. A Petra.

Da sempre dicevo che ci sarei voluta andare.

E davanti ai miei propositi, ricevevo gli sguardi scioccati delle persone che mi dicevano "Tu sei pazza ad andare in un posto così pericoloso!".

Ebbene, non so in base a cosa dicano così, perché io di pericoloso in Giordania non ho trovato proprio niente.

Anzi, a pensarci bene, è un po' triste rimanere colpita dall'educazione e dalla cordialità di questo popolo. Vuol dire che ormai quello che dovrebbe essere una cosa normale, la gentilezza, per noi occidentali, facenti parte del mondo "civilizzato", è un'eccezione. Sono partita con un tour organizzato. Generalmente viaggio da sola, munita della guida e raramente prenoto dall'Italia. Ma questa volta ho preferito fare così. Non sapevo cosa avrei trovato e come si sarebbero posti nei confronti di una donna.

PETRA: Petra è qualcosa di indescrivibile.

Mi trovo profondamente a disagio a cercare di rendere con misere parole tutto quello che mi è passato nel cuore e nella mente quando, usciti dal sik, ci si è trovato di fronte "Il tesoro", il famoso tempio che si vede anche in "Indiana Jones e l'ultima crociata".

Ti fermi lì davanti e ti dici:"No, non è possibile..." Tocchi quelle colonne, le accarezzi e non vorresti più volgere lo sguardo altrove.

La sensazione che hai è quella di volerti riempire gli occhi di cotanta bellezza.

E te ne vai con l'impressione di non averlo fatto abbastanza.

ALTRE LOCALITA': Noi con il tour organizzato abbiamo visitato Jerash con le sue rovine romane, i mosaici di Madaba, i castelli del deserto (quello di Lawrence d'Arabia in pietra lavica e quello di Saladino) e un caravanserraglio.

Il luogo che mi ha lasciato una profonda tenerezza è stato quello riconosciuto dalla Chiesa come il posto del battesimo di Gesù. Sinceramente non mi ritengo una perfetta credente, tanto meno una perfetta praticante (a dir la verità per nulla praticante) e non so neanche se quello sia stato veramente il Luogo. Ma non è importante questo. Quello che conta è l'atmosfera di quei territori, le acque del Giordano, ormai un fiumiciattolo ridotto del 90% a causa della diga sul lago di Tiberiade. Quello che si avverte, anche se non si è credenti, è la storia che quei luoghi sanno raccontare. Come non si può mostrare un silenzio reverenziale davanti ai rotoli del Mar Morto? O sul Monte Nebo, da dove Mosè contemplò per la prima volta la Terra Promessa? MAR MORTO Farsi il bagno nel Mar Morto è una delle esperienze più strane che vi capiteranno in Giordania.

Si entra nell'acqua e subito sentirete piccoli bruciori dovuti a feritine che neanche pensavate di avere.

A me bruciavano anche le punture delle zanzare di 10 giorni prima.

Sembra di avere un salvagente tanto si galleggia.

Attenzione agli occhi. Anche se dovesse finire una goccina di acqua, non succederebbe niente ma brucerebbe tantissimo! E il sapore è qualcosa di tremendo! Vicino alla riva, nell'acqua di prendono i famosi fanghi. Si spalmano addosso, si fanno asciugare e poi si tolgono nell'acqua. Sulla spiaggia, visto che ci siamo appoggiati ad uno "stabilimento" molto carino con bagni e spogliatoi, abbiamo trovato delle docce di acqua dolce, assolutamente indispensabili dopo esser usciti dal mar morto.

DESERTO DI WADI RUM Abbiamo fatto un'escursione in jeep in questo deserto dalla sabbia incredibilmente rossa.

Era un'escursione facoltativa che abbiamo pagato 20 euro. La consiglio a tutti, perché si passa attraverso un paesaggio incredibile, roccioso e sabbioso che, a tratti, mi ha ricordato il Grand Canyon. E ci si riposa, alla fine, sotto una tenda beduina a sorseggiare un tè caldo, stranamente dissetante

  • 5222 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social