Giappone: sorprese ed emozione nel paese del Sol Levante

Dalle meraviglie tecnologiche alle antiche tradizioni popolari, dallo spettacolo della natura agli aspetti storici e religiosi della sua cultura millenaria, un susseguirsi di emozioni.

  • di Uzbe
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 15
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Giappone, un Paese sorprendente, intrigante, affascinante e misterioso. Non semplice da raccontare e capire, più facile farsi conquistare visitandolo. Dalle meraviglie tecnologiche alle antiche tradizioni popolari, dallo spettacolo della natura agli aspetti storici e religiosi della sua cultura millenaria, un susseguirsi di emozioni.

Il volo Venezia-Francoforte-Tokyo ci catapulta nell’estremo oriente. Il cielo è grigio e minaccioso e l’accogliente hotel Keio Plaza, a Shinjuku, è disponibile solo dal pomeriggio. Ci avventuriamo ad una prima scoperta di Tokyo, usufruendo anche della metro in mezzo ad una marea di gente frenetica, tra palazzi e grattacieli. Dopo la notte in volo e le ore in giro per la città, arriviamo stanchissimi in hotel e primo impatto con la tecnologia giapponese del decantato water riscaldato con incorporato bidé, fontanella e pulsantiera. Da provare.

L’indomani, intera giornata di visita a Tokyo utilizzando i mezzi pubblici: il Palazzo del Governo metropolitano, la piazza del Palazzo Imperiale, il santuario shintoista Meiji, nei pressi della stazione di Harajuku, dedicato alle anime dell'Imperatore Mutsuhito e di sua moglie, l'imperatrice Shōken. (Lo Shintō o Shintoismo è una religione nativa del Giappone: prevede l'adorazione dei Kami, divinità, spiriti naturali o semplicemente presenze spirituali).

All’ingresso un gigantesco Torii e lungo il viale alberato si trovano numerosi pittoreschi barili di sake donati al santuario. Assistiamo anche ad un battesimo e a due matrimoni con i sacerdoti e le sacerdotesse del santuario. Intrufolati in una marea di gente ci dirigiamo al complesso templare Sensō-ji, nel quartiere di Asakusa, dove incontriamo tre geishe con splendidi kimono che si lasciano fotografare. Fulcro del complesso è il tempio Sensōji, dedicato a Kannon Sama, la dea buddista della misericordia, il luogo di venerazione più antico di Tokyo. La via principale del quartiere passa davanti al Kaminarimon (Porta del tuono) con la sua chōchin, l'imponente lanterna di carta rossa. Ci sono numerose donne con i kimono, tradizionali abiti giapponesi. Ci addentriamo poi nella megalopoli. Lungo il fiume Sumida, sul prato, sotto i ciliegi in fiore molti gruppi fanno pic-nic, giocano, si divertono, ci invitano a fare festa con loro. Prima del rientro una parte del gruppo va a vedere la baia di Tokio con la guida, altri la Tokyo Tower, la torre delle telecomunicazioni, copia della torre Eiffel giapponese colorata di rosso. Alla sera visitiamo il quartiere di Shinjuku, uno dei centri più frenetici e trafficati di Tokyo. Un caleidoscopio di luci e colori.

Altra giornata grigia e piovigginosa. Partiamo con treno proiettile per Shizuoka, dove si trova il santuario shintoista Nikko Toshogu, dedicato a Tokugawa Ieyasu, il fondatore dello shogunato Tokugawa, ultimo shogunato del Giappone, costruito in origine nel 1617. Lo raggiungiamo in teleferica che scompare nella nebbia fra gli alberi della foresta. Molto bello. Si sarebbe potuto vedere anche il monte Fuji ma, causa la nebbia, lo abbiamo visto solo in cartolina. Pranzo tradizionale giapponese, con tante ciotoline piene di non ben identificate cose commestibili assaggiate a denti stretti. Nuovo treno proiettile sino a Kyoto, stazione immensa, futuristica, con gradinata illuminata di tanti colori e sistemazione al Rihga Royal Kyoto. Uscita serale al quartiere delle geishe, ne incontriamo un paio che furtive spariscono nel cortile di un’abitazione, al viale dei ciliegi in fiore e il quartiere con case tradizionali

  • 507 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social