Giappone... carpe diem!

Arrivare in Giappone è come entrare in un manga. Le persone, i cartelloni pubblicitari, il cibo e ogni altra cosa sembrano leggermente alterate rispetto alla realtà a cui siamo abituati. Tutto sembra disegnato, come in un fumetto o in un ...

  • di tus-operator
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 7
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Arrivare in Giappone è come entrare in un manga. Le persone, i cartelloni pubblicitari, il cibo e ogni altra cosa sembrano leggermente alterate rispetto alla realtà a cui siamo abituati. Tutto sembra disegnato, come in un fumetto o in un cartone animato della nostra infanzia.

Quindi, se ve lo state chiedendo, qui esistono davvero le ragazze con la divisa da scolaretta/marinaia e con i capelli rosa. Non erano solo le amiche di Sailor Moon a passeggiare per Tokyo agghindate a quel modo!

Ecco, io credo che un viaggio in Giappone sia principalmente questo. Non tanto la bellezza dei suoi monumenti o l'armonia dei suoi templi. Venire in Giappone significa accostarsi ad un mondo completamente diverso dal nostro, un luogo osservato solo in tv o nei cartoni animati che si rivela essere davvero "strambo", "alternativo" e "surreale". E i giapponesi? Ne vogliamo parlare? Anche loro sono la vera attrazione del viaggio: precisi, formali, cortesi fino ad essere quasi ridicoli, distaccati, puliti e scettici. Unici, insomma.

Veniamo adesso al programma di viaggio. Seppur la bellezza del Giappone è il Giappone stesso (sembra una frase senza senso ma non è così), è necessario fare un elenco dei luoghi che si vuole visitare. Avendo avuto a disposizione 10 giorni pieni (più due di viaggio in aereo), il nostro tour può essere così sintetizzato:

· 3 giorni per la visita di Tokyo

· 1 giorno visita di Nikko (spostamento in giornata da Tokyo)

· 1 giorno nella zona di Hakone (spostamento in giornata da Tokyo)

· 3 giorni a Kyoto, comprensivi degli spostamenti da e verso Tokyo (vi consiglio di aggiungere un giorno perché la città è davvero stupenda e ricca di attrazioni)

· 1 giorno a Nara con sosta al Fushimi-Inari Taisha di Kyoto (spostamento in giornata da Kyoto)

· 1 giorno a Hiroshima e Miyajima (spostamento in giornata da Kyoto - è una giornata intensa ma fattibile)

Come muoversi in Giappone? Ovviamente con i mezzi pubblici. Io preferisco gli spostamenti in autonomia con la mia auto ma mi sono dovuto ricredere. Prima di tutto perché sono comodissimi, puliti e costituiscono essi stessi una delle attrazioni del viaggio. Poi perché non ha proprio senso muoversi in auto in città così congestionate ed estese. Le metro e i bus saranno quindi il vostro supporto negli spostamenti cittadini mentre, per le lunghe tratte, dovrete sicuramente prendere il treno. Ecco in aiuto il mitico JR Pass che, al costo di circa 217 euro, permette di utilizzare buona parte dei treni giapponesi per una settimana. Sono inclusi addirittura gli Shinkansen, ossia i treni ad alta velocità. Le regole non sono poche ma non è difficile da utilizzare (troverete un sacco di informazioni on line e nei vari blog di viaggio).

Per avere a portata di mano gli orari dei treni, vi suggerisco di scaricare sul cellulare Hyperdia App.

Il costo del viaggio? Non bassissimo ma principalmente perché c'è di mezzo un volo internazionale (abbiamo trovato Alitalia molto comoda perché effettua voli diretti da Milano a Tokyo). Si può riuscire a spendere anche poco se ci si sa adattare ma un budget troppo limitato a volte non permette di godere appieno della vacanza e delle bellezze di un luogo. Noi abbiamo speso 2.100 euro, tutto compreso (ad esclusione dei souvenir).

Una delle esperienze più interessanti del viaggio sarà sicuramente quella con la cucina locale. Non aspettatevi di abbuffarvi sempre di sushi ed affini perché non è così facile trovare posti in cui lo preparano. Cioè, lo si trova in quasi tutti i menù ma è di una varietà drammaticamente limitata e di livello medio. Se tenete duro, ad ogni modo, troverete di certo qualche ristorante specializzato (ne abbiamo trovato uno alla stazione di Kyoto che era fenomenale)!

La cucina giapponese è comunque molto più varia ed ampia di quanto si possa immaginare. E nella maggior parte dei ristorante troverete un po' di tutto: dal ramen alle frittate, dalla tempura alla soba. Molti, addirittura, espongono in vetrina una replica in silicone dei piatti che vi attendono all'interno. E' comodissimi per farsi un'idea di quello che vi aspetterà in tavola! In genere i prezzi non sono particolarmente elevati e anche questa è stata una sorpresa non da poco!

Vi state chiedendo quale guida acquistare prima del viaggio? Io sono un fan della Lonely Planet che, dopotutto, trovo molto comoda. Purtroppo quella per il Giappone è un librone enorme e difficile da portarsi appresso per cui, seppur controvoglia, mi sono acquistato anche alcuni capitoli pdf dal sito della Lonely Planet. E' stato decisamente più comodo ed agevole leggerli sullo smartphone!

Cosa fare prima della partenza? Io vi suggerisco di: dare un'occhiata alla guida turistica per capire come sono suddivise le città e dove sono collocate le attrazioni principali (avere le idee chiare vi farà risparmiare un sacco di tempo), acquistare un'assicurazione viaggio, prenotare on-line il JR Pass (dovete farlo necessariamente prima della partenza), scaricare sul vostro cellulare le mappe dei mezzi pubblici e qualche app off line (magari gratuita) che funzioni da navigatore (es. MAPS.ME)

  • 18799 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social