Giappone fai da te da Tokyo a Beppu - famiglia di 4 adulti -

Un viaggio sicuramente interessante che ci ha fatto conoscere un paese di contrasti. Contrasti tra la modernità più spinta e la tradizione più radicata. Un paese dove praticamente tutti sono gentili e rispettosi. Per strada non si sentono strombazzare clackson, ...

  • di Lurens55
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Vacanza in Giappone

09/08/2011 - 26/08/2011

Partecipanti: tutti

(Cambio valuta 1 € ~= 106¥)

Prologo:

A fine febbraio comperiamo i biglietti (non rimborsabili) del volo Aeroflot Milano, Mosca, Tokyo su Opodo.

Due settimane dopo l'acquisto, cioè l'11 marzo 2011, l'incidente di Fukushima. Cominciamo così a prendere in considerazione di rimetterci i soldi dei biglietti e rinunciare al viaggio.

Monitoriamo la situazione su vari siti (incluso quello dell'Ambasciata Italiana a Tokyo). A maggio sembra che da Tokyo verso sud non ci siano problemi, così definiamo il giro da fare e prenotiamo i vari hotel.

Hotel utilizzati:

Tokyo: Hotel Nihonbashi Villa – vicino alla stazione di Bakurocho – Uscita C4 – 2 camere doppie con bagno privato, 4 notti, 50000 JPY (su booking.com) – Soddisfacente per il rapporto prezzo qualità. Camere un po' piccole.

Kyoto: Hotel Budget Inn – vicino alla stazione – 1 camera da 4 con bagno – 6 notti, 77080 JPY (prenotato direttamente www.budgetinnjp.com) – questa sistemazione in un appartamento giapponese ci è piaciuta proprio tanto.

Hiroshima: Dormi Inn – vicino alla fermata della metro Chuden-mae – 2 camere doppie con bagno, 2 notti, colazione compresa, 28000 JPY (su booking.com) – La sistemazione migliore del viaggio.

Beppu: Daiiti Hotel – vicino alla stazione – 2 camere doppie con bagno, 2 notti, 28000 JPY (su booking.com). Comodo, staff gentile, per 2 notti è andato più che bene.

Narita: U-city Hotel – con navetta gratis per l'aeroporto – 2 camere doppie con bagno – 11600 JPY (su booking.com). Stanze grandi. Comodissimo alla stazione.

Informazioni di dettaglio sugli hotel sono nel testo del diario.

09/08/11 - Martedì (MXP – NRT)

Sarà un viaggio di circa 11000 Km, 13 ore e mezza solo di volo più tempi di attesa per la coincidenza a Mosca.

Orario di imbarco previsto 11.40; effettivo 12.30. Partenza con 30' di ritardo. Contrariamente a quanto riportato sul biglietto il volo non è operato da Alitalia, ma da Aeroflot con un Airbus 321.

Il volo procede tranquillo. L'arrivo a Mosca è in leggero ritardo. Tempo di sbrigare alcune formalità aeroportuali e siamo prossimi ad imbarcarci per Tokyo. Il Terminal D è lo stesso dell'anno scorso, ma completamente rinnovato e irriconoscibile.

Imbarco in perfetto orario.

L'aereo, un Airbus 330-300 nuovo è abbastanza vuoto.

Probabilmente la situazione infelice del Giappone, a seguito del terremoto, scoraggia molte persone ad andare.

Su questo volo il servizio di bordo Aeroflot è particolarmente curato. Dopo aver percorso quasi 1000 miglia, e con ancora circa 3700 da percorrere, fuori è notte. Ma la notte durerà poco. Terminata la cena ci si rilassa e si considera finita la giornata, mentre stiamo volando a nord-est di Yekaterinburg.

10/08/11 - Mercoledì (Tokyo)

La notte in aereo è durata circa 4 ore e siamo già al 10 agosto. Essendo l'aereo piuttosto vuoto, siamo persino riusciti a riposare un po'.

Arrivati in perfetto orario. Formalità doganali rapidissime. Cambiamo i Japan Rail Pass e compriamo i biglietti per andare a Tokyo per non usare subito il Pass da 14 giorni.

Il treno passa in una zona di campagna verdissima con campi coltivati in modo incredibilmente ordinato.

Usciti dalla stazione di Bakurocho, l'impatto climatico è forte. Oltre 30° e molto umido

Finalmente dopo 24 ore di viaggio arriviamo all'hotel Nihombashi Villa (www.hotelvilla.jp). Due camere doppie con bagno per 4 notti 50000¥. Internet gratis in camera (con cavo fornito alla reception) e aria condizionata (data la temperatura è molto utile) e frigo. Dopo la registrazione saliamo in camera. L'hotel è bello, la camera pure, ma è veramente piccola. Sembra la cabina di una nave e non c'è l'armadio, quindi le valigie non si possono disfare. Meno male che stanno sotto al letto

  • 28137 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social