Viaggio nella terra del Sol Levante

Ebbene sì: il sogno si è realizzato!!! VIAGGIO NELLA TERRA DEL SOL LEVANTE Partecipanti: Andrea/Ilaria Permanenza: 2 settimane Al ritorno dal Nostro viaggio in Giappone, voglio anchio cercare di aiutare chi come noi vuole intraprendere questa magnifica avventura raccontando la ...

  • di ube79
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

Ebbene sì: il sogno si è realizzato!!! VIAGGIO NELLA TERRA DEL SOL LEVANTE Partecipanti: Andrea/Ilaria Permanenza: 2 settimane Al ritorno dal Nostro viaggio in Giappone, voglio anchio cercare di aiutare chi come noi vuole intraprendere questa magnifica avventura raccontando la nostra esperienza personale.

Non voglio dilungarmi troppo nelle descrizione dei luoghi in quanto per questo ci sono fior fiore di guide ma più che altro voglio dare un idea su comè realmente il Giappone, consigli utili per chi ha intenzione di partire, quelli che anche noi abbiamo cercato nei racconti degli altri viaggiatori.

Il viaggio è stato organizzato tutto fai da te – compagna di viaggio essenziale la mitica Lonely Planet – Giappone 3° edizione italiana 2008 - 17/08/2008 ore 14.45 PARTENZA!!!!! Finalmente ci siamo, da marzo avevamo i biglietti in mano e ancora non ci sembra vero si parte!!! Viaggio: Alitalia, volo diretto da MXP a Tokyo Narita acquistato con CTS per euro 792,00 (a mio parere ottimo affare visto il periodo).

Dopo circa 12 ore di volo e aver sorvolato tutta la “Madre Russia” iniziamo a intravedere uno scorcio di terra e dopo alcuni minuti il nostro AZ786 tocca terra all’alba delle 08.00 del 18/08/2008: WELCOME TO THE JAPAN!!!!! Sbrigate le rapide formalità di immigrazione e doganali, accolti con un sorriso dai poliziotti in servizio ci dirigiamo all’ufficio delle JR (compagnia delle ferrovie giapponesi) per ritirare il nostro Japan Rail Pass acquistato in Italia alla cifra di 180,00 € per una settimana che ci permetterà di viaggiare su tutti i treni per i nostri spostamenti compresi i mitici Shinkansen “treni a pallottola” (escluso il Nozomi).

Ritirato il pass e acquistato i biglietti per il Narita Express in poco meno di un ora eccoci in pieno centro a TOKYO: la stazione centrale è immensa e dopo qualche incertezza data l’estensione ci dirigiamo verso l’uscita sud per cercare un taxi che ci porterà al nostro hotel nel quartiere di Ginza.

New Hankyu Hotel, che dire... favoloso!!! Acquistato su Expedia a un prezzo veramente ottimo (circa 75 Euro a camera a notte) per un quattro stelle con stanze dal 32° piano con vista città.

L’hotel si trova vicino al famoso mercato del pesce e a circa 800 Mt dalla strada principale di Ginza.

Vorrei precisare che Tokyo, a mio avviso, non ha un centro vero e proprio ma tanti quartieri che formano questa meravigliosa città, tra cui appunto Ginza considerato il quartiere dello shopping e dei negozi stile quinta strada New York (effettivamente ci assomiglia...).

Depositate le valigie e con il fuso orario ancora da smaltire, partiamo all’esplorazione: data la stanchezza decidiamo come primo giorno di vagare senza meta nel “nostro” quartiere e iniziamo così la nostra avventura: Ginza i suoi negozi, i suoi ristoranti di lusso certo è bellissima ma non sicuramente lo stereotipo del Giappone che noi tutti immaginiamo ma questo già si sapeva... decidiamo di rientrare in hotel per un riposino e una doccia prima di affrontare la prima cena stile Japan: usciti alla ricerca di un ristorantino i sensi vengono confusi da odori, luci, suoni e immagini di locali che ci sembrava di aver già visto...Sì ma dove???? Forse nei film, nei cartoni animati chissà??? ed è per questo che i nostri occhi puntano un localino stile “marrabbio” di “kiss me licia”: mai fu scelta più azzeccata sembrava di stare veramente in un cartone animato .

19/08/2008 La mattina seguente ancora intontiti decidiamo di partire per la visita di Asakusa il quartiere storico di TOKYO!!! E così eccoci a prendere la metro davanti alle famosissime macchinette per i biglietti: tranquilli è semplicissimo, tutto è scritto in inglese (almeno nelle stazioni principali) e a caratteri cubitali è indicato la cifra in Yen...Linea Ginza diretta sino ad Asakusa, e dopo 20 min di metro eccoci arrivati: salite le scale ci troviamo di fronte ad un estasi di colori, emozioni, profumi finalmente ci siamo... camminando per la via centrale giungiamo al famosissimo Sensoji Temple, dopo le foto di rito e l’accensione dell’incenso della salute decidiamo di fermarci a pranzo in un locale fumoso nella zona: ottima tempura e ravioli alla griglia con birra ghiacciata (12 euro in due e poi dicono che il Japan è caro...Mà?!?!)... con insegnamento da parte della proprietaria sull’uso delle tanto temute bacchette..

  • 1195 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social