Made in Japan

È stata una lunga attesa ma alla fine ne è valsa la pena. Dopo un anno di preparativi e ricerca di informazioni, il 31 luglio 2008 io e la mia Giuly siamo partiti per il Giappone. Il volo Alitalia è ...

  • di lorenzom
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

È stata una lunga attesa ma alla fine ne è valsa la pena. Dopo un anno di preparativi e ricerca di informazioni, il 31 luglio 2008 io e la mia Giuly siamo partiti per il Giappone.

Il volo Alitalia è stato prenotato tre mesi fa, gli alberghi di Tokyo e Osaka, unici due soggiorni prenotati per evitare troppi spostamenti con le valigie, sono confermati, i Japan Rail Pass (JRP) e la guida Lonely sono nello zaino e così a mezzogiorno ci imbarchiamo per il volo verso Tokyo Narita.

Dodici ore di volo sono tante ma tanto è l’entusiasmo che abbiamo addosso che non ci sembra neanche di essere partiti quando atterriamo nella terra del sol levante.

Completate le veloci pratiche doganali e convertiti i Japan Rail Pass, prendiamo il trenino che in un’oretta circa ci porta fino al centro di Tokyo. Con poche fermate di metro della linea JR siamo all’hotel Kitcho, discreto alberghetto senza troppe pretese, a 100 metri dalla metropolitana e dal prezzo veramente economico.

La metropolitana di Tokyo è formata da molte linee, tutte private e non comprese nel JRP. La JR però ha delle proprie linee che viaggiano in superficie e che formano un anello che attraversa i principali quartieri della capitale nipponica. Praticamente potete andare ovunque.

Tokyo è una città di dodici milioni di abitanti, per cui i fiumi di gente, in qualunque angolo vi troviate, sono sempre presenti. Non mi dilungherò molto nel descrivere ogni singola giornata, ma vi riporterò quello che, a nostro avviso, vale la pena visitare e cosa può essere evitato. Ueno, Asakusa, Akiabara, il parco di Yoyogi la domenica (fantastici i rockabilly e i gruppi che fanno i balletti più scemi del mondo), la vista dal 45esimo piano del Tokyo Governament Building sono impedibili così come le visite notturne (di giorno perdono molto del loro fascino) a Ginza, Shibuja e Roppongi hill. Il Tokyo National Museum ha una bella collezione di spade e “armature” di samurai ma poi per il resto presenta innumerevoli pergamene che dopo un po’ di tempo risultano noiose e senza significato, almeno al cospetto del nostri occhi occidentali.

Il palazzo e il parco imperiale sono state una vera delusione, il mercato del pesce non è molto differente da quelli visti durante le molte vacanze in Sicilia, se non per il fatto che i battitori d’asta sbraitano in giapponese e che si rischia la vita ogni volta che un carrellino elettrico ti passa davanti.

Impedibili invece sono i pranzi e le cene nei ristorantini di qualsiasi angolo della città. Seduti al bancone, al proprio tavolino vicino a signore in chimono tradizionale o a manager che pranzano in un minuto netto, il Giappone offre piatti per tutti i gusti a prezzi che non vi immaginate. Abbuffate di spaghetti di soia, sushi, tempura, birra e dolcetti a meno di dieci euro a testa! Un luogo facilmente raggiungibile con l’ausilio del JRP (a proposito, all’ufficio informazioni delle JR in Tokyo station ci sono signore gentilissime che sanno un inglese perfetto e a noi è capitata anche una che sapesse l’italiano) e citatissimo in tutti i racconti presenti su questo sito è Nikko.

Il tempo sembra essersi fermato in questa piccola cittadina in mezzo al bosco, dove un bellissimo ponte rosso fa da tramite tra i tempi moderni e la pace rappresentata da una serie di magnifici templi, alberi di cedro alti come palazzi di otto piani, sacerdoti in abiti e zoccoli tradizionali e una quiete che neanche le scolaresche presenti riescono a intaccare. Da non perdere la pagoda con l’effige delle famose tre scimmiette e il ruggito del drago. A noi poi è capitato di rimanere bloccati per un’oretta dentro un tempio per un improvviso temporale e vi assicuro che l’esperienza è stata tutt’altro che sgradevole

  • 785 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social