Jamaica, l'isola delle tre R

Quando acquistammo i biglietti aerei, le impiegate dell'agenzia ci sconsigliarono vivamente di atterrare a Kingston. Recatevi a Montego Bay ci dissero, evitate Kingston, poiché non è quello l'aeroporto turistico della Jamaica. Lì gira brutta gente, circola parecchia droga, ed alla ...

 

Quando acquistammo i biglietti aerei, le impiegate dell'agenzia ci sconsigliarono vivamente di atterrare a Kingston. Recatevi a Montego Bay ci dissero, evitate Kingston, poiché non è quello l'aeroporto turistico della Jamaica. Lì gira brutta gente, circola parecchia droga, ed alla dogana vi faranno un sacco di storie. Forse quando siamo stati gli unici europei a scendere a Kingston, dall'aereo che proseguiva per Montego Bay, qualche strano pensiero l'abbiamo pur avuto, ma una volta sbrigate facilmente le formalità doganali, e superato l'impatto con il caldo dei tropici (era il mese di Gennaio), siamo saliti abbastanza rassicurati su un taxi. Quando è ormai buio, attraversiamo tra mille ingorghi la capitale giamaicana, che si è guadagnata la fama di essere una delle città più violente al mondo. I nostri sensi sono continuamente sollecitati. Dai finestrini entrano le note sincopate della musica Reggae, sparata a tutto volume ad ogni angolo delle strade, le nostre narici percepiscono l'odore pungente del fumo proveniente dai bidoni sui quali cuoce il Jerk, il piatto nazionale giamaicano, mentre i nostri occhi vedono uno degli spettacoli più deprimenti ai quali si possa assistere, quello della miseria, tanta miseria. Ci piacerebbe fermarci per la notte, ma abbiamo solo una settimana e così ci lasciamo alle spalle Kingston, per addentrarci in balia del nostro sconosciuto autista nel buio di una fitta foresta, dalla quale usciamo solo dopo un paio d'ore di curve, per giungere verso le dieci di sera a Port Antonio.

Questa è la località della Jamaica che consiglio vivamente a tutti. Aveva visto bene quel bellone di Errol Flyne che se ne innamorò a vista d'occhio e vi risedette per anni. Port Antonio è la vera Jamaica. Panorami mozzafiato, palme, mare cristallino, foltissima vegetazione tropicale, cascate eccezionali, coloratissimi mercati, gente simpaticissima. Decisamente meno turismo, rispetto alle più gettonate Ocho Rios, Montego Bay, Negril. Nei due giorni seguenti ci perdiamo nella magia della blue lagoon, facciamo rafting sul Rio Grande su lunghe zattere costituite da canne di bambù, rosoliamo al sole sulle spiagge di Long Bay, Boston Beach (patria del piccantissimo jerk), San San Beach, Frencheman's Cove. In completa solitudine ci bagniamo sotto le Reach Falls, la favolose cascate dov'è stata girata la scena d'amore del film "Cocktail"con Tom Cruise. A Port Antonio abbiamo alloggiato al magnifico hotel Dragon Bay, incastonato in una meravigliosa baia lambita da calme acque cristalline e circondata da bellissima vegetazione tropicale. Colossali sbronze al bar sulla spiaggia, dove i coloratissimi cocktails nascondono ingenti dosi di Rum, il liquore nazionale che scende facilmente al ritmo perenne del Reggae, per poi risalire alla testa con effetti sconvolgenti. Per girare nel circondario ci siamo serviti di un ragazzo che, dopo estenuanti contrattazioni a tavolino, ci ha scorazzato a bordo della sua macchina sulle tortuose strade giamaicane per un paio di giorni, ad un prezzo ragionevole, nel quale abbiamo fatto rientrare anche il passaggio per Ocho Rios, che la mattina del nostro quarto giorno di permanenza in Jamaica, raggiungiamo in un paio d'ore, dopo aver attraversato rigogliose foreste tropicali e caratteristici villaggi.

Ocho Rios è un'altra cosa. Qui il turismo discreto di Port Antonio lascia il posto alle comitive di vacanzieri delle numerose navi da crociera. Quindi anche la risalita delle spettacolari Dunn's River Falls, la principale attrazione di Ochi (com'è chiamata dai giamaicani), diventa una sorta d'affollato luna park offerto dalla natura. Le cascate vanno però visitate e scalate, perché sono di una bellezza unica, ed il divertimento è assicurato. La notte dormiamo all'hotel Ibiscus Lodge, una delle poche sistemazioni decorose di Ocho Rios a buon mercato, raffrontata agli elevati prezzi giamaicani (i turisti più numerosi sull'isola sono statunitensi). Alle cinque del mattino del giorno seguente, mentre mia moglie è ancora assorta dolcemente nel sonno, mi trovo già sulla veranda della nostra stanza ad ammirare il sorgere dell'alba, mentre un'enorme nave da crociera entra lentamente nelle placide acque della baia. Ochi si prepara a un altro giorno e le Dunn's River Falls all'ennesima invasione

  • 7061 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social