Jamaica many problems!

Per la prima volta, dopo decenni di vacanze zaino in spalla, provati seriamente da un anno di duro lavoro, abbiamo deciso di optare per un viaggio organizzato..Non l'avessimo mai fatto! Due settimane in Jamaica ci parevano una buona idea, sole, ...

  • di Kalium72
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Per la prima volta, dopo decenni di vacanze zaino in spalla, provati seriamente da un anno di duro lavoro, abbiamo deciso di optare per un viaggio organizzato..Non l'avessimo mai fatto! Due settimane in Jamaica ci parevano una buona idea, sole, mare, no stress o meglio, no problem, come dicono sempre loro.

Il periodo non era dei migliori, si sa che i Caraibi andrebbero evitati nei mesi estivi a causa del pericolo di uragani..Ce l'avevano anche detto, ma noi duri!Si pensava: macchè, mal che vada ci capiterà un po' di pioggia, che vuoi che sia.

Del resto, anche le testimonanze di molti altri viaggiatori ci confortavano: molti avevano trovato un tempo splendido e poi anche il prezzo era buono, così senza starci a pensare troppo su siamo partiti.

O meglio, ci abbiamo provato.. Arrivati all'aeroporto di Milano ci attendeva una brutta notizia: l'uragano Gustav imperversava sulla Jamaica, l'aeroporto di Montego Bay era chiuso ed il volo rischiava di essere annullato (senza rimborso per di più, vista la causa di forza maggiore). Presi dalla disperazione, contattavamo freneticamente il nostro tour operator, che all'ultimo tuffo, venti minuti prima della chiusura del check in, ci proponeva di imbarcarci comunque sul volo, fermandoci a Cuba se proprio non vi fosse stata la possibilità di proseguire. In assenza di alternative, con la prospettiva di rimetterci tutti i soldi del viaggio, accettavamo senza indugio.

Giunti all'Havana però, ci attendeva un'altre sorpresa: l'uragano aveva cambiato rotta e stava dirigendosi allegramente verso di noi. A questo punto le possibilità erano due: aspettarlo a Cuba e vedere che effetto faceva oppure sfidarlo (o meglio, "passarci intorno" per usare le esatte parole del pilota) e tentare l'atterraggio a Montego Bay.

Resi impavidi dai numerosi mojito bevuti al settore transiti dell'aeroporto dell'Havana, decidevamo di tentare la sorte, imbarcandoci nuovamente sull'aereo.

In meno di due ore stile "l'ottovolante più alto e pericoloso del mondo" atterravamo nel nulla più assoluto O almeno così ci pareva; infatti era notte ma dai finestrini dell'aereo non vedevamo neppure una lucina accesa, eccezzion fatta per la pista di atterraggio, che brillava nel buio.

Il mistero veniva presto risolto: sull'isola la corrente elettrica era stata staccata in via precauzionale a causa del maltempo e così pure l'acqua.

Dopo altre vicissitudini (bagagli persi o aperti da qualche ladruncolo a Cuba, dove erano rimasti a girare sul rullo per un paio d'ore, roba rubata etc..) e dopo due ore di viaggio nel buio più assoluto, su strade semiallagate ed invase da granchi gialli pesanti mezzo chilo, giungevamo finalmente a Negril.

Ci sistemavamo in albergo, senza neppure poterci fare una doccia, dopo oltre trentasei ore di viaggio.

Oltretutto, non si poteva neppure mangiare qualcosa: il locali erano chiusi, tanto nessuno aveva l'acqua e la corrente per cucinare.

Decidevamo quindi di limitarci a dormire, sperando che l'indomani la situazione si sarebbe risolta. Per fortuna, nel giro di un paio di giorni gli allacci venivano ripristinati: non ho mai provato tanta letizia alla prospettiva di poter finalmente tirare lo sciacquone!! Purtroppo il mare aveva risetito delle abbondanti piogge, infatti i fiumi avevano trascinato con sè molta terra, che "sporcava" l'acqua assieme alle alghe portate dalla mareggiata.

Anche questo inconveniente scompariva nel giro di un paio di giorni, per fortuna.

Cominciava finalmente la vacanza!Ma dopo un paio di giorni ci rendevamo conto di aver scelto un posto non adatto ai nostri gusti; infatti noi amiamo molto visitare i paesi, esplorare, perderci nella vita e nei costumi locali, tutte cose che in Jamaica non sono possibili

  • 6914 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social