Iniziare il 2006 a Berlino

4 gennaio 2006 Partiamo in orario quasi perfetto dall’aeroporto di Pisa con volo Easyjet - € 165 a persona tutto compreso andata e ritorno - delle 20,55 ed arriviamo a Berlino Schoenefeld dieci minuti prima rispetto alle previste 22,50. La ...

  • di Marco Casarino
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

4 gennaio 2006 Partiamo in orario quasi perfetto dall’aeroporto di Pisa con volo Easyjet - € 165 a persona tutto compreso andata e ritorno - delle 20,55 ed arriviamo a Berlino Schoenefeld dieci minuti prima rispetto alle previste 22,50. La famiglia è al completo: mia moglie, le nostre figlie (10 e 14 anni), il sottoscritto. Data l’ora optiamo per il taxi. Circa trenta minuti per raggiungere l’Amaryl City Hotel, Lietzenburger Strasse, 76, a due minuti dalla stazione Metro Uhlandstrasse (capolinea della U1), sulla Kurfurstendamm e a 5 minuti dalla stazione dello ZOO di Berlino. Costo della tratta 30 euro, senza ricevuta, anche se il tassametro indicava 29,10 euro. Tralascio la discussione, ma osservo come erroneamente la letteratura consideri deontologicamente diversi il tassista berlinese da quello operante a latitudini inferiori. L’albergo, prenotato su www.Venere.Com, è pulito, la camera spaziosa, l’arredamento essenziale ma in stato di perfetta efficienza e manutenzione, la tv trasmette esclusivamente programmi in lingua tedesca (considero questo elemento una benedizione), la mattina dopo scopriamo che la colazione è dignitosa. Tenuto conto della posizione, strategica, e del costo, 104 euro a notte, mi sento di consigliarlo. Unico neo, inaspettato, la richiesta di pagamento anticipato. Non viene accettata, inoltre, la carta di credito, adducendo come motivazione la tariffa promozionale già scontata per la prenotazione web. Anche in questo caso, avendo disponibile il contante, evito di aprire una vertenza. A mezzanotte e mezza siamo già tutti a dormire. Dimenticavo, il tempo. Gennaio è il mese più freddo e nuvoloso dell’anno a Berlino, secondo la guida Touring. Temperatura media diurna 2, notturna -3, ore di sole 2. Nei giorni in cui siamo stati a Berlino le temperature hanno oscillato intorno ai zero gradi, di sole nemmeno la parvenza, nuvolosità costante, per un’oretta una spruzzata di neve. 5 gennaio 2006 In pochi minuti a piedi arriviamo alla Kaiser-Wilhelm-Gedachtniskirke, la chiesa spezzata, punto di partenza per la visita. Al punto informativo della BVG, l’azienda trasporti berlinese, della stazione dello Zoo, acquistiamo i biglietti per i giorni di permanenza. La scelta è per il biglietto per piccoli gruppi (14,80 euro al giorno per le zone A e B, 15,00 se si vuole includere anche la zona C), il più conveniente, anche se obbliga a viaggiare sempre insieme.

Cominciamo quindi con un giro panoramico dal bus 100, da capolinea a capolinea, e con l’occasione ci riscaldiamo un po’. Scendiamo quindi ad Alexander platz. Il confronto, ancora possibile a distanza di 15 anni dalla riunificazione, tra la zona est e quella ovest, è evidente dall’esame dell’urbanistica, della tipologia delle costruzioni, dall’architettura delle piazze. Alexander platz è enorme, evoca romanzi, film, eventi. Ma un occhio ignorante percepisce solo la vastità e l’assenza di un’idea urbanistica. Tornando a piedi verso la porta di Brandeburgo attraversiamo la Marx Engels Forum, grande piazza alberata, e visitiamo Marienkirche, la più antica parrocchia di Berlino, chiesa luterana. Da fuori ammiriamo il Berliner Rathaus, il municipio rosso. Saliamo sul primo tram che passa e dopo due fermate scendiamo all’altezza del Pergamon Museum.

Prima di entrare frugale pranzo a base di wurstel, patatine fritte, birra, caffè. Le ragazze entrano gratis, il biglietto è solo 8 euro in due. Questo è avvicinare le persone all’arte ed alla storia! Non è sufficiente scervellarsi per elaborare frasi ad effetto per descrivere la meraviglia che si incontra. Occorre vederla. Ed appena finito di ammirare il grande altare di Pergamo in sequenza si incontrano la ricostruzione in un museo della porta di accesso del mercato di Mileto e le decorazioni della porta di Isthar di Babilonia. Solo questa visita merita il viaggio

  • 206 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social