36 ore a Berlino

Ecco il racconto di una 36 ore a Berlino: 31/05/2008 - Sabato Il volo EasyJet parte con un’ora di ritardo, ma alle 16.15 atterriamo a Berlino. Prendiamo la linea S9. Le “S” sono le metropolitane sopraelevate ( a differenza delle ...

  • di chiara76
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Ecco il racconto di una 36 ore a Berlino: 31/05/2008 - Sabato Il volo EasyJet parte con un’ora di ritardo, ma alle 16.15 atterriamo a Berlino.

Prendiamo la linea S9. Le “S” sono le metropolitane sopraelevate ( a differenza delle “U”) e permettono di avere una prima veduta della città, dai verdi sobborghi al centro) in circa 40 minuti e senza cambi arriviamo alla stazione di Fiedrikstraße. Siamo in centro e il nostro albergo è a soli 300m. Si tratta del Bax Pax Downtown, con 63euro abbiamo una camera doppia con bagno e doccia, ma volendo si riesce a risparmiare ancor di più prenotando in una delle camerate essendo che è anche ostello.

Veloce rinfrescata ed usciamo subito puntando a Nord verso Orianienburgerstraße. È una via costellata di locali più o meno trendy , noi approfittiamo di uno dei tanti chioschi per un gigantesco Kebab ( 2 maxi kebab + 2 lattine=7euro!!!) e poi ci infiliamo nei tanti negozietti di abiti strani o usati. Arriviamo ad Hackescher Mark e da li puntiamo verso AlexanderPlaz, giriamo intorno alla torre della Tv ed alla piazza del municipio e passando dal Duomo giungiamo all’isola dei musei dove, lungo il fiume, ci imbattiamo in chioschi e locali con sabbia modello spiaggia e un sacco di ragazzi che si godono l’estate Berlinese e il chiaro fino a tarda ora di queste lattudini.

Torniamo in albergo stanchi ma già piacevolmente colpiti da questa straordinaria capitale.

01/06/08 - Domenica Sveglia alle 7.30 , una passeggiata ( abbiamo proprio trovato un albergo in posizione strategica) e siamo alla porta di Brandeburgo. Non ci soffermiamo troppo perché il nostro intento è raggiungere quanto prima il Reichstag per evitare le rinomate code all’entrata. Infatti alle 8.15 entriamo senza difficoltà. La visita al Dome merita veramente e poi oggi è proprio una bella e limpida giornata di sole.

Torniamo nella piazza della porta di Brandeburgo dove finalmente ci concediamo una ricca colazione.

Lungo la Ebertstraße ci fermiamo ed entriamo nel monumento agli Ebrei assassinati. Si tratta di oltre 2007 piloni allineati su un pavimento ondulato e di altezza variabile, prima di arrivare in Postdamer Plaz. Purtroppo oggi è domenica ed in città è tutto chiuso tranne i ristoranti, i negozi di souvenir e...La LEGO adventures. Ovviamente cediamo alla spesa un po’ elevata (14.5 euro a testa + 8 per accedere anche al Sea Life Centre) e ci perdiamo per qualche ora a giocare con i Lego ed a visitare il centro dove è possibile ammirare varie costruzioni ( animali lungo il safari – orchi, dame e cavalieri nel percorso con trenino nel castello, ed una bellissima ricostruzione di Berlino in miniatura) Lungo la Kronenstraße un centinaio di metri di muro con mostra illustrata) ed arriviamo a Ceck Point Charlie, foto di rito e pranziamo in un ristorantino ( due ottime bisteccone con contorni a 9euro/cad).

Ripartiamo per raggiungere il Sea Life Centre ( che è in zona AlexanderPlaz) e passiamo da Gendarmenmark ( definita una delle piazze più belle di Berlino) e dal Nikolaiviertel (quartiere Nikolai) che è a mio avviso il più caratteristico di tutta la città. Il Sea Life Centre è un acquario ( niente a che vedere con Genova ovviamente) con la particolarità di avere un ascensore che passa attraverso un cilindro/acquario alto qualche piano di edificio...Da provare! I piedi incominciano a dolere, così gli concediamo un giro in metrò per raggiungere Straße des 17 Juni ( dietro alla Brandeburger Tor) dove in mattinata avevamo visto montare un palco...Nulla di che, solo qualche stand di cibi biologici, rivenditori biciclette e vestiti lino/canapa. Sono le 18.30, ma il sole è ancora cocente, saggia decisione “ torniamo in albergo”. Una doccia, un’oretta di pennichella e un po’ rigenerati raggiungiamo il ristorante Gambrinus ( vicinissimo all’albergo e vivamente consigliatoci) in Linienstraße

  • 603 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social