Due settimane in Europa Centrale

Periodo: Agosto 2005 Tempo: 15 giorni. Mezzo: Auto propria. Km Percorsi: 3500 circa. Strade: Autostrade, strade statali, percorsi urbani, passi di montagna. Condizioni Climatiche: Variabile, giornate di sole (20-22 C) alternate a giornate nuvolose e 2 giorni di pioggia. Pernottamenti: ...

  • di boole2
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Periodo: Agosto 2005 Tempo: 15 giorni.

Mezzo: Auto propria.

Km Percorsi: 3500 circa.

Strade: Autostrade, strade statali, percorsi urbani, passi di montagna.

Condizioni Climatiche: Variabile, giornate di sole (20-22 C) alternate a giornate nuvolose e 2 giorni di pioggia.

Pernottamenti: Tenda, Alberghi, Pensioni, Zimmer.

Pasti: ristoranti, autogrill, bar, chioschi. Prenotazioni: non necessarie, consigliata Praga e Val di Fassa.

Budget: circa 1200 euro a persona.

Guide di Viaggio Utilizzate: Europa Centrale - Lonely Planet; Germania – Turing Club. Difficoltà: facile.

Luoghi principali del viaggio: Dolomiti, La Baviera Romantica a Fussen, Il Bahaus a Dessau, Potsdam e il Brandeburgo, Berlino: fra reminescenze e modernità, Dresda la ricostruzione, la Sassonia e l’Elba, il Lager di Terezin, Praga misteriosa, Foresta Nera e Danubio a Passau.

Suggerimenti: questo viaggio è estremamente vario, non è facile individuare un filo conduttore quindi una documentazione e una preparazione adeguata ai luoghi della visita. La storia e i fatti che popolano i luoghi sono quelli dell’Europa intera, per cui infiniti. Suggeriamo di dare un occhiata a questi temi: Per la Baviera Romantica: Lodwig II suicida? La follia di un Re fra neogotico e incanto per Wagner.

Per il Bahaus: la rivoluzione degli oggetti, Gropius e la repubblica di Weimar (1919-1925). Berlino: La battaglia di Berlino, il Muro e la città divisa, 1948: Terza Guerra Mondiale al CheckPoint Charlie, Il Nazismo: Topografia del Terrore. Per Dresda: vendetta Inglese? e anche Bomber Harris: uomo o antiuomo? Elba: crociera romantica in Sassionia.

Per la Boemia (tra Dresda e Praga): il Lager di Terezin. Praga: Jan Hus protestante anteliteram? La città di Kafka .

1 Tappa: Dolomiti 2 notti Sostiamo 2 notti in tenda a Pozza di Fassa. Bel campeggio in posizione panoramica. E’ inizio Agosto, le giornate sono assolate i prati verdi e la roccia dolomitica spunta chiara contro il cielo. Giornata di escursione al passo Sella. Si sale con la funivia a ridosso delle falesie di roccia. Un sentiero facile e pianeggiante costeggia la base del gruppo dolomitico fino al rifugio Pertini nei pressi del Sasso Piatto. Si prosegue fino al Sasso Lungo e al rifugio Rodella e da li si scende a valle attraverso sentieri e poi mulattiere. Bellissime montagne uniche al mondo. Molto affollato in Agosto. Il campeggio è abbordabile mentre le altre accomodazioni in val di Fassa sono molto costose e con poca disponibilità in Agosto. Se non vi va il campeggio, prenotate.

2 Tappa: Fussen. 1 notte Autostrada fino al Brennero e poi in Austria fino a Innsbruk. Attenzione alla “vignetta” da acquistare al primo distributore in Austria per percorrere le loro autostrade.

Da Innsbruck lasciamo l’autostrada e puntiamo verso Ovest e poi Nord e sbuchiamo in Baviera, percorrendo strade statali, nei pressi della cittadina di Fussen, centro di riferimento per la zona dei castelli di Ludwig II e inizio della “Romantische Strasse”. Al centro informazioni reperiamo l’elenco delle Zimmer libere in città e decidiamo di alloggiare in una casa in periferia tenuta da una gentile signora. Stefania è in cinta e viene trattata con tutti i riguardi dalla nostra ospite. Il mattino successivo è dedicato alla visita del castello di Neuschwanstein. Per intenderci: quello che assomiglia molto al castello delle favole di Walt Disney. Si può salire a piedi o con un sistema di navette ma ci sembra una cosa da ottuagenari, quindi optiamo per 30 minuti di salita. Andate sul ponticello che Lodwig si era fatto costruire per incantarsi di fronte al suo castello. La foto è d’obbligo se riuscite ad accedervi fra la folla. Il castello è molto meglio da lontano che da vicino. All’interno traspare l’inautenticità della struttura; è una grossa scenografia neogotica, un giocatolo per i desideri del Re spendaccione. Il personaggio è degno di nota, re di Baviera, costruisce una relazione personale con Richard Wagner lunga vent’anni, e vivrà sempre in un mondo irreale, fortemente condizionato dai temi e dai personaggi eroici delle opere del compositore. Isolato dalla realtà, chiuso dentro alle sue dimore, impegnato nella progettazione e realizzazione dei suoi castelli fiabeschi come il Neuschwanstein, farà una fine tragica e misteriosa. Dichiarato pazzo da una commissione di medici e detronizzato, verrà trovato annegato in un laghetto assieme al medico tutore, in prossimità del castello in cui era stato isolato. Suicida? Incidente o Omicidio? Il mistero è ancora irrisolto

  • 2314 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social