Tour Della Germania in una settimana

VIAGGIO IN GERMANIA DI VIVIANA E PAOLO DAL 5/07/2007 AL 12/07/2007. E-MAIL: archivivi@libero.it PRIMO GIORNO (5-6/07/07): PARTENZA DA MODENA, NORIMBERGA, IPHOFEN. Ciao a tutti, vogliamo raccontare il nostro viaggio per fermare per sempre i nostri ricordi e nella speranza d’essere ...

  • di archivivi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

VIAGGIO IN GERMANIA DI VIVIANA E PAOLO DAL 5/07/2007 AL 12/07/2007.

E-MAIL: archivivi@libero.It PRIMO GIORNO (5-6/07/07): PARTENZA DA MODENA, NORIMBERGA, IPHOFEN.

Ciao a tutti, vogliamo raccontare il nostro viaggio per fermare per sempre i nostri ricordi e nella speranza d’essere d’aiuto a qualcuno che vuole intraprendere una vacanza in Germania.

Siamo partiti da Modena con un treno per Bologna e da lì abbiamo preso alle 23.02 un “Euro Night Train” della DB (Ferrovia Tedesca) notturno, che arrivava a Monaco alle 6.30 del giorno dopo. Il treno come livello è tipo i nostri IC Notte, solo ha i sedili più scomodi e si dorme male! Per tutto il viaggio ci siamo avvalsi dell’uso di due guide: ”The Rough Guide-Germania del Sud” e “Monaco e la Baviera” del TCI (la prima è più descrittiva e la seconda ha ottime piantine delle città incluse).

Arrivati a Monaco abbiamo fatto colazione in uno dei bar della stazione, con strudel e caffè. Se amate il caffè espresso vero italiano, non bevete il caffè tedesco, è come un Nescaffè, ma ancora più leggero. Dopo dovevamo andare a Norimberga: ci sono treni poco dopo le 6.30 con un costo che varia dai 28 euro ai 45 euro a persona. Noi avevamo scoperto su http://www.Tuttobaviera.It/baviera-muoversi.Html che c’era la possibilità di fare il "Bayern-Ticket", che è un biglietto giornaliero che vale fino a 5 persone e che ti permette di viaggiare dalle ore 9.00 del mattino alle 24.00 per i treni regionali ed i mezzi pubblici di tutta la Baviera. Se fate il biglietto alla biglietteria cosa 29 euro, alla macchinetta automatica costa 27euro e ci sono istruzioni in italiano. Abbiamo quindi aspettato le 9.00 ed abbiamo preso il primo treno per Norimberga. Siamo arrivati alle 11.00 ed abbiamo subito lasciato i bagagli al deposito. Costa 4 euro il grande e 2 il piccolo, vale credo 72 ore (istruzioni in inglese). Da vedere, appena usciti dalla stazione, le possenti mura di cinta, erette tra il XIV e il XV secolo, che estendendosi per 5 km racchiudono la parte più antica di Norimberga. Il tempo è brutto, pioviggina e c’è un vento forte.

Ci siamo subito diretti al Centro Informazioni Turistiche, di fronte alla stazione (konigstrasse 93), dove una gentile signora che parla italiano ci ha fornito una pianta della città ed il percorso da fare (avevamo poche ore di tempo). Ci siamo diretti quindi al “Cortile degli artigiani di Norimberga” (di fronte), una struttura molto carina con negozi dentro. Qualche foto e poi ci siamo diretti lungo tutta la konigstrasse, via principale della città, che inizia dalla Frauentorturm e corre lungo il centro storico. Seconda tappa la “Chiesa St. Lorenz”, bellissima struttura gotica che ci è piaciuta molto, la cui costruzione iniziò nel 1280 per concludersi alla fine del’400 con l'aggiunta delle due possenti torri campanarie. Affianco si trova la “Fontana delle virtù” ( Tugendbunnen), dove l’acqua esce dalle parti anatomiche delle statue...Divertente! Poi, siamo arrivati al duomo della città, la chiesa “Frauenkirche”, che è una sinagoga ebraica. Bella, ma non ci ha entusiasmato, dato che noi siamo amanti dell’arte gotica e romanica. Continuando sulla via si arriva al Municipio e, di fronte, c’è la chiesa “St. Sebald”, una chiesa tardo romanica che abbiamo trovato bellissima ed è uno dei centri della riforma protestante nel 1500. Salendo in alto sempre dalla konigstrasse si arriva alla “Fortezza Imperiale Kaiserburg”, la grande fortezza della città eretta nel 1039 come residenza degli imperatori per poi diventare del’400 cittadella militare. Dalla collina su cui si trova si può ammirare un bellissimo panorama. Gli esterni ed il giardino sono aperti al pubblico, gli interni si visitano a pagamento. Avendo poco tempo, abbiamo visto il giardino e scattato qualche foto di panoramica dall’alto. Siamo quindi ridiscesi sulla konigstrasse, dove abbiamo mangiato panini con salsiccia e crauti (buonissimi) in un locale con banco con affaccio sulla strada (Ludwing Van Metzgerei) e bevuto caffè italiano in un bar (buono). Un po’ di shopping e poi verso la stazione, ritiro bagagli e treno delle 17.05 con arrivo in un’ora per Iphofen, città piccola (2500 abitanti) ma molto bella, caratteristica e ben tenuta dove vivono i nostri grandi amici Giovanni e Julia. Giovanni è italiano e dopo la laurea si è trasferito ad Iphofen per stare con la sua ragazza tedesca. Vivono in un bilocale carinissimo, situato sotto la casa dei genitori di lei. L’accoglienza è grande e dopo baci ed abbracci ed una doccia, ci siamo diretti alla “Festa del Vino”, che si organizza ad Iphofen una volta l’anno e dura quattro giorni. L’atmosfera è bellissima e credo che in Italia sia difficile trovarla: tantissime panche con tavoli sparsi per la grande piazza centrale, un palco dove suonano e cantano in tedesco, inglese ed anche italiano (Volare di Modugno), tante bancarelle dove si può comprare quel che si vuole per mangiare tutti insieme. In Germania si usa molto la carne od il pesce con le patate od insalata in un unico piatto, poi ovviamente si trovano tutti i tipi di birra e per chi come me non riesce a mandare giù troppa birra perché astemia esiste la “Radler”, che è birra chiara leggera diluita con acqua gassata e limone. Consigli: se bevete solo acqua naturale state attenti perché la maggior parte dei tedeschi beve quella gassata. Sull’etichetta deve esserci scritto “OHNE OHLENSAURE”. Attenti poi alla cauzione: su ogni bottiglia di acqua esiste una cauzione che pagate di 0,25 centesimi e sulle birre da 0,25 ad un euro. Quando bevete per riavere i soldi dovete riportarla dove l’avete presa (o in un qualunque bar o supermercato): questo perché tedeschi fanno la raccolta differenziata, ed anche molto ben organizzata. Ritornando alla festa, abbiamo cenato con i piatti unici (wurstel con crauti e carne al pepe verde con patate ed insalata), vini vari presi dalla cantina, birra e bretzen (dolci o salati fatti con una pasta di pane particolare, si mangiano con la birra ed io ne vado pazza). Ci siamo divertiti tanto, ma siamo crollati alle 23.00, quindi a nanna

  • 14041 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social