Berlino in giornata

Berlino 27 febbraio 2007 Abbiamo passato i momenti liberi delle settimane prima del viaggio a leggere e imparare quanto più possibile, sulla capitale tedesca, in quanto ci eravamo imposti la sfida di vederla in una sola giornata, sfruttando così l'economicità ...

  • di Albertgius
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Berlino 27 febbraio 2007 Abbiamo passato i momenti liberi delle settimane prima del viaggio a leggere e imparare quanto più possibile, sulla capitale tedesca, in quanto ci eravamo imposti la sfida di vederla in una sola giornata, sfruttando così l'economicità delle combinazioni dei voli 'Low Cost .

Berlino è monumentale e storica come ci aspettavamo che fosse; avevamo grandi attese di verificare di persona tante cose, e siamo venuti via con impressioni tutte positive.

Colpisce subito il fatto che la città non nasconda il suo passato; la chiesa della memoria, il monumento alle vittime del nazismo, il muro, il Checkpoint Charlie, Bebel Platz, tutte ferite che non vengono nascoste.

Soprattutto nella parte ovest è rimasto poco della Berlino del passato, il muro ha tagliato in due la città tenendo il centro nella parte est (e infatti i berlinesi dell'ovest non avevano accesso alla porta di Brandemburgo); lo avverti subito che questa è una città imponente.

Lo respiri lungo Under den linden, lo vedi dai quartieri che si affacciano sulla tranquilla Sprea, dai suoi magnifici parchi, dalle cupole delle chiese, dalle facciate dei palazzi prussiani scampati ai bombardamenti o restaurati.

Qui e in nessun altro posto al mondo durante gli anni della guerra fredda, americani e russi si fronteggiarono a pochi metri di distanza come abbiamo verificato al Checkpoint Charlie.

Abbiamo visto all’interno della chiesa della memoria le foto della città devastata dai bombardamenti dove non si vede una singola casa ancora in piedi.

Abbiamo apprezzato tante cose di Berlino: il traffico limitato, i marciapiedi enormi e i tanti parchi in centro tutte cose che ti permettono di passeggiare per Mitte (il centro storico) senza avvertire il traffico.

Con un traffico normale di una grande città nell'ora di punta, l'aereo del ritorno l'avremmo perso Partenza da casa alle 6,30 arrivo a Berlino Tegel ore 9,50 aereoporto è piccolo e funzionale, usciamo in fretta e troviamo senza problemi la fermata dei bus che vanno in centro; prendiamo TXL che va ad Alexander Platz, da li partiamo per il nostro giro a piedi per il centro.

Alexander Platz è una piazza enorme con lavori in corso, una fontana moderna, un orologio che segna le ore di tutto il mondo. Da Akexander Platz, partono i vialoni stile Unione Sovietica di Carl Marx, sono viali enormi con palazzi squadrati.

Da Alexander Platz partiamo nella nostra camminata per incontrare la Berlino medioevale, racchiusa intorno a Nicholaichirche che è la chiesa più antica di Berlino con le due torri gemelle di mattoni rossi; intorno alla chiesa il medievale quartiere di Nikolaivertel accogliente con viali acciottolati, ispira sicurezza e calore.

Incontriamo il Rathaus palazzina di mattoni rossi con davanti la fontana di Nettuno e incredibile... Un campo da basket si trova proprio nella piazza.

Ed eccoci al Marx-Engels forum, un parco con al centro le statue di Carl Marx ed Friedrich Engels; Arriviamo al Berliner Dom, cattedrale protestante in stile barocco verde e grigia; è imponente, affascinante in uno spazio enorme con prati larghissimi davanti; Di fianco al Duomo inizia l’isola dei musei (considerata Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco); un complesso costituito da 5 differenti musei (Bode, Pergamon, Altes, Neues, National Gallerie), situati sulla lunga e stretta isola sul fiume Sprea; l’attraversiamo facendo una bella doccia perché il tempo si è guastato; i musei ci ricordano con forza che questa è stata anche la culla di idee illuministe, non solo naziste Proseguiamo verso nord per vedere la Sinagoga che è bella, in particolare la cupola d'oro che ora risulta imponente, in quella Berlino che fece un genocidio assurdo e metodico. Ritorniamo al Duomo per passare attraverso il ponte più bello, ricco di statue, arriviamo a Bebel Platz la piazza che il 10 maggio 33 divenne scenario del famigerato rogo dei libri organizzato dai nazisti

  • 613 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social