L'alba del nuovo anno a Monaco

Breve resoconto dei 5 bellissimi giorni di vacanza trascorsi a Monaco e dintorni nel periodo compreso tra il 27/12/2006 ed il 01/01/2007. 1° GIORNO Siamo partiti da Brescia verso le ore 05:30 in direzione della piccola cittadina di Hohenschwangau, vicino ...

  • di La Redazione
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Breve resoconto dei 5 bellissimi giorni di vacanza trascorsi a Monaco e dintorni nel periodo compreso tra il 27/12/2006 ed il 01/01/2007.

1° GIORNO Siamo partiti da Brescia verso le ore 05:30 in direzione della piccola cittadina di Hohenschwangau, vicino a Fussen, con destinazione finale (anzi iniziale della vacanza!) il mitico castello di Neuschwanstein, uno dei molti fatti erigere da re Ludwing II (ma soprattutto famoso come castello di Cenerentola!).

La visita vale veramente la pena perché il castello è strepitoso ed imponente e perché per la modica cifra di 9 € a testa (!?!) è possibile entrarci per vedere con i vostri occhi, non solo le meravigliose stanze e i saloni da ballo, ma anche ciò che il re vedeva dalle sue finestre; vi garantisco che il paesaggio è stupendo specialmente se la neve imbianca tutta la pianura ed il freddo ghiaccia il lago.

Verso le ore 14:00 siamo partiti alla volta di Monaco dove siamo giunti dopo circa un’ora e mezza.

Abbiamo alloggiato in un bed & breakfast situato in periferia, nel quartiere di Nymphemburg distante circa 10 minuti di metropolitana dal centro città.

Dopo esserci sistemati e rinfrescati abbiamo visitato il vicinissimo castello di Nymphemburg, fatto erigere a somiglianza della Reggia di Versailles. Di quest’ultima “imita” anche gli immensi giardini dove un sacco di gente passeggia, corre, si riposa...Questo ha subito marcato una forte differenza tra il loro senso del verde (intendo semplicemente la possibilità di lasciarne all’interno della città) ed il nostro amore spansomico per il grigio, quello del cemento. E lo dico da geometra...Ma qui veramente, al di là di questa Reggia che il verde doveva averlo per forza, abbiamo visto molti giardini ed aree verdi pubbliche dove un sacco di tedeschi vivevano e spendevano bene il loro tempo libero.

La sera abbiamo cenato in una piccola locanda gestita da una coppia di croati dove per la cifra di 28 € in due abbiamo mangiato due porzioni di zuppa di gulasch, due piatti giganti di carne tipica con salsa piccante e due birre medie....Poi nanna perché la stanchezza si fa sentire nonostante l’ora non proprio abituale per il riposo notturno (sono le 20:15).

2° GIORNO Approfittando del tempo pazzo e di questo inverno che fatica ad arrivare e quindi non porta neve ma lascia il termometro sopra lo zero (+5°), decidiamo di visitare il campo di concentramento di Dacau.

Facciamo un biglietto speciale della metropolitana che ci costa 11,50 € (per due persone, tutta la giornata e su tutti i mezzi pubblici...I taxi no ovviamente...) e dopo cinque stazioni siamo nella piccola località di Dacau dove ci attende un autobus che in circa 5 minuti (e, come vi ho già spiegato sopra, gratis perchè già compreso nel nostro super biglietto! – direi che per 11,50 €...!! - ) ci conduce in uno dei troppi luoghi dell’orrore costruiti nel periodo più buio della Germania e dell’umanità intera.

La visita al campo è absolutly free perché non c’è bisogno di biglietto; la dirigenza lucra comunque sulla fornitura di una audio-guida, una specie di cellulare che per soli 3 € ti racconta un po di storia...Mi spiego meglio...Il percorso all’interno è arricchito da pannelli con spiegazioni storiche in tedesco e, chiaramente, per capirle c’è bisogno dell’audio-guida...

Il cancello di ingresso è la cosa che mi ha maggiormente colpito perché ti accoglie con l’ironica frase “ARBEIT MACH FREI” (il lavoro rende liberi), l’aberrante motto con il quale venivano accolti i prigionieri. Mi ha tristemente scioccato il limite di decenza che il male è sempre riuscito a superare con totale indifferenza..

  • 249 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social