Ich bin berliner

Siamo una famiglia di quattro persone, io (Gianni), Anna, Elio e Fabio rispettivamente di anni 52, 46, 25, 21. Come ogni anno in agosto scegliamo una città europea dove passare una settimana di vacanza. Il tutto viene organizzato da un ...

  • di il monrealese
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Siamo una famiglia di quattro persone, io (Gianni), Anna, Elio e Fabio rispettivamente di anni 52, 46, 25, 21. Come ogni anno in agosto scegliamo una città europea dove passare una settimana di vacanza. Il tutto viene organizzato da un tour operator che fornisce guida accompagnatore e bicicletta. Quest’anno la meta è stata Berlino. Fin dal mese di giugno mi sono prodigato per trovare i biglietti aerei al miglior prezzo, alla fine il costo è stato di 125 euro, diretto andata e ritorno da Palermo, con la compagnia aerea hapag lloyd. A bordo si pagano le consumazioni, le hostess parlano solo tedesco e inglese e sono bellissime! Il viaggio è stato perfetto, è durato poco più di due ore e trenta, giusto il tempo di sorseggiare un paio di caffè americani fra una sbirciata e l’altra dall’oblò; a proposito vi voglio confessare che pur essendo un esigente estimatore del caffè espresso nostrano, dal momento in cui metto piede in un aereo e per tutta la vacanza bevo solamente ed esclusivamente caffè americano, per otto giorni lo adoro. Arrivati all’aeroporto di Tegel ci sappiamo orientare benissimo, troviamo subito l’area dove si trova il 101 tx, il bus che ci porterà ad Alexander platz dove si trova il nostro hotel il Park Inn. Tempo del tragitto un quarto d’ora, qui i mezzi pubblici funzionano alla grande. L’albergo è veramente lussuoso, è un grattacielo con tutto quanto si desidera al suo interno: palestra, piscina centro commerciale, ristoranti e persino un casinò. Doccia veloce e primo incontro con la guida Stefania, e l’accompagnatore Emanuela tedesca doc. Ci sediamo nella hall dell’albergo e attendiamo gli altri ospiti che man mano arrivano. È gente di varia età proveniente principalmente dal nord Italia, ma è sempre così, al sud la bicicletta è considerata quasi un impaccio possederla, figurarsi a fare le vacanze in bici. La prima sera facciamo un giro della città a piedi, mia moglie è subito estasiata dalla bellezza della città, la Sprea, il fiume che attraversa Berlino, ha monumenti austeri nelle sue sponde. I miei ragazzi si immergono nella vita notturna della città che offre tantissimo. Ci accorgiamo che chi ha più di quarant’anni parla soltanto il tedesco ma la loro cordialità è encomiabile, il loro danke shon è cantilenante.

La mattina del secondo giorno ci vengono consegnate le biciclette che alla fine del tour giornaliero verranno depositate in un garage dell’albergo. Vi assicuro che pedalare a Berlino è veramente rilassante e ti fa sentire, per usare la frase di Kennedy, hic bin berliner cioè un berlinese. Naturalmente la prima cosa da vedere è l’unter den linden ( letteralmente “sotto i tigli”) il favoloso viale ricco di storia, da ammirare seduti al caffè Einstein. Poi ci si sposta da un punto all’altro dell’immensa città con le nostre eccezionali guide, in men che non si dica conosciamo, o crediamo di conoscere, tutto.

Nei giorni successivi abbiamo pedalato spesso lungo le sponde del fiume dove abbondano le spiagge artificiali, o ci siamo immersi nei luoghi più esclusivi della capitale, come potsdamer platz raffinata espressione della moderna architettura firmata anche dal nostro Renzo Piano. Su tutto però rimane veramente impresso il monumento ai caduti sovietici della seconda guerra mondiale, credetemi le dimensioni sono ciclopiche, un immenso soldato sovietico calpesta la svastica mentre regge in braccio un biondo bambino tedesco. Dopo tre giorni è la volta di andare fuori città. La prima tappa è il castello di sans souci, bellissimo il parco. Poi è la volta del castello di Charlottenburg anche qui vi è un parco mozzafiato. Ma quel che veramente delizia sono i laghi a nord di Berlino, la natura qui è quasi incontaminata, l’acqua si insinua in fitte boscaglie dove pascolano animali selvatici quali il cervo. Noi facciamo una mini crociera e di tanto in tanto ci fermiamo e pedaliamo in mezzo ai boschi, non ci si capacita proprio di trovarsi in piena Europa. La sera rientriamo con il treno, abbiamo una fame da lupi ma il ristorante dell’albergo è eccezionale, c’è di tutto: stinco di maiale, gulasch, anatra, cervo, varie zuppe, ottime birre e dolci. Mangiamo in verità un po’ più del consueto ma cosa importa domani con la bici ci si diverte e si fa anche moto

  • 259 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social