Genova

Breve soggiorno in città per visitare la mostra di Modigliani (e non solo) a Palazzo Ducale

  • di ag.rebos
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Per il 2017 la meta da noi scelta è Genova. Sebbene il capoluogo ligure disti poche centinaia di chilometri da casa nostra mai abbiamo avuto la voglia e l’opportunità di visitarlo. Ora l’occasione ci è data dalla mostra di Amedeo Modigliani che si tiene a Palazzo Ducale. Decidiamo di andare in treno, visto il caotico traffico ligure e la difficoltà di trovare parcheggio. Partiamo un sabato mattina con il regionale delle 8,30 e in meno di due ore siamo a Genova. Siamo all’inizio dell’estate il treno è pieno di villeggianti, il viaggio non è dei più felici. La motrice sobbalza vistosamente. Insomma, un viaggio breve ma tribolato. Scendiamo a Genova Brignole e con il nostro piccolo bagaglio ci dirigiamo in centro. il nostro alloggio è un B&B in pieno centro. Trovare l’ingresso non è semplicissimo, vista la complicanza con cui i genovesi assegnano i numeri delle abitazioni: rossi per le attività commerciali, neri per le case. Saperlo, avremmo fatto prima. Hotel Liberty si presente bene, in un palazzo signorile, ascensore ottocentesco, piccolo ma pulito. La giornata è calda e ventosa. I portici del centro storico ci conducono in piazza de Ferraris, con la sua rinfrescante fontana. Entriamo subito a Palazzo Ducale per la mostra.

Pochi sono i visitatori individuali; numerosi quelli che scendono dalle navi crociera. Il percorso è facile e interessante. Scopriremo giorni dopo che la mostra sarà molto criticata in quanto alcuni dipinti si presuppone siano falsi. Denunce e contro denunce in corso diranno la verità.

All’uscita di Palazzo Ducale un mercato biologico e artigianale propone la sua mercanzia, ma è il mercato coperto della nostra zona che ci attira, come al solito, facciamo incetta di focaccia, pane e dolci del posto.

Ci prendiamo un giusta pausa perché il pomeriggio è veramente caldo. Sotto sera usciamo per dirigerci al porto vecchio. Bellissimo, multietnico, e vecchissimo, veramente. Poiché è sabato pomeriggio tante sono le etnie che gironzolano al porto. Persone di tutti i colori e i ceti sociali non sono dei più altolocati. La musica, gli idiomi e i profumi la fanno da padroni. Un antico vascello o galeone è ancorato al porto: una bella scenografia. Ci addentriamo nei bui e poco puliti ”carruggi” per trovare una trattoria tipica che ci servirà lo stoccafisso accomodato. Trovare un ristorante che serve questo piatto non è facile. Proviamo in diversi posti e, poi, su consiglio di Trip Advisor, ci addentriamo in un buio caruggio dove, scesi tre gradini, troviamo la nostra trattoria tipica. E’ un po’ presto, i tavoli sono pochi, l’ambiente è da taverna del porto. Il figlio del proprietario ci fa accomodare e mentre aspettiamo che il piatto si pronti, ci porta un antipasto tipico genovese. Lo stoccafisso non è la mia passione, ma ad Achille piace molto, il piatto lo soddisfa totalmente. Ormai è calata la sera e torniamo al nostro hotel.

Domenica 11 giugno

Dopo una dormita non proprio salutare, in quanto veniamo svegliati dal solito ubriacone di tutte le città portuali e non, siamo pronti per la colazione che non ci riserva sorprese. L’albergo è piccolo, ma la colazione ottima. Le città alla domenica sono tutte uguali. Traffico inesistente. Si può tranquillamente girare a piedi ed è quello che facciamo. Nelle vie attorno alla basilica un mercato tipico propone la sua mercanzia. I primi gruppi di turisti iniziano a popolare le strade. Dobbiamo trovare un negozio di souvenirs che ci possa vendere la Lanterna di Genova. Pare non sia un oggetto molto richiesto. Dobbiamo fare diversi tentativi, ma alla fine troviamo e compriamo quello che fa al caso nostro. Siamo nuovamente al porto. Per ingannare il tempo decidiamo di salire su una motonave per il giro turistico che ci farà ammirare Genova dal mare. Achille non è molto convinto, insisto e alla fine sarà costretto a darmi ragione. Una bella idea per far passare un po’ di tempo in un modo a noi insolito

  • 140 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social