Weekend in Italia: Genova tra mare e monti

Scopriamo la città con i consigli della nostra guida per caso Matteo

  • di Zap77
    pubblicato il
 

A cura della Guida per Caso della Liguria Matteo (Zap77)

Tra mare e monti si allungano il porto e la città, le banchine e i moli strappati alle acque, mentre le case, alte e strette, si ammassano nella sottile striscia di terra e poi si arrampicano sulle colline. Genova è unica per conformazione del territorio, storia, cultura e saprà sicuramente affascinarvi.

Il primo nucleo cittadino si sviluppa sulla collina di Castello intorno al V sec a.c. e continua ad ampliarsi durante l’epoca romana e carolingia nonostante varie incursioni e saccheggi. Intorno al 1100 nasce la prima forma di comune che attraverso le Crociate e la sconfitta di Pisa inizia ad arricchirsi e ad espandere il suo dominio sul Mediterraneo. Intorno al 1500, nel periodo di maggior splendore dei traffici e della potenza della città, nasce la Repubblica di Genova e molti dei meravigliosi palazzi che ancora oggi sono il lustro della città. Purtroppo, questo periodo di gloria non dura a lungo e la città ha un lento declino economico e culturale accentuato dalla speculazione edilizia del dopoguerra che causa la rovina di molte opere d’arte e modifica il profilo della “Superba”. Solo il centro storico, oggi patrimonio dell'UNESCO, è rimasto quasi perfettamente intatto, ma anche attraversando i quartieri più moderni facilmente ci si può imbattere in reminiscenze del suo glorioso passato.

Itinerario consigliato nel centro storico

Iniziamo a scoprire Genova partendo dalla Stazione di Brignole, uno dei maggiori nodi di comunicazione. La stazione si trova nella zona della Foce, un’area fortemente urbanizzata, ma con vari punti di interesse come l’avveniristico complesso di Corte Lambruschini, un moderno centro direzionale e sede del Teatro Stabile e Piazza della Vittoria, una delle più grandi della città con al centro l’omonimo arco eretto in memoria dei caduti della prima guerra mondiale. Spostandoci nel quartiere di San Vincenzo troviamo una delle zone più lussuose, ricca di negozi e locali alla moda. Via XX Settembre ne è l’esempio lampante con i suoi meravigliosi portici e i nobili palazzi dalle facciate in stile liberty. A metà della via, poco dopo il Ponte Monumentale, si trova una piccola scaletta che sale alla chiesa romanica di S. Stefano; salendo ancora si raggiunge la sommità del ponte da cui si gode di una bella vista sulla città. Al termine della via, Piazza De Ferrari, il cuore della città con la storica fontana, circondata da Palazzo Ducale (prolifico centro culturale sede di mostre ed eventi), lo storico Teatro Carlo Felice (ricostruito negli anni ’90 dopo i bombardamenti della guerra e oggi uno dei più moderni teatri d’opera), Il Palazzo della Borsa con gli interni in stile liberty realizzati da Adolfo Coppedè ed il Palazzo della Regione.

Per chi è orientato allo shopping di lusso, Via XXV Aprile e Via Roma ospitano le più eleganti boutique della città dove si trovano marche come Louis Vuitton, Dolce & Gabbana, Hogan, Ferragamo ecc, mentre per gli altri è arrivato il momento di esplorare il centro storico, la zona più singolare e antica della città. Da Piazza De Ferrari si può scendere lungo Salita di S. Matteo che conduce nell'omonima piazza, un vero gioiello medievale caratterizzato dalla tipica colorazione a strisce bianche e nere dei palazzi e della chiesa intitolate al Santo. Questo era il centro dell’antica curia dei Doria, una delle famiglie più potenti della Genova medievale. Buona parte del centro storico era diviso in curie o corti: piccoli quartieri, legati spesso al nome di una famiglia nobiliare, che tramite un sistema di cancelli potevano venire isolati dal resto della città. Tale caratteristica ha portato gli abitanti a commerciare e ad avere rapporti quasi esclusivamente con i residenti nella medesima curia, accentuando il carattere poco espansivo dei genovesi. Anche la morfologia del territorio con i monti alle spalle della città, rendendo difficili i traffici e le relazioni con l’entroterra, ha contribuito all'isolamento della popolazione

Parole chiave
, , ,
  • 4382 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social