Gargano on the road in un fine settimana

Tre giorni per scoprire il Gargano in libertà

  • di ELel
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Ormai siamo agli sgoccioli di questa avventura pugliese, non sappiamo se torneremo a vivere da queste parti e quindi decidiamo di regalarci tre giorni sul Gargano, l’unica zona che ancora non avevamo visto.

Partiamo da Taranto verso le due di venerdì pomeriggio, prendiamo l’autostrada e dopo circa un’oretta e mezza usciamo all’altezza di Cerignola e capiamo perché questa zona è cihamata Tavoliere delle Puglie: intorno a noi distese di grano dorato e niente più! La strada è dritta e molto poco trafficata, iniziamo a capire che è stata una buona idea venire adesso e non in periodo caldo di vacanze.

La nostra prima tappa è Monte Sant’Angelo, un paesino arroccato sopra a Manfredonia, che raggiungiamo dopo circa 3 ore e una salita degna di un Gran Premio della Montagna nel giro d’Italia. Parcheggiamo proprio dietro al castello, in un parcheggio a pagamento: 2,50 euro per una visita che si è rivelata essere davvero veloce! Non fatevi fregare: il paesello è ricco di parcheggi gratuiti ed è talmente piccolo che si può tranquillamente mettere la macchina un po’ più in là. L’attrazione più conosciuta è senza dubbio la chiesa di San Miche Arcangelo, costruita all’interno di una grotta, davvero spettacolare e soprattutto molto fresca!! Usciti dalla chiesetta, che vi prenderà a farla lentissimamente venti minuti (è possibile fare anche le visite guidate alle cripte, ma in orario prestabiliti e noi ovviamente non li abbiamo beccati!), abbiamo iniziato a gironzolare per il paesello che ha un sacco di itinerari da poter fare a piedi, purtroppo però molto chiese erano chiuse e solo la zona prettamente turistica è tenuta bene, il resto risulta essere piuttosto degradato e a tratti sporco. A noi interessava in particolare la zona medievale, che dopo un bel po’ abbiamo scoperto essere quella intorno alla chiesa di San Francesco e dove ovviamente eravamo già passati!! L’ultima visita è stata quella al Castello Svevo, aperto dal 2009, è ancora in fase di allestimento, ma comunque merita i due euro d’entrata.

Ormai sono quasi le sette quindi ritorniamo in macchina e puntiamo verso San Giovanni Rotondo, dove grazie alle fidatissime Osterie d’Italia abbiamo prenotato la cena all’enoteca Opus Wine. Decidiamo di non andare al Santuario, un po’ per l’ora e un po’ perché io non amo questo tipo di turismo di massa religioso, e quindi gironzoliamo per il centro cercando disperatamente il ristorante. E’ in pieno centro storico e fatichiamo un bel po’, finchè non troviamo la traversa Castellana, una minuscola viuzza che si dirama dalla più grande via Castellana, il locale è ancora chiuso, stanno ancora allestendo i tavoli, quindi continuiamo a passeggiare per la via principale, che è stracolma di gente che si da al passeggio serale. Alle otto e un quarto ritorniamo al ristorante e ci sistemiamo nella saletta interna, davvero molto molto bella, e decidiamo di prendere gli antipasti misti e smezzarci un primo (cavatelli con crema di patate e guanciale affumicato) e un secondo (bocconcini di vitello al mosto di fico e un assaggino di salsiccia al finocchietto, tipica della zona), il tutto annaffiato da una leggera e dissetante birra belga da tre quatri. Il conto finale, compresi i due amari finali, è stato di 45 euro, assolutamente meritati!

Finalmente partiamo verso il nostro hotel a Vieste, ma la strada è davvero lunga e tortuosa e noi non abbiamo nemmeno beccato la via più veloce che da Mattinata esce poco prima della baia delle Zagare, ma ci siamo fatti tutta la litoranea con curve, controcurve e volpi che ci tagliavano la strada! Dopo quasi un’ora e mezza arriviamo a Vieste, ma non riusciamo a trovare la strada che porta all’hotel Magnolia, quindi chiamiamo e ci facciamo guidare. Si deve seguire la strada per il Residence Oasi e continuare dritti, tenendosi sulla destra, finchè non se lo si troverà sulla sinistra. Abbiamo scelto questo hotel perché abbiamo trovato una bella offerta: 90 euro per due notti in b&b, ma ci siamo resi conto che in realtà è un quattro stelle molto stiracchiato, anche se comunque il prezzo non era affatto male

  • 28152 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social