Fuerteventura, l’isola del vento

Fuerteventura è un paese che sa farti innamorare, dei suoi paesaggi naturali, dei suoi silenzi, del suo cibo e del vento che ti guiderà in ogni cammino. Pronti a innamorarsi di questo paese meraviglioso? Ecco il nostro itinerario per 5 ...

  • di Loversintheworld
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Panoramica dell’itinerario

  • Day 1 – visita dei paesaggi lunari dell’isola, alla scoperta di Morro Jable, a sud dell’isola (2 notti)
  • Day 2 – Play Costa Calma, Gran Tarajal, la Pared, Sotavento
  • Day 3 – Playa El Cofete, Ajuy, Antigua, La Oliva, Aljibe de la Cueva, arrivo a Corralejo, a nord dell’isola (2 notti)
  • Day 4 – Escursione isla de los Lobos, Parque de las dunas de Corallejo
  • Day 5 – La Concha, Puerto Rosario

DAY 1

Dopo un volo di 4h da Milano/Bergamo con Ryanair, arriviamo nel pomeriggio all’aeroporto di Fuerte, dove già si può godere di una magnifica vista sull’oceano. Andiamo a ritirare l’auto prenotata presso la compagnia CiCar, ottima compagnia low cost e ci dirigiamo a sud dell’isola verso Morro Jable. Durante il tragitto facciamo tappa qua e là, fotografando i paesaggi rurali, quasi lunari.

Dopo poco più di 1 ora, arriviamo a Morro Jable, un paese molto semplice ma allo stesso tempo molto accogliente. Eseguiamo il check in presso l’hotel, Alameda de Jandía, un complesso molto grande con più di 900 camere, una piscina, un terrazzo e balcone bar nella hall. Nel complesso l’hotel è carino, forse un po’ poco pulito per i nostri gusti, ma ottima la posizione centrale e la vista sul mare dal balcone. Purtroppo per ogni extra (wifi – cassaforte – tv – utensili cucina…) sono a pagamento.

Su consiglio delle recensioni online, ci affidiamo per la cena al ristorante La Laja, un ristorante piccolo in riva al mare, scegliendo un buon piatto di pesce fresco.

Day 2

Dopo aver fatto una breve colazione, compriamo al mini market sotto all’hotel, dei panini e bibite; il pranzo al sacco è un buon modo per pranzare in spiaggia, poiché non ci sono chioschi o locali, se vorrete pranzare seduti in qualche bar, dovrete spostarvi con l’auto nel paese più vicino, altrimenti più comodamente, optate per il pranzo al sacco.

Ci dirigiamo a Costa Calma, una spiaggia a sud est dell’isola, molto carina e semplice, passeggiamo in riva al mare, scattandoci foto e godendoci il sole che lentamente sorge. Ancora non abbiamo il coraggio per tuffarci in mare, il vento è molto forte e le onde molto alte.

A metà mattina ci spostiamo a Gran Tarajal. Questo paesino ci ha colpito per i suoi murales sui muri delle case, ben fatti, che donano un tocco di colore e vivacità a questo paese. Per quanto riguarda la spiaggia, non ci ha molto entusiasmati, ottima per fare il bagno poiché qui il mare sembra più tranquillo, ma siamo certi che quest’isola sa regalarci spiagge migliori.

Nel pomeriggio ci spostiamo a sud ovest, alla play de la Pared. Inizialmente c’è una piccola spiaggia di sabbia scura, con pochi bagnanti e ci sistemiamo con i nostri asciugamani per goderci un po’ di relax. La nostra voglia di esplorare si fa presto sentire e iniziamo ad esplorare la spiaggia, arrampicandoci lungo la roccia posta al lato sinistro, dove incontriamo molti scoiattoli. Al di là della roccia si affaccia un’altra spiaggia, sempre facente parte della Pared, molto più estesa, con un’area dedicata ai surfisti, che cercano di cavalcare le onde. Scendiamo giù e ci sistemiamo sulla nuova spiaggia e dopo aver preso coraggio ci tuffiamo in mare. Ammettiamo che l’acqua è piuttosto gelata, ma pian piano ci si abitua, mentre non ci si abitua mai alle grandi onde che arrivano a riva facendoci ballare un po’.

Essendo ormai tardo pomeriggio ci spostiamo nuovamente a sud est, nella play di Sotavento. Già dalla strada ne rimaniamo incantati, si presenta come una grande lastra di un azzurro intenso e turchese che invita subito a fargli visita. Quella grande lastra azzurra non è altro che una grande lingua di sabbia che con l’alta marea si riempie, creando un lago in mezzo alla spiaggia. Quasi tutta l’area del lago è zona kite surf, ma potete passeggiare tranquillamente, basta solo fare attenzione. Per chi volesse un po’ di relax, si possono noleggiare degli sdraio sotto alle palme, godendosi questa magnifica vista

  • 1777 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social