Fuerteventura d’Epifania

Selvaggia, desertica, ventosa, rocciosa, sabbiosa e gustosa! Un’isola dove svernare una settimana in famiglia, non lontano da casa e a costi contenuti

  • di Luna Lecci
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 8
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

PRIMA DELLA PARTENZA

Com’è noto, andare in vacanza durante il periodo di alta stagione è un po’ costosetto, ma è pure bello indossare il costume davanti a un albero di natale addobbato. Per non spendere tantissimo, far svagare i bimbi e non stressarsi con troppe ore di volo, la giusta meta potrebbero essere le Canarie.

Manca meno di una settimana alla partenza e concentro la mia ricerca valutando offerte a Fuerteventura sui siti Caesartour, Lastminute, Borsaviaggi e proprio presso quest’ultimo operatore, trovo, prenotando tra il 27 e il 28 dicembre, una delle ultime proposte interessanti per trascorrere la prima settimana di gennaio.

La meta è gettonatissima e i posti disponibili – soprattutto perché ci muoviamo in 8 (5 adulti e 3 bimbi) – sono contati. Pago con carta di credito il contratto on-line, assicurandomi i voli Meridiana, i trasferimenti e tre stanze in formula All inclusive: una singola (€ 880), una tripla con bimbo di 2 anni (€ 1.880) e una quadrupla con due bimbe di 6 e 8 anni (€ 2.562) presso il SBH Fuerteventura Playa.

LUNEDÌ 2 GENNAIO: ROMA FIUMICINO – FUERTEVENTURA COSTA CALMA

Alzataccia all’alba perché la partenza da Fiumicino è alle ore 6,50. Lasciamo le macchine al Kingparking (una settimana € 23 per una Ford Fiesta ed € 30 per una Picasso) e con un pulmino veniamo accompagnati al Termina 3 dove ci imbarchiamo sul volo Meridiana.

Dopo un’oretta di volo (posti 23E) vengono serviti un drink e un paio di merendine (una alla vaniglia e una al cioccolato) e dopo altre 3 ore e mezza circa e senza alcun ritardo atterriamo nella capitale Puerto del Rosario dove sono le 10,10, il fuso è di un’ora avanti rispetto all’Italia. Ritiriamo i bagagli e passiamo dal Lost and found per denunciare che tre valigie su 7 hanno subito danni, una è irrimediabilmente spaccata, squarciata, senza una ruota e varie ammaccature. L’addetta prende atto, ci consegna un elenco di cose da fare per la denuncia una volta rientrati in Italia e, inutile a dirsi, non otterremo alcun risarcimento. Il benvenuto ci viene dato da un addetto InViaggi e con un pulmino in un’oretta e mezza scarsa raggiungiamo l’Hotel della catena Sunrise Beach (SBH) sulla Costa Calma, a circa 70 km. Il paesaggio è desertico, ogni tanto un’oasi con tante palme prevalentemente da dattero e mini cactus (in realtà si tratta di aloe vera). Il lungomare ha delle sfumature turchesi spettacolari, ma il vento tira forte e si vedono le lunghe e alte onde che s’infrangono sugli scogli.

A mezzogiorno siamo in hotel, ma le stanze non sono pronte. L’accoglienza non è delle migliori. Una tedesca in inglese ci dice di lasciare i bagagli nella hall, fare un giretto, andare a pranzo e tornare per le 14, quando potremo effettuare il check-in. Siamo un po’ provati, per fortuna i miei nipoti di 2, 6 e 8 anni accusano meno di noi la stanchezza e il fastidio di indossare vestiti invernali con 24 °C. L’impatto è buono, l’hotel ha una grande piscina presso la quale lettini e ombrelloni gratuiti, un giardino molto curato con palme, piante tropicali, fiori, attraversando il quale si arriva direttamente al mare cristallino con spiaggia di arena dorata. Il vento soffia forte, l’acqua è fredda e solo qualche nordico ha il coraggio di farsi una nuotata. E per fortuna questa è la località a sud dell’isola tra le più tranquille! Alle 13 il buffet si presenta ricco di verdure, carne e pesce alla piastra, frutta e dolci. Le bibite sono alla spina, un po’ diluite e fresche. Alle 14 ci ripresentiamo alla reception, ma le nostre stanze non sono ancora pronte. Nessuno dello staff sa quando lo saranno, ci dicono di aspettare, la tedesca è sempre più scortese, una spagnola è al suo primo giorno di lavoro e solo dopo esserci fatti un po’ sentire, alle 14,45 acconsentono a che ne prendiamo possesso (in una mancavano gli asciugamani, ma la gentile cameriera era nelle vicinanze e li stava portando). Siamo al primo piano - che poi coincide con il piano terra -, altezza giardino e piscina, di fronte al bar, tutto sommato una buona posizione, anche se poco panoramica. Sui corridoi moquette, ma fortunatamente non nelle nostre camere (158, 174 e 178), tutte molto ampie, luminose, connessione wi-fi gratuita (basta registrarne il codice all’inizio vacanza), telefono (anche se due su tre non funzionanti), mini frigo, tv, radio, aria condizionata e lettini, sedie con tavolo sul terrazzino. Quella Family ha due divani letto che non sono comodissimi, praticamente materasso singolo su base di cemento. La pulizia non sarà fatta tutti i giorni, ma cinque volte in una settimana (salteranno il mercoledì e la domenica) e il cambio degli asciugamani verrà effettuato solo tre volte. In bagno l’asciugacapelli, un paio di saponette, campioncini di shampoo e doccia schiuma

  • 1408 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social