Un weekend di natura, sport e relax!

Seguiamo Liliana sulle Dolomiti Friulane

  • di lilianamonticone
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Il nostro arrivo, giovedì sera, è sotto un acquazzone, nonostante le temperature siano molto alte. Pazienza, non ci lasciamo scoraggiare, in fondo la montagna è sempre bella, in estate come in inverno e quindi, qual occasione migliore per darsi alla gastronomia?

Il Gelindo dei Magredi a Vivaro è sicuramente uno dei luoghi ideali. Hanno un menù degustazione a 20 euro che permette di assaggiare molte delle specialità friulane più rinomate. A self service c'è poi la polenta che in queste zone non manca mai e la cena è semplicemente perfetta. Qui è possibile fare veramente qualsiasi tipo di attività: cavalli, biciclette, escursioni, campeggio, camere, carrozza, barbecue, gastronomia, cucina, e mille altre cose che vi possono venire in mente. Unico neo dell'agriturismo, ma importante soprattutto per chi è avvezzo alla rete e al web, i prezzi non pubblicati.

L'indomani mattina si comincia ad esplorare il territorio. Ci dirigiamo alle Sorgenti del Livenza. Specchi d'acqua e cascatelle che offrono refrigerio dal caldo. Acque dai colori intensi con tutte le sfumature del blu e movimenti d'acqua ovunque. Tappa da prevedere assolutamente.

Caneva ci accoglie con il suo mercatino e il castello lassù in alto offre una vista interessante sulla pianura. La torre svetta e girandole intorno ci accorgiamo che la porta è aperta. Gli operai stanno lavorando nella parte bassa, gli interni sono curati e quelle scale sono una tentazione davvero troppo forte per resistere. Lo sappiamo che non si fa! Ma in un attimo siamo in cima. Alcune foto molto belle, tempo zero per godersi il panorama e scendiamo in fretta. Uno degli operai sopraggiunge proprio mentre mio marito sta scendendo gli ultimi gradini e gli "dà una girata" stratosferica. Sappiamo che ha ragione, ma è un vero peccato che non si possa salire sempre lassù! Vabbè! A noi questa volta è andata bene, ma mi raccomando, non ditelo a nessuno!!!

Polcenigo è un altro borgo tutto da scoprire. Sono davvero tanti in questa zona gli scorci meravigliosi per scattare foto. La pietra è sovrana e alcune ristrutturazioni sono una delizia per gli occhi. Poi l'acqua, elemento molto importante che scorre un po' ovunque con i suoi colori così intensi, dando quella sensazione di freschezza che, per quanto illusoria con questo caldo, è piacevole per gli occhi.

Dicevamo acqua? Tappa d'obbligo alla Centrale Idroelettrica di Monterale Valcellina. Qui si può scoprire che è la prima centrale idroelettrica d'Italia ad essere stata costruita. Più antica ancora di quella storica di Milano. Un centro visite permette di apprendere tutti i segreti della produzione di energia elettrica da una fonte così "naturale".

Eccoci arrivati a Maniago. Il centro più importante della zona. La piazza principale è semplicemente incantevole, bar e localini tutto intorno, fiori ben curati, fontana, scale,... e il campanile a fare da sfondo.

A Maniago non ci si può certo perdere il Museo della Coltelleria. Sì, avete capito bene, Maniago è famosa in tutto il mondo per la produzione di coltelli. Nei secoli si sono interessati un po' tutti ai coltelli di Maniago: dall'FBI ad Hollywood. Persino il coltello di Rambo viene proprio da qui!

Esplorare l'interno significa entrare in una storia vecchia di secoli in cui la produzione era completamente artigianale, aspetto che riveste tuttora un'importanza fondamentale. Dietro un semplice coltello da cucina o dietro le più preziose lame, si scopre letteralmente un mondo. Cura minuziosa nella lavorazione e nei dettagli. Ancora una volta l'eccellenza italiana viene portata nel mondo e noi che l'abbiamo in casa il più delle volte neppure ne siamo a conoscenza. Plastici, riproduzioni, forme umane al lavoro,... tutto per far entrare il visitatore nella storia e nella difficoltà che la realizzazione di un prodotto perfetto comporta

Scopri queste e altre storie su Go Live FVG! »
  • 3433 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social