Francia on the road (parte seconda)

Dieci giorni tra Francia e Germania fino alle Fiandre

  • di inviaggioconimiei
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

On the road in Francia anche questa volta! Per le nostre vacanze estive, abbiamo scelto un altro viaggio in giro per la Francia e non solo. Nella settimana dal 16 al 23 luglio la nostra macchina ha percorso 3500 km! In viaggio, questa volta, solo io, mamma e papà: il nostro autista preferito. È stata davvero una vacanza bellissima!

Sabato 16 partiamo da Milano, dove abbiamo passato la notte precedente, e ci dirigiamo verso la Svizzera. Prima sosta Lago di Losanna e poi si continua il viaggio verso le cascate di Schaffhausen: davvero spettacolari! Percorrendo un breve sentiero si arriva proprio sopra alle “Rheinfall” e, se si ama l’avventura, si può addirittura prendere una barca che porta praticamente al centro delle cascate! Dopo una breve sosta al negozio di souvenir, dove si possono comprare diversi tipi di cioccolata svizzera, ripartiamo alla volta della Foresta Nera (Germania). Ho scoperto personalmente perché proprio “foresta nera”: gli alberi (per la maggior parte abeti o pini) sono di colore così scuro che, se non li si guarda con attenzione, sembrano solo una grande macchia scura. Luogo ideale per una bella fetta di strudel, perché mangiare qualcosa di tipico, inviaggioconimiei, non guasta mai! Ma dobbiamo proprio ripartire, non dimentichiamo che la nostra meta è la Francia… infatti passiamo la notte all’Holiday Inn di Mulhouse, subito fuori dal centro e comodissimo per il nostro itinerario on the road.

Il giorno dopo percorriamo una parte della “Route de Cretes”, una strada di montagna che offre un panorama stupendo su Francia e Germania. Arriviamo sul Grand Ballon e scattiamo parecchie fotografie: di lì si vede fino al Monte Bianco! Poi proseguiamo sulla stessa strada attraverso bellissime località sciistiche – che devono essere molto belle anche in inverno – e, dopo un pranzo all’insegna della tarte flambée (una specie di impasto della pizza farcito con il formaggio tipico) e una visita al Castello dell’Haut Koenigsburg e al suo giardino, puntiamo verso Colmar. Arrivati alle sei, facciamo il giro della città con il trenino e poi ceniamo mangiando un’ottima Quiche Lorraine. Passeggiamo lungo i canali, ammirando le case a graticcio, le chiesette e i ponti e ci riposiamo passando la notte all’ibis di Colmar.

Lunedì, per raggiungere Strasburgo da Colmar, decidiamo di passare dalla Route des Vins: si parte da Turckheim, dove vale davvero la pena di fare una sosta, e si segue la strada indicata, fermandosi nelle caves o nei paesini; noi abbiamo visitato Riquewihr, che è delizioso! Potete fermarvi a comprare tramezzini e bibite al supermercato e mangiare in una delle numerose aree attrezzate lungo la strada: noi lo abbiamo fatto e abbiamo pranzato in compagnia di una cicogna; questo è il loro territorio: guardatevi attorno e ne vedrete sia in volo che a terra! Dopo una sosta al Memorial de l’Alzace Moselle a Schirmeck – davvero molto utile per comprendere meglio la storia di questi territori di confine e della loro popolazione – e a Struthof, unico campo di concentramento della zona, arriviamo a Strasburgo, dove ci fermiamo due notti all’Holiday Inn. Il giorno seguente passeggiamo per le strade della città e visitiamo la cattedrale, con le sue meravigliose vetrate, il quartiere della Petite France, il centro storico e i palazzi dell’Unione Europea. Dopo un giro in battello al tramonto, ceniamo sulla terrazza affacciata su un canale di un bellissimo ristorante

  • 2913 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social