Bretagna e Normandia

Un contrasto tra paesaggi splendidi ed emozioni forti

  • di CRIBER70
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

1° GIORNO

Siamo a fine luglio del 2008. Niente aerei per questo viaggio, partiamo in due su una Yaris in direzione Fréjus. Una sosta a Salbertrand per l'ultimo caffé italiano (si sa... la Francia è magnifica ma in quanto a caffé... devono ancora imparare molto!) ed attraversiamo il tunnel. Il primo benvenuto in Francia lo abbiamo dalla polizia, che decide di fermarci per un controllo di routine. E' tutto a posto ovviamente... "bon voyage"! Imbocchiamo l'autostrada in direzione Lione e per il primo giorno, da bravi "vacanzieri fai da te" ci siamo portati pane, salumi e formaggi che mangiamo a pranzo in un'area di sosta tremendamente sporca. Quando viaggiamo insieme in auto, il mio allora compagno, ora marito, ha il compito ufficiale di autista ed io sono la navigatrice (allora rigorosamente munita di mappe cartacee). Per l'ultima tratta prima di arrivare a Tours, dove pernotteremo, ci scambiamo i ruoli e guido io ma... i commenti ed i lamenti del mio compagno sono insopportabili, rinuncio! Arriviamo in hotel nel tardo pomeriggio. Siamo distrutti dai chilometri percorsi, ma Tours è molto carina e nonostante entrambi la conosciamo già per via del nostro passato di autista di bus ed accompagnatrice... una passeggiata e la cena in centro non ce la toglie nessuno!

2° GIORNO

Dopo aver fatto colazione in hotel, partiamo in direzione Bretagna. Ci accorgiamo che rispetto a cosa indicava la nostra vecchia cartina, sono state costruite nuove autostrade, quindi il nostro programma si velocizza parecchio! Arriviamo a Vannes poco prima di pranzo. Pensavamo fosse una cittadina piccola e tranquilla, invece facciamo coda per entrare e fatichiamo a trovare parcheggio... La città è veramente carina e vivace, con banchetti e musicisti per le strade. Vediamo un mercato del pesce e lì ci rendiamo veramente conto di essere in Bretagna: le ostriche la fanno da padrone! Compriamo una baguette e ripartiamo in direzione Auray, con l'intenzione di fermarci a fare un pic-nic per pranzo con gli avanzi di ieri. Lungo la strada scorgiamo un prato con al fondo una baia e delle barche; posto perfetto! Ci fermiamo e con il nostro cestino con i viveri ci incamminiamo alla ricerca di un posto dove sederci. Qualcosa però non quadra... ci sono degli alberelli piantati ordinatamente, delle targhe e dei fiori sotto ad ogni albero ed un signore ne sta annaffiando uno. Ci guardiamo intorno e scopriamo che si tratta di un cimitero... o meglio di un "giardino delle memorie", dove si può scegliere di far seppellire le ceneri dei propri cari e far piantare un alberello commemorativo. Il luogo è pervaso da un'atmosfera di pace e serenità e ci viene da pensare che anche a noi piacerebbe essere sepolti là quando sarà la nostra ora. Ora la questione è "si può fare un pic-nic in un cimitero?"... in realtà non ci sembra irrispettoso mangiare un panino vicino a quelle lapidi; lo facciamo in silenzio e per assurdo ci sentiamo in pace con noi stessi! Dopo questa esperienza quasi mistica... proseguiamo per Auray, dove visitiamo il porticciolo ed il quartiere St. Guimilan, molto caratteristico. Ci intrufoliamo in un biscottificio-cioccolateria, dove sono esposte prelibatezze di ogni genere e ci si può servire da soli... mi sembra di essere Alice nel paese delle meraviglie! Il nostro viaggio continua fino a Carnac, dove cerchiamo gli allineamenti preistorici di menhir che la nostra guida decanta. Che delusione! Immaginavo fossero alti ed imponenti, invece sembrano delle normalissime pietre o rocce, una a fianco all'altra. Arriviamo a Lorient, dove pernotteremo in un bed & breakfast tipicamente francese... cuscini rotondi (ma nell'armadio troviamo quelli "normali"!), toilette separata dalla stanza da bagno, moquette in bagno e niente bidet..

  • 15861 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social